Salute 2 Settembre 2014 11:24

Istruzione e sanità, l’accoppiata vincente per “guarire” l’Africa

In una terra devastata da epidemie e povertà c’è spazio per la solidarietà. Intervista al dottor Ausili

Non solo Ebola. Dalla profonda Africa arrivano anche buone notizie. Ne abbiamo parlato con Emanuele Ausili, pediatra al Policlinico Gemelli di Roma e presidente dell’associazione Onlus “La Terrazza dell’Infanzia”, che opera proprio nella Repubblica Democratica del Congo.

Si tratta dell’ultimo Paese in ordine cronologico ad essere stato colpito dall’epidemia che da mesi sta falcidiando l’Africa Occidentale.

Di cosa si occupa, nello specifico, la vostra associazione?
“La Terrazza dell’Infanzia”, Onlus nata nel 2005, è impegnata in progetti in favore delle popolazioni dell’Africa. In particolare, ci occupiamo della Repubblica Democratica del Congo con il nostro ospedale pediatrico di Kimbondo. Ultimamente, in collaborazione con Consulcesi, stiamo finanziando la costruzione di una scuola nell’area di Kinta. E’ un progetto che si chiama “Kintaround”, e che prevede la costruzione di cinque nuove aule destinate ai bambini dei villaggi di Kinta, una zona alla periferia della capitale Kinshasa. Si tratta di un’iniziativa che rientra nei progetti della nostra fondazione pediatrica, di cui è presidente padre Hugo Rios: è lui che ci ha aiutato a fondare questa associazione, ed è per noi un simbolo.

Qual è il suo punto di vista sulla situazione attuale e sulle prospettive di sviluppo in queste aree così difficili?
Purtroppo la situazione – sanitaria ed economica – nella Repubblica Democratica del Congo è estremamente critica: la mortalità infantile è elevatissima, e le varie Onlus, fondazioni ed enti che collaborano per migliorare la situazione sono i benvenuti. Uno degli obiettivi primari è arginare le emergenze sanitarie nella zona, soprattutto per patologie come l’AIDS, la tubercolosi, e le varie parassitosi. A tale proposito, nei nostri progetti futuri c’è proprio la costruzione di un ospedale. L’idea è di affiancare un presidio medico a quello scolastico, per dare alla popolazione due contributi fondamentali: l’istruzione e la salute.

Articoli correlati
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Disturbi spettro autistico. Associazioni e Società Scientifiche scrivono al Ministro Schillaci

Nella lettera si sottolinea come sia "indispensabile affrontare le criticità più volte evidenziate da operatori e famiglie nell’ambito di tutti i disturbi del neurosviluppo, quale ...
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.