Salute 10 Febbraio 2021 06:01

Ippolito (Spallanzani) in audizione alla Camera: «Epidemia occasione per riformare Ssn»

Il direttore scientifico dell’Istituto nazionale malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma è stato ascoltato in Commissione Affari Sociali alla Camera nell’ambito dell’esame, in sede consultiva, della proposta di Piano nazionale di ripresa e resilienza

«L’epidemia è un’occasione che non va sprecata per riorganizzare il Servizio sanitario nazionale». È cominciata così, con una citazione di Papa Francesco, l’audizione in Commissione Affari Sociali alla Camera nell’ambito dell’esame, in sede consultiva, della proposta di Piano nazionale di ripresa e resilienza, di Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto nazionale malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma.

Il Pnrr, ha spiegato Ippolito, è un «documento corposo, su cui c’è stato un grande lavoro, ma ancora in fase di definizione. Mancano obiettivi chiari e gran parte delle risorse andranno a finire in edilizia sanitaria e tecnologia, che sono importanti, ma non rappresentano un piano a lungo termine. È necessario che la politica identifichi i bisogni del Paese, con una pianificazione dettagliata».

«Per il sistema salute – ha continuato – c’è bisogno di integrazione, per garantire continuità dalla prevenzione alla cura», ma soprattutto «non è chiaro» il modello a cui si guarda: «La sensazione è di un modello di Ssn industrialistico che dia anche benefici economici, ma che rischia di non tenere conto di funzioni essenziali, non remunerative ma che fanno parte della capacità dello Stato di dare risposte; di non tenere conto delle disparità geografiche e dell’importanza del territorio».

Secondo Ippolito «serve una riforma degli Irccs (gli istituti che coniugano ricerca e assistenza ai pazienti, ndr), ma devo dire che gli Irccs sono molti, forse troppi, e molti lavorano sulle stesse tematiche. Negli anni ci sono state anche pressioni politiche per riconoscimenti di molti Istituti che forse non avevano le caratteristiche per fare questo lavoro. Le duplicazioni non servono».

«I sistemi di finanziamenti alla ricerca devono essere chiari e a lungo termine: la ricerca è fatta di competitività e non di competizione. Competitività basata sulla qualità e non su sistemi di pressione». Infine, è necessaria, per il direttore scientifico dell’Istituto nazionale malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, una struttura di coordinamento forte a livello nazionale, all’interno delle Istituzioni, che dia respiro a lungo termine ai programmi di ricerca.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
XV Giornata europea dei diritti del malato: la resilienza dei sistemi sanitari passa per la trasparenza e la cooperazione a livello internazionale
La conferenza europea organizzata da ACN ha acceso i riflettori sulle nuove esigenze di salute globale e i modi per affrontarle
Ospedali di Comunità, telemedicina, e assistenza domiciliare: come saranno impiegati i 15,63 miliardi del PNRR per la sanità
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è arrivato in Parlamento dove sarà illustrato dal premier Draghi prima del voto. Al comparto salute in tutto 20,82 miliardi considerando anche il Fondo complementare e il React EU. Il Piano in tutto prevede investimenti per 222,1 miliardi. Previsti fondi per aumentare le borse per la medicina generale e le specializzazioni mediche
Vaccini, Ippolito (Cts): «Rischi Covid maggiori di ipotetici eventi avversi. Tanto basta per decisioni razionali»
Dalle rare reazioni avverse di AstraZeneca e Johnson&Johnson ai dubbi sulla seconda dose, le risposte del direttore scientifico dello Spallanzani e membro del Cts Giuseppe Ippolito
di Peter D'Angelo
Il Pd riparte dalla sanità. Zampa: «Vissuto in prima persona conseguenze di mancati investimenti»
L’ex sottosegretaria oggi è responsabile Salute della nuova segreteria dem targata Enrico Letta. E non risparmia autocritiche alla sua coalizione: «Anche centrosinistra ha disinvestito in sanità. Solo con Conte e Speranza inversione di tendenza già prima del Covid». Inviato al segretario Pd un piano con spunti per il PNRR
Recovery Plan, le osservazioni della Commissione Affari Sociali su MMG, contratti di specializzazione e Case di comunità
Parere favorevole dalla Commissione presieduta da Marialucia Lorefice al Piano nazionale di Ripresa e Resilienza. Implementazione della farmacia dei servizi e riforma del 118 tra le richieste dei deputati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...