Salute 23 febbraio 2018

«Troppe ore connessi? Si rischia di diventare inetti». L’allarme di Antonia Liskova e Stefano Fresi, tra i protagonisti di ‘Sconnessi’

Un film che denuncia (con pungente sarcasmo) l’abuso di internet e dei social network che è diventato «un modo per nascondersi dalla vita reale», dichiarano gli attori del film opera prima del regista Christian Marazziti

Cosa si prova ad essere, per un giorno o anche solo per un’ora, completamente sconnessi? Niente smartphone, mail, messaggi, social network e quant’altro ad interrompere chiacchierate o il bisogno compulsivo di farsi un selfie da postare su Instagram per passare il successivo quarto d’ora a controllare i cuoricini raccolti. Cosa si prova, insomma, a passare un po’ di tempo in amici o famiglia come si faceva una volta?

«Quando si è sconnessi si vive – ci risponde Antonia Liskova, bellissima attrice di origine slovacca protagonista di “Sconnessi”, l’ultimo film di Christian Marazziti che tratta, in maniera ironica e divertente, proprio il problema dell’iperconnessione –. Si vive, si sentono gli odori, si sente parlare la gente, si vive il momento». Insomma, essere connessi sempre e comunque fa male: psicologi e medici sono concordi nel definire quella dell’iperconnessione una patologia: «È vero – continua la Liskova –, si diventa inetti. Addirittura ci si sdoppia perché tutte quelle persone che per qualche motivo non riescono ad affrontare la vita reale hanno la possibilità di nascondersi dietro ad avatar».

Una soluzione – almeno parziale – a questa deriva potrebbe essere l’idea lanciata dal regista del film, Christian Marazziti: facciamo diventare il 22 febbraio (giorno di uscita nelle sale della pellicola) di ogni anno, lo Sconnessi Day. Una giornata completamente dedicata agli affetti, alla famiglia e agli amici da vivere direttamente, senza l’intermediazione di cellulari e tablet.

«Una giornata del genere può rappresentare una vera e propria disintossicazione – spiega l’attrice – perché cominciamo ad essere un po’ intossicati da queste tecnologie. Si tratta di un’innovazione relativamente nuova che ci ha cambiato la vita molto velocemente, e dobbiamo capirla ed imparare ad usarla poco a poco, con intelligenza».

Sulla stessa linea anche Stefano Fresi, anche lui protagonista di “Sconnessi”: «Senza connessione si ritrovano un sacco di cose: i libri, il dialogo, le persone che hai intorno. Insomma, è bellissimo stare sconnessi. Per questo – conclude –, facciamolo ‘sto Sconnessi Day…».

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK

Articoli correlati
Web addiction, Alberto Oliveti (Enpam): «Importante formazione medici per riconoscere sintomi legati al problema»
«Internet è una grande invenzione, ma l’altro lato della medaglia nasconde pericoli che è bene saper affrontare» così il Presidente Enpam sulle dipendenze dal web
Disturbi del sonno e dipendenza da internet: problemi apparentemente diversi che si sovrappongono e aggravano a vicenda
di Prof. Francesco Peverini - Presidente della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus
di Prof. Francesco Peverini - Presidente della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus
Iperconnessione, la psicologa: «Ansia, depressione, problemi sul sonno-veglia e abbandono scolastico sono aumentati»
400 ragazzi romani, dopo la proiezione del film “Sconnessi” di Christian Marazziti, hanno partecipato ad un dibattito sul loro rapporto con Internet e social network con la psicologa Paola Esposito. Ecco cosa ne è emerso
Maurizio Mattioli e lo psichiatra David Martinelli: l’intervista doppia per conoscere (sorridendo) la dipendenza da Internet
Il dottor Martinelli è responsabile scientifico del corso ECM “Internet e adolescenti: I.A.D. e cyberbullismo” lanciato da Consulcesi Club e dal provider Sanità in-Formazione
«Cosa faresti se rimanessi senza smartphone per qualche giorno?» Le reazioni dei ragazzi iperconnessi
Nei racconti dei ragazzi che hanno partecipato al Safer Internet Day anche tanti episodi di cyberbullismo: da insulti in chat a foto compromettenti fatte girare in rete. «Dobbiamo imparare ad usare il telefono e non abusare del potere che ha»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...