Salute 11 Febbraio 2020

Ipercolesterolemia, parla Josè Luis Zamorano (SEC): «Con lo SCORE sappiamo chi è a rischio»

Il Vice Presidente della Società Europea di Cardiologia Josè Luis Zamorano all’Exchange Meetings 2020 a Madrid: «L’età del possibile evento cardiaco si abbassa all’aumentare del colesterolo nel sangue. Occorre controllare il livello nel sangue con statine e altri farmaci». I costi sanitari per le malattie cardiovascolari ammontano a 111 miliardi di euro all’anno nel Vecchio Continente

Immagine articolo

Le malattie cardiovascolari continuano ad essere una delle principali cause di mortalità nel mondo. Basti pensare che ogni anno muoiono per queste patologie quattro milioni di persone nella sola Europa. Il problema non è ormai più solo un tema medico, ma anche di costi sanitari che ammontano a 111 miliardi di euro all’anno nel Vecchio Continente per la presa in carico delle persone colpite da queste patologie.

L’unico modo per fronteggiare la minaccia cardiovascolare è ridurre i fattori di rischio, laddove possibile. A lungo si è parlato di uno dei fattori di rischio principali, il colesterolo, anche se negli ultimi anni l’attenzione su questo aspetto sembra essere un po’ scemata. Anche di questo si è discusso a Madrid in occasione dello Scientific Exchange Meetings 2020 organizzato dalla casa farmaceutica nipponica Daiichi Sankyo.

LEGGI ANCHE: CONGRESSO AHA, DAIICHI SANKYO PRESENTA ANALISI SU ACIDO BEMPEDOICO: RIDUCE IL COLESTEROLO SENZA INFLUENZARE NEGATIVAMENTE LA GLICEMIA

La connessione tra colesterolo e problemi cardiaci è ormai un fatto acclarato: secondo i dati dell’OMS nel mondo un terzo degli attacchi ischemici sono attribuiti all’eccesso di colesterolo LDL nel sangue e l’ipercolesterolemia causa 2,6 milioni di morti nel mondo (il 4,5% dei morti).

Il colesterolo LDL (quello “cattivo”) è direttamente implicato nello sviluppo dell’aterosclerosi, malattia molto pericolosa che colpisce le arterie: i dati sottolineano che una persona su sette in Europa ha un alto livello di colesterolo LDL.

«La aterosclerosi è una delle malattie più pericolose che ci sono perché ha un’alta mortalità e la dislipidemia ha un ruolo molto importante nella genesi della placca: per questo è uno dei fattori di rischio più importanti – spiega a Sanità Informazione Josè Luis Zamorano, Vice Presidente della Società Europea di Cardiologia -. I pazienti con rischio alto o molto alto sono chiamati a mantenere basso il livello di colesterolo LDL nel sangue. Inoltre l’età del possibile evento cardiaco si abbassa all’aumentare del colesterolo nel sangue».

LEGGI ANCHE: GRASSI SATURI E ICTUS: COLPEVOLI O INNOCENTI? VOLPE (SIPREC): «SONO NEUTRI. IL VERO PERICOLO NEGLI ACIDI GRASSI TRANS»

Ma chi sono le persone ad alto rischio? A stabilirlo è uno SCORE (Systematic Coronary Risk Estimation) una mappa del rischio che permette di sapere con precisione i soggetti che hanno più probabilità di sviluppare la malattia.

«Le ultime evidenze sottolineano che nei pazienti con rischio alto e molto alto il colesterolo LDL deve essere sotto i 55 mg per decilitro e deve essere ridotto del 50% rispetto al valore di partenza» sottolinea Zamorano. In base a questa mappa le persone con un rischio molto alto (superiore al 10%) sono quelle che hanno una aterosclerosi documentata, una familiarità, una stabile angina pectoris, che hanno avuto un ictus o una ischemia transitoria, che soffrono di diabete e hanno degli organi danneggiati.

Ad alto rischio sono invece coloro che hanno familiarità, un colesterolo totale maggiore di 310 mg per decilitro, una pressione maggiore di 180/110 e un colesterolo LDL maggiore di 190 mg per decilitro. Inoltre anche chi soffre di diabete da più di dieci anni. Il rischio è moderato per chi, soprattutto sotto i 50 anni, ha il diabete da meno di dieci anni senza altri fattori di rischio.

Chi è classificato tra quelli che hanno un rischio alto o molto alto deve tenere a bada il colesterolo LDL in primis con una dieta corretta e poi con un trattamento farmacologico adeguato. «Al momento la cura principale è rappresentata dale statine da prendere alla più alta dose tollerata. Qualora non si raggiungano i risultati sperati, si può pensare ad un’azione combinata con ezetimibe e all’impiego degli inibitori PCSK9» spiega ancora Zamorano.

