Salute 3 Aprile 2024 11:36

La dieta chetogenica migliora il trattamento dei malati psichiatrici

La dieta chetogenica non solo ripristina la salute metabolica nei pazienti psichiatrici mentre continuano a prendere i farmaci, ma migliora ulteriormente la loro salute mentale. A scoprirlo è uno studio pilota condotto da un gruppo di ricercatori della Stanford Medicine e pubblicato sulla rivista Psychiatry Research

La dieta chetogenica migliora il trattamento dei malati psichiatrici

La dieta chetogenica non solo ripristina la salute metabolica nei pazienti psichiatrici mentre continuano a prendere i farmaci, ma migliora ulteriormente la loro salute mentale. A scoprirlo è uno studio pilota condotto da un gruppo di ricercatori della Stanford Medicine e pubblicato sulla rivista Psychiatry Research. Per le persone che convivono con gravi malattie mentali come la schizofrenia o il disturbo bipolare, il trattamento standard con farmaci antipsicotici può rivelarsi un’arma a doppio taglio. Sebbene questi farmaci aiutino a regolare la chimica del cervello, spesso causano effetti collaterali metabolici come la resistenza all’insulina e l’obesità, che sono abbastanza angoscianti da indurre molti pazienti a smettere di assumerli.

La dieta chetogenica riduce l’eccitabilità dei neuroni

“È molto promettente e molto incoraggiante – spiega Shebani Sethi, professore associato di psichiatria e scienze comportamentali e primo autore dello studio – che un paziente possa riprendere il controllo della sua malattia in qualche modo, oltre al consueto standard di cura”. L’autrice senior dell’articolo è Laura Saslow, professore associato presso l’Università del Michigan, e dice: “La dieta chetogenica ha dimostrato di essere efficace contro le crisi epilettiche resistenti al trattamento riducendo l’eccitabilità dei neuroni nel cervello. Abbiamo pensato che varrebbe la pena esplorare questo trattamento in condizioni psichiatriche”. Nello studio pilota di quattro mesi, il team di Sethi ha seguito 21 partecipanti adulti a cui era stata diagnosticata schizofrenia o disturbo bipolare e che assumevano farmaci antipsicotici e presentavano un’anomalia metabolica, come aumento di peso, resistenza all’insulina, ipertrigliceridemia, dislipidemia o ridotta tolleranza al glucosio.

I pazienti sono stati messi nelle condizioni di seguire una dieta chetogenica

Ai partecipanti dello studio è stato chiesto di seguire una dieta chetogenica, con circa il 10% delle calorie provenienti da carboidrati, il 30% da proteine ​​e il 60% da grassi. Non è stato detto loro di contare le calorie. “L’attenzione nel mangiare è rivolta agli alimenti interi non trasformati, comprese le proteine ​​e le verdure non amidacee, e non alla limitazione dei grassi”, afferma Sethi, che ha condiviso idee per pasti “keto-friendly” con i partecipanti. Hanno anche ricevuto libri di cucina cheto e l’accesso a un “coach sanitario”. Il gruppo di ricerca ha monitorato il modo in cui i partecipanti hanno seguito la dieta attraverso misurazioni settimanali dei livelli di chetoni nel sangue. I chetoni sono acidi prodotti quando il corpo scompone il grasso – invece del glucosio – per produrre energia. Alla fine dello studio, 14 pazienti erano completamente aderenti, sei semi-aderenti e solo uno non aderente.

Dopo 4 mesi i pazienti non avevano più la sindrome metabolica

Nel corso dello studio o partecipanti sono stati sottoposti a una serie di valutazioni psichiatriche e metaboliche. Prima dello studio, il 29% dei partecipanti soddisfaceva i criteri per la sindrome metabolica, definita come presenza di almeno tre delle cinque condizioni: obesità addominale, trigliceridi elevati, basso colesterolo HDL, pressione sanguigna elevata ed elevati livelli di glucosio a digiuno. Dopo quattro mesi di dieta chetogenica, nessuno dei partecipanti aveva la sindrome metabolica. In media, i partecipanti hanno perso il 10% del loro peso corporeo; ridotto la circonferenza della vita dell’11%; e avevano pressione sanguigna, indice di massa corporea, trigliceridi, livelli di zucchero nel sangue e resistenza all’insulina più bassi. “Stiamo assistendo a enormi cambiamenti”, ha detto Sethi. “Anche se prendiamo farmaci antipsicotici, possiamo ancora invertire l’obesità, la sindrome metabolica, l’insulino-resistenza. Penso che sia molto incoraggiante per i pazienti”.

Le valutazioni psichiatriche sono migliorate del 31%

Anche i benefici psichiatrici sono stati sorprendenti. In media, i partecipanti hanno migliorato del 31% la valutazione psichiatra della malattia mentale nota come scala delle impressioni cliniche globali, con tre quarti del gruppo che hanno mostrato un miglioramento clinicamente significativo. Nel complesso, i partecipanti hanno anche riferito un sonno migliore e una maggiore soddisfazione di vita. “I partecipanti hanno riferito miglioramenti nella loro energia, sonno, umore e qualità della vita”, afferma Sethi. “Si sentono più sani e più pieni di speranza”, aggiunge. I ricercatori sono rimasti colpiti dal fatto che la maggior parte dei partecipanti abbia mantenuto la dieta.

Maggiore è l’aderenza terapeutica, maggiori sono anche i benefici sulla salute mentale

“Abbiamo riscontrato maggiori benefici con il gruppo aderente rispetto al gruppo semi-aderente alla dieta chetogenica, indicando una potenziale relazione dose-risposta”, afferma Sethi. Ci sono prove crescenti che le malattie psichiatriche come la schizofrenia e il disturbo bipolare derivino da deficit metabolici nel cervello, che influenzano l’eccitabilità dei neuroni. I ricercatori ipotizzano che proprio come una dieta chetogenica migliora il resto del metabolismo del corpo, migliora anche il metabolismo del cervello. “Tutto ciò che migliora la salute metabolica in generale probabilmente migliorerà comunque la salute del cervello”, sottolinea Sethi. “Ma la dieta chetogenica può fornire chetoni come combustibile alternativo al glucosio per un cervello con disfunzione energetica”, aggiunge. Probabilmente ci sono molteplici meccanismi in gioco, ha aggiunto, e lo scopo principale del piccolo studio pilota è quello di aiutare i ricercatori a rilevare segnali che guideranno la progettazione di studi più ampi e robusti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...