Salute 11 Febbraio 2020 12:43

Ipercolesterolemia, parla Josè Luis Zamorano (SEC): «Con lo SCORE sappiamo chi è a rischio»

Il Vice Presidente della Società Europea di Cardiologia Josè Luis Zamorano all’Exchange Meetings 2020 a Madrid: «L’età del possibile evento cardiaco si abbassa all’aumentare del colesterolo nel sangue. Occorre controllare il livello nel sangue con statine e altri farmaci». I costi sanitari per le malattie cardiovascolari ammontano a 111 miliardi di euro all’anno nel Vecchio Continente

Ipercolesterolemia, parla Josè Luis Zamorano (SEC): «Con lo SCORE sappiamo chi è a rischio»

Le malattie cardiovascolari continuano ad essere una delle principali cause di mortalità nel mondo. Basti pensare che ogni anno muoiono per queste patologie quattro milioni di persone nella sola Europa. Il problema non è ormai più solo un tema medico, ma anche di costi sanitari che ammontano a 111 miliardi di euro all’anno nel Vecchio Continente per la presa in carico delle persone colpite da queste patologie.

L’unico modo per fronteggiare la minaccia cardiovascolare è ridurre i fattori di rischio, laddove possibile. A lungo si è parlato di uno dei fattori di rischio principali, il colesterolo, anche se negli ultimi anni l’attenzione su questo aspetto sembra essere un po’ scemata. Anche di questo si è discusso a Madrid in occasione dello Scientific Exchange Meetings 2020 organizzato dalla casa farmaceutica nipponica Daiichi Sankyo.

LEGGI ANCHE: CONGRESSO AHA, DAIICHI SANKYO PRESENTA ANALISI SU ACIDO BEMPEDOICO: RIDUCE IL COLESTEROLO SENZA INFLUENZARE NEGATIVAMENTE LA GLICEMIA

La connessione tra colesterolo e problemi cardiaci è ormai un fatto acclarato: secondo i dati dell’OMS nel mondo un terzo degli attacchi ischemici sono attribuiti all’eccesso di colesterolo LDL nel sangue e l’ipercolesterolemia causa 2,6 milioni di morti nel mondo (il 4,5% dei morti).

Il colesterolo LDL (quello “cattivo”) è direttamente implicato nello sviluppo dell’aterosclerosi, malattia molto pericolosa che colpisce le arterie: i dati sottolineano che una persona su sette in Europa ha un alto livello di colesterolo LDL.

«La aterosclerosi è una delle malattie più pericolose che ci sono perché ha un’alta mortalità e la dislipidemia ha un ruolo molto importante nella genesi della placca: per questo è uno dei fattori di rischio più importanti – spiega a Sanità Informazione Josè Luis Zamorano, Vice Presidente della Società Europea di Cardiologia -. I pazienti con rischio alto o molto alto sono chiamati a mantenere basso il livello di colesterolo LDL nel sangue. Inoltre l’età del possibile evento cardiaco si abbassa all’aumentare del colesterolo nel sangue».

LEGGI ANCHE: GRASSI SATURI E ICTUS: COLPEVOLI O INNOCENTI? VOLPE (SIPREC): «SONO NEUTRI. IL VERO PERICOLO NEGLI ACIDI GRASSI TRANS»

Ma chi sono le persone ad alto rischio? A stabilirlo è uno SCORE (Systematic Coronary Risk Estimation) una mappa del rischio che permette di sapere con precisione i soggetti che hanno più probabilità di sviluppare la malattia.

«Le ultime evidenze sottolineano che nei pazienti con rischio alto e molto alto il colesterolo LDL deve essere sotto i 55 mg per decilitro e deve essere ridotto del 50% rispetto al valore di partenza» sottolinea Zamorano. In base a questa mappa le persone con un rischio molto alto (superiore al 10%) sono quelle che hanno una aterosclerosi documentata, una familiarità, una stabile angina pectoris, che hanno avuto un ictus o una ischemia transitoria, che soffrono di diabete e hanno degli organi danneggiati.

