Salute 9 ottobre 2017

La ginecologia a confronto: Aogoi, Sigo e Agui in Congresso. L’obiettivo è la buona pratica medica

Dall’8 all’11 ottobre il Congresso delle Associazioni Ostetrici e Ginecologi riunite per affrontare temi fondamentali per la categoria: dalla gestione clinica e strumentale del paziente, alla diagnosi, dai rapporti con le istituzioni alle assicurazioni fino agli aspetti medico legali della professione e molto altro…

Immagine articolo

Una donna che taglia un immaginario traguardo rappresenta il risultato di un corretto approccio al suo problema di salute attraverso una buona pratica clinica. L’indirizzo dell’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (AOGOI) è quello di affrontare e discutere in maniera completa e multidisciplinare la gestione dei casi a basso rischio che, paradossalmente, sono quelli maggiormente ricchi di incognite e sorprese. Questo non deve meravigliare poiché l’attenzione si è sempre incentrata sulla gestione del caso complesso.

Quello di cui non si parla quasi mai è la corretta individuazione del caso a basso rischio, della sua gestione fino alla risoluzione del problema e di essere pronti a trattare l’urgenza inaspettata che può comparire anche in questi casi.  Il Congresso in programma dall’8 all’11 ottobre all’Ergife Palace Hotel di Roma, affronta differenti aspetti, la gestione clinica e strumentale di una paziente a basso rischio, la diagnosi dell’anomalia, la sua correzione, i rischi impliciti, le complicanze, le problematiche difensive del proprio operato.

Quindi tutta la parte centrale del Congresso sarà costruita, orizzontalmente, attraverso queste tre sezioni in continuazione logica fra loro. Ci saranno aree separate nelle quali discutere di argomenti in ambito ostetrico e ginecologico, sezioni nelle quali saranno discussi i rapporti con le istituzioni, le assicurazioni, gli aspetti medico legali. Come sempre ampio spazio ai relatori giovani delegando i loro maestri a funzioni di coordinamento delle discussioni.

«Sono grata agli organizzatori di questo annuale appuntamento scientifico per l’alto valore che ha nel formare, informare ed aggiornare gli operatori di settore – così il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin nel suo messaggio in occasione del Congresso nazionale Aogoi pubblicato sul numero speciale GynecoAogoi – ma anche perché apre un momento di confronto con l’istituzione che io rappresento per un dialogo finalizzato a migliorare le strategie di sanità pubblica e tutelare non solo i cittadini ma anche i professionisti che costantemente si mettono in gioco in ogni momento della loro attività professionale».

PER CONSULTARE IL PROGRAMMA

Articoli correlati
L’empatia in ostetricia e ginecologia, al via il congresso regionale Aogoi in Emilia-Romagna
Recuperare la fiducia nel rapporto tra medico e paziente, riscoprendo l’importanza del dialogo e creando un argine contro le fake news. Sarà questo uno dei temi affrontati nel corso del 16esimo congresso regionale dell’Emilia Romagna dell’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (Aogoi), che quest’anno vede il coinvolgimento della Società Italiana di Ginecologia Ostetricia (Sigo) a cui […]
Ginecologia, Scambia (Sigo): «Nuove terapie allungheranno sopravvivenza pazienti con tumore ovarico»
Il presidente della Società italiana di ginecologia e ostetricia fa il punto sul Congresso Sigo, Aogoi e Agui appena concluso: «Si è dibattuto di salute femminile a 360 gradi. Fondamentale affrontare temi carenza specialisti e integrazione università-SSN»
Rilancio SSN e condivisione informazioni, siglato patto tra 15 società scientifiche
Coordinatori dell’intesa i presidenti di Acoi, Pierluigi Marini, e di Aogoi, Giuseppe Ettore. Chiesto incontro al Ministro Grillo
Ostetricia: quando gli uomini sono una minoranza. Le storie di due professionisti al vertice di un mestiere ‘rosa’
Elio Lopresti e Michele Trinchese sono 2 dei 300 ostetrici italiani a fronte di 22mila donne che svolgono la professione. «Una scelta in controtendenza ma non ci sentiamo discriminati, anzi»
di Isabella Faggiano
Chirurgia robotica, con il 100esimo robot Da Vinci Italia al top in Europa. Utilizzo sempre più diffuso in Urologia
L’ultimo apparecchio è stato installato al Policlinico di Catania. La macchina moltiplica fino a 10 volte la normale visione dell’occhio umano e permette maggiore precisione. Artibani (SIU): «Professione chirurgica rivoluzionata da nuove tecnologie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...