Salute 2 Settembre 2014

Istruzione e sanità, l’accoppiata vincente per “guarire” l’Africa

In una terra devastata da epidemie e povertà c’è spazio per la solidarietà. Intervista al dottor Ausili

Non solo Ebola. Dalla profonda Africa arrivano anche buone notizie. Ne abbiamo parlato con Emanuele Ausili, pediatra al Policlinico Gemelli di Roma e presidente dell’associazione Onlus “La Terrazza dell’Infanzia”, che opera proprio nella Repubblica Democratica del Congo.

Si tratta dell’ultimo Paese in ordine cronologico ad essere stato colpito dall’epidemia che da mesi sta falcidiando l’Africa Occidentale.

Di cosa si occupa, nello specifico, la vostra associazione?
“La Terrazza dell’Infanzia”, Onlus nata nel 2005, è impegnata in progetti in favore delle popolazioni dell’Africa. In particolare, ci occupiamo della Repubblica Democratica del Congo con il nostro ospedale pediatrico di Kimbondo. Ultimamente, in collaborazione con Consulcesi, stiamo finanziando la costruzione di una scuola nell’area di Kinta. E’ un progetto che si chiama “Kintaround”, e che prevede la costruzione di cinque nuove aule destinate ai bambini dei villaggi di Kinta, una zona alla periferia della capitale Kinshasa. Si tratta di un’iniziativa che rientra nei progetti della nostra fondazione pediatrica, di cui è presidente padre Hugo Rios: è lui che ci ha aiutato a fondare questa associazione, ed è per noi un simbolo.

Qual è il suo punto di vista sulla situazione attuale e sulle prospettive di sviluppo in queste aree così difficili?
Purtroppo la situazione – sanitaria ed economica – nella Repubblica Democratica del Congo è estremamente critica: la mortalità infantile è elevatissima, e le varie Onlus, fondazioni ed enti che collaborano per migliorare la situazione sono i benvenuti. Uno degli obiettivi primari è arginare le emergenze sanitarie nella zona, soprattutto per patologie come l’AIDS, la tubercolosi, e le varie parassitosi. A tale proposito, nei nostri progetti futuri c’è proprio la costruzione di un ospedale. L’idea è di affiancare un presidio medico a quello scolastico, per dare alla popolazione due contributi fondamentali: l’istruzione e la salute.

Articoli correlati
Nuovo codice deontologico degli infermieri. Mangiacavalli (FNOPI): «Strumento di guida per la professione»
Nel testo un intero articolo è dedicato all’ECM, l’Educazione Continua in Medicina. Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI: ««Abbiamo anche voluto rimarcare che l’infermiere adempie agli obblighi previsti»
Formazione post-laurea, Minerva (Als): «Non è stata adeguatamente programmata, servono 2900 borse in più»
«Non abbiamo più specializzati e gli ospedali corrono il rischio del crash», spiega il presidente dell'Associazione libero specializzandi. «Ci sono diverse migliaia di medici che vorrebbero entrare in questo percorso ma non riescono, si tratta di quasi 10mila studenti» aggiunge Minerva
Ex specializzandi, OMCeO Roma plaude a nuovi rimborsi. Magi: «Diritti riconosciuti sono buona notizia. Ora serve alleanza medici-pazienti»
Il Presidente dell’Ordine dei medici più grande d’Europa ha partecipato alla cerimonia di consegna dei risarcimenti ai camici bianchi ex specializzandi tutelati da Consulcesi. «Oggi è una bella giornata. I singoli cittadini da soli sono sempre la parte più debole, per questo difenderli è importante. Ora bisogna fare in modo che cittadini e medici ritornino ad avere quel rapporto che avevano una volta»
Il Decreto Calabria arriva in Senato, Carlo Palermo (Anaao): «Sblocco assunzioni è punto importante»
Previsto per martedì 18 giugno l'esame del testo in Senato. Secondo il segretario Anaao Assomed, Carlo Palermo, grazie al decreto si «allarga enormemente la platea dei medici che possono essere assunti nel sistema»
Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»
Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all'assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l'aumento strutturale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...