Salute 2 Settembre 2014 11:24

Istruzione e sanità, l’accoppiata vincente per “guarire” l’Africa

In una terra devastata da epidemie e povertà c’è spazio per la solidarietà. Intervista al dottor Ausili

Non solo Ebola. Dalla profonda Africa arrivano anche buone notizie. Ne abbiamo parlato con Emanuele Ausili, pediatra al Policlinico Gemelli di Roma e presidente dell’associazione Onlus “La Terrazza dell’Infanzia”, che opera proprio nella Repubblica Democratica del Congo.

Si tratta dell’ultimo Paese in ordine cronologico ad essere stato colpito dall’epidemia che da mesi sta falcidiando l’Africa Occidentale.

Di cosa si occupa, nello specifico, la vostra associazione?
“La Terrazza dell’Infanzia”, Onlus nata nel 2005, è impegnata in progetti in favore delle popolazioni dell’Africa. In particolare, ci occupiamo della Repubblica Democratica del Congo con il nostro ospedale pediatrico di Kimbondo. Ultimamente, in collaborazione con Consulcesi, stiamo finanziando la costruzione di una scuola nell’area di Kinta. E’ un progetto che si chiama “Kintaround”, e che prevede la costruzione di cinque nuove aule destinate ai bambini dei villaggi di Kinta, una zona alla periferia della capitale Kinshasa. Si tratta di un’iniziativa che rientra nei progetti della nostra fondazione pediatrica, di cui è presidente padre Hugo Rios: è lui che ci ha aiutato a fondare questa associazione, ed è per noi un simbolo.

Qual è il suo punto di vista sulla situazione attuale e sulle prospettive di sviluppo in queste aree così difficili?
Purtroppo la situazione – sanitaria ed economica – nella Repubblica Democratica del Congo è estremamente critica: la mortalità infantile è elevatissima, e le varie Onlus, fondazioni ed enti che collaborano per migliorare la situazione sono i benvenuti. Uno degli obiettivi primari è arginare le emergenze sanitarie nella zona, soprattutto per patologie come l’AIDS, la tubercolosi, e le varie parassitosi. A tale proposito, nei nostri progetti futuri c’è proprio la costruzione di un ospedale. L’idea è di affiancare un presidio medico a quello scolastico, per dare alla popolazione due contributi fondamentali: l’istruzione e la salute.

Articoli correlati
Legge Gelli: i requisiti minimi di garanzia delle polizze assicurative
Nella bozza del decreto attuativo è previsto il diritto di rivalsa nei confronti del professionista sanitario che non ha regolarmente assolto l’obbligo formativo
Ex specializzandi, Stato condannato a pagare ancora 5 milioni ad altri 200 medici
Una recente pronuncia del Tribunale di Firenze raddoppia i rimborsi per ogni anno frequentato e allunga i tempi per la prescrizione. Avv. Tortorella (Consulcesi): «Affermate le tesi che Consulcesi ha sempre portato avanti con il parere pro-veritate del presidente Di Amato«»
Arriva l’estate ma i professionisti sanitari non riescono ad andare in ferie. È allarme burnout
Hanno lavorato duramente perché questa fosse un'estate serena per tutti, ma medici e professionisti sanitari non sono certi di potersi riposare. Su di loro pesano ancora le visite rimandate e la campagna vaccinale, ma si rischiano conseguenze fisiche e psicologiche a lungo termine. Come tutelarsi
Consulcesi: «Con estate cresce allarme turni massacranti. Pronti a fare da “scudo” ai sanitari»
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «Ferie negate e turni infiniti sono il prodotto di una carenza cronica di medici. Siamo aperti al dialogo con le istituzioni, ma anche pronti a schierare la nostra massima potenza di fuoco in tribunale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM