Salute 7 Marzo 2017 10:54

«Da figlio di medico e medico mancato, mi dedico agli altri». Flavio Insinna racconta come si cambia un pezzo di mondo…

«In un paese che taglia la sanità, mio padre era il medico degli ultimi e curava gli invisibili. L’ho visto con i miei occhi leggere, aggiornarsi, formarsi, fino all’ultimo sapendo che la sua era una missione» il conduttore di ‘Affari tuoi’ ci racconta la sua missione…

«Ho paura di un paese che si chiude in se stesso, mio padre mi ha insegnato un’altra storia mi ha insegnato un’altra vita» c’è la passione negli occhi di Flavio Insinna, il conduttore televisivo, che ci racconta il suo ‘dietro le quinte’ «spogliato da ‘paiette e lustrini televisivi’ – per dirla come dice lui – la mia vita è questa, seguire e sostenere chi, in questo mondo, molto spesso si sente invisibile».  «Ma non sono Ghandi – dice strizzando l’occhio – sono solo uno che crede nel coraggio e nella ribellione». Sono proprio così, coraggiosi e ribelli, come li descrive il loro primo sostenitore, iGiovani e Tenaci, della squadra giovanile della SS Lazio Basket in carrozzina. «Audaci, pieni di forza e coraggio» spiega Insinna che ha deciso di accompagnare questi paratleti, nel corso della loro avventura in campo. «Si mettono in gioco, cadono e si rialzano, e chi meglio di loro conosce bene la sensazione di perdere l’equilibrio, ma poi ci si rialza e si combatte». Insinna è l’accompagnatore e testimonial di questi giovanissimi che sulle loro carrozzine sfrecciano «lasciandoti a bocca aperta».

Il conduttore dei ‘pacchi’, la popolare trasmissione di Rai1, racconta che a farlo avvicinare al basket in carrozzina è stato il padre, medico della Fondazione Santa Lucia, scomparso anni fa: «Mio padre mi ha insegnato a fermarmi, a voltarmi e ad aspettare chi rimaneva indietro. Era il medico degli ultimi e in un paese come questo, che taglia la sanità, mio papà curava i disabili, i tossico-dipendenti, i malati di mente. L’ho visto con i mie occhi rivestirsi e uscire alle 10 di sera, non l’ho mai visto curare per telefono. Fino all’ultimo, anche lui malato, l’ho visto leggere, aggiornarsi, formarsi, assistere, dare consigli, fare le ricette, sapendo che era una missione la sua, sapendo che devi stare vicino a chi fa più fatica di te. Altrimenti non è vita. Si fa presto a dire ‘noi’ ma ‘noi’ non lo devi dire, lo devi fare».

«Non sono riuscito a fare il medico come mio papà – prosegue – allora, dove posso, tendo la mano agli altri, ci metto il faccione e la buona volontà, quello che serve che si può, e che si deve fare, trovo sia doveroso». Tecnicamente Insinna è «accompagnatore della squadra – racconta sorridente -. Mi hanno dato anche la giacca ‘Giovani e tenaci’ e sono lì con loro a sostenerli ed aiutarli a cambiare quel pezzettino di mondo per renderlo meglio di com’è».

Insinna confessa che dentro ‘Giovani e tenaci’ c’è un sogno ancora più grande «far arrivare altri ragazzi a giocare con noi, magari se non vogliono fare il campionato possono solo allenarsi, stare con noi e partecipare alle partite, stare in albergo tutti insieme, fermarsi all’autogrill, scherzare e parlare della partita. Poi capita di perdere, ma non è un problema, l’importante è mettersi in gioco».

Disabile, cosa vuol dire questa parola? Lo chiediamo a Flavio che ci racconta un episodio che vale più di qualsiasi definizione: «Mio padre aveva un fratello primario, cardiologo a Palermo che aveva un problema ad una gamba e zoppicava dalla nascita. Papà spesso diceva: ‘eh purtroppo zio Ciccio è zoppo’, ma zoppo che vuol dire? Non vuol dire niente, mio padre lo chiamava così e lo amava alla follia. Quando c’è l’amore non contano le parole, conta quello che fai e quello che hai nel cuore e nella testa».

Articoli correlati
Disabilità, Falabella (FISH): «Serve Fondo unico per dare concretezza a riforme»
Parla il Presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap che plaude al Decreto LEA ma chiede un aggiornamento del nomenclatore tariffario. Sulla Disability card chiarisce: «Strumento utile ma al momento è una semplice sostituzione della certificazione di invalidità della legge 104. Dobbiamo inserire più servizi»
Salute orale e disabilità, un binomio complicato. E spesso le famiglie sono costrette a rivolgersi all’ospedale
«Nel campo della salute orale il 50% dei professionisti ha poche competenze sulla gestione del paziente con disabilità» racconta Alberto Aureli, Igienista dentale e padre di un paziente con autismo. Che lancia un progetto di formazione per gli studi privati
Le politiche future per la disabilità, l’appello di FISH per la nuova legislatura
In un documento la FISH chiede politiche e servizi inclusivi, strumenti normativi ed interventi normativi adeguati, il tutto in linea con i principi valoriali della Convenzione Onu sui diritti per le persone con disabilità
Lovegiver: ecco chi è e cosa fa
Maximiliano Ulivieri, nel 2013, ha fondato il Comitato Lovegiver, per promuovere la professione dell’O.E.A.S., l’operatore per l’assistenza emotiva, affettiva e sessuale di persone con disabilità fisico e/o cognitiva
Università: migliora l’accesso agli studenti con disabilità
Diffuso il nuovo report dell'Anvur su accesso alle università da parte degli studenti disabili. Registrati importanti miglioramenti
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...