Tuttavia recenti studi hanno evidenziato che il 70-80% dei pazienti che prendono le statine non riesce a raggiungere i risultati sperati nel contenimento del colesterolo LDL. La colpa è principalmente degli effetti collaterali, che costringono a ridurre la dose di statine: dagli effetti muscoloscheletrici alla mialgia fino alla cefalea senza contare coloro che sono allergici alle statine. Su questo fronte una speranza arriva dall’acido bempedoico, una molecola che riduce la sintesi del colesterolo da prendere sempre in associazione alle statine e indicato per le persone con rischio alto e molto alto. Dagli studi finora effettuati sembra avere una tollerabilità maggiore di queste agendo su fattori diversi. Il farmaco è al momento in attesa del via libera alla commercializzazione dall’EMA e dalla FDA americana.

Pochi giorni fa il Comitato per i Medicinali per Uso Umano (CHMP) dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha espresso parere positivo per l’autorizzazione all’immissione in commercio sia dell’acido bempedoico che dell’associazione fissa di acido bempedoico/ezetimibe.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ipercolesterolemia, ulteriori dati dimostrano i benefici dell’acido bempedoico. I risultati presentati da Daiichi Sankyo
Due analisi combinate di quattro studi di fase III, che hanno arruolato oltre 3.600 pazienti, hanno mostrato che l'acido bempedoico riduce significativamente la proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hsCRP) e il colesterolo LDL, e i dati dello studio di fase II mostrano una riduzione del 40% di C-LDL nei pazienti con diabete di tipo 2 che sono ad alto rischio di eventi cardiovascolari. I risultati delle analisi sono stati presentati in streaming durante il Congresso annuale dell’American College of Cardiology che si è svolto congiuntamente al Congresso Internazionale di Cardiologia
Carcinoma mammario HER2-positivo non operabile o metastatico: FDA approva nuovo farmaco, nel 2020 tocca ad EMA
Approvazione accelerata da parte dell’FDA per Enhertu di Daiichi Sankyo e AstraZeneca, sulla base dei risultati di DESTINY-Breast01, che hanno dimostrato risposte del tumore durature e clinicamente significative. L’anticorpo-coniugato è stato approvato per il trattamento di pazienti adulte con carcinoma mammario HER2-positivo non operabile o metastatico, già sottoposte a due o più terapie anti-HER2 per la malattia metastatica. Nel 2020 la richiesta di approvazione sarà sottoposta anche all’EMA
Congresso AHA, Daiichi Sankyo presenta analisi su acido bempedoico: riduce il colesterolo senza influenzare negativamente la glicemia
La casa farmaceutica Daiichi Sankyo ha presentato al Congresso AHA, American Heart Association in corso a Philadelphia, due analisi combinate di dati provenienti da 4 trial di Fase III che hanno arruolato più di 3.600 pazienti. L’Acido Bempedoico, un inibitore orale dell’adenosina trifosfato (ATP) citrato liasi (ACL) che riduce la sintesi del colesterolo nel fegato, è attualmente in fase di valutazione regolatoria da parte dell’EMA e dell’FDA
Colesterolo, con acido Bempedoico dimostrata riduzione di quello LDL in aggiunta a terapia con statine. I risultati del trial sul JAMA
L’Acido Bempedoico, un inibitore orale dell’adenosina trifosfato (ATP) citrato liasi (ACL) che riduce la sintesi del colesterolo nel fegato, è attualmente in fase di valutazione regolatoria. Somministrato a pazienti in terapia con statine alla massima dose tollerata, ha dimostrato in 12 settimane una ulteriore riduzione del colesterolo LDL del 17%, e l’effetto si è protratto nelle 52 settimane dello studio. I risultati del trial di Fase III pubblicati sul JAMA- Journal of American Medical Association  
Fibrillazione atriale, da Pechino dati incoraggianti: bassa incidenza di emorragie e di eventi cardiovascolari con l’edoxaban 
Dal registro globale ETNA-AF, i risultati real-world sui pazienti anziani europei affetti da fibrillazione atriale (FA) non valvolare trattati con edoxaban, ad un anno hanno dimostrato una bassa incidenza di emorragie potenzialmente fatali e di eventi cardiovascolari. Il programma globale ETNA-AF attualmente è il più ampio e completo registro di dati sull’utilizzo, l’efficacia e la sicurezza di un singolo anticoagulante orale diretto in pazienti con FA trattati nel “mondo reale”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...