Ad alto rischio sono invece coloro che hanno familiarità, un colesterolo totale maggiore di 310 mg per decilitro, una pressione maggiore di 180/110 e un colesterolo LDL maggiore di 190 mg per decilitro. Inoltre anche chi soffre di diabete da più di dieci anni. Il rischio è moderato per chi, soprattutto sotto i 50 anni, ha il diabete da meno di dieci anni senza altri fattori di rischio.

Chi è classificato tra quelli che hanno un rischio alto o molto alto deve tenere a bada il colesterolo LDL in primis con una dieta corretta e poi con un trattamento farmacologico adeguato. «Al momento la cura principale è rappresentata dale statine da prendere alla più alta dose tollerata. Qualora non si raggiungano i risultati sperati, si può pensare ad un’azione combinata con ezetimibe e all’impiego degli inibitori PCSK9» spiega ancora Zamorano.

Tuttavia recenti studi hanno evidenziato che il 70-80% dei pazienti che prendono le statine non riesce a raggiungere i risultati sperati nel contenimento del colesterolo LDL. La colpa è principalmente degli effetti collaterali, che costringono a ridurre la dose di statine: dagli effetti muscoloscheletrici alla mialgia fino alla cefalea senza contare coloro che sono allergici alle statine. Su questo fronte una speranza arriva dall’acido bempedoico, una molecola che riduce la sintesi del colesterolo da prendere sempre in associazione alle statine e indicato per le persone con rischio alto e molto alto. Dagli studi finora effettuati sembra avere una tollerabilità maggiore di queste agendo su fattori diversi. Il farmaco è al momento in attesa del via libera alla commercializzazione dall’EMA e dalla FDA americana.

Pochi giorni fa il Comitato per i Medicinali per Uso Umano (CHMP) dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha espresso parere positivo per l’autorizzazione all’immissione in commercio sia dell’acido bempedoico che dell’associazione fissa di acido bempedoico/ezetimibe.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
Colesterolo, Maresca: «Sì alla terapia di associazione per raggiungere target terapeutici»
«Riduce gli effetti collaterali e aumenta l’effetto ipocolesterolemizzante rispetto alla monoterapia. È la risposta più corretta dal punto di vista farmacologico utilizzando meccanismi d’azione diversi e complementari»
Congresso ESC 2021, Daiichi Sankyo presenta i risultati di due studi su ipercolesterolemia e fibrillazione atriale
Ipercolesterolemia in Europa: nei pazienti a rischio alto e molto alto, livelli di C-LDL ancora troppo elevati e terapie di combinazione sottoutilizzate. Lo studio osservazionale europeo "Santorini". Inoltre, nuovi dati supportano l'uso di edoxaban in pazienti complessi con fibrillazione atriale (FA)
Cancro al seno metastatico HER2+, Trastuzumab deruxtecan ha migliorato la sopravvivenza
«I risultati top-line positivi dello studio head-to-head di fase 3 DESTINY-Breast03 hanno dimostrato la superiorità dell’anticorpo monoclonale farmaco-coniugato (ADC) anti-HER2 di Daiichi Sankyo e AstraZeneca, trastuzumab deruxtecan, rispetto a trastuzumab emtansine (T-DM1)». È quanto si legge in una nota. «In un’analisi ad interim pianificata, infatti – prosegue il comunicato -, l’Independent Data Monitoring Committee (IDMC) […]
Carcinoma Gastrico, per trastuzumab deruxtecan inizia lo studio di fase 3 DESTINY-Gastric04
Il carcinoma gastrico è associato a una prognosi sfavorevole, con solo il 5-10% dei pazienti che sopravvive a 5 anni. Parte oggi DESTINY- Gastric04, uno studio globale di Fase 3 con trastuzumab deruxtecan, l’anticorpo monoclonale coniugato di Daiichi Sankyo e Astrazeneca
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 ottobre, sono 244.073.373 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.954.951 i decessi. Ad oggi, oltre 6,83 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?