Salute 1 Agosto 2017

Intervista Lorenzin: «Investire in formazione e informazione. Vinceremo battaglia insieme a pediatri e medici di base»

Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin parla in occasione dell’approvazione alla Camera della nuova Legge sull’obbligo vaccinale

«Sono molto soddisfatta dell’esito del Decreto». Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin commenta così, subito dopo la votazione finale della Camera dei Deputati, la conversione in Legge del Decreto vaccini, fortemente voluto dal Ministro nel tentativo di riportare a percentuali più sicure per la salute pubblica le coperture vaccinali. «È come se avessimo usato uno scudo protettivo per i nostri figli contro delle malattie molto gravi che ancora persistono e sono tra noi. Abbiamo messo in sicurezza questa e le prossime generazioni». E ai No vax, che al momento dell’approvazione stavano manifestando proprio in Piazza Monte Citorio, il Ministro lancia un messaggio: «Non c’è nessun tipo di rischio per i bambini. I vaccini sono sicuri, sono il farmaco più testato e validato al mondo. Lo stato e il Sistema Sanitario Nazionale non autorizzerebbero mai misure che possano mettere a rischio la salute dei minori. Anzi, con questo provvedimento stiamo facendo l’esatto contrario: vogliamo garantire la salute di tutti, anche dei bambini che non possono essere vaccinati. Tutti hanno il diritto a vivere in una società sicura. I vaccini – continua il Ministro – negli ultimi 200 anni hanno salvato milioni di vite e sono l’arma numero uno che abbiamo per tutelare la nostra salute».

Ma in concreto ora cosa dovranno fare genitori e scuole? «Il Decreto – risponde il Ministro – per quest’anno di transizione prevede una prima fase in cui è possibile presentare una certificazione relativa ai vaccini effettuati entro il 31 ottobre, mentre la documentazione in forma originale è da far pervenire entro il 10 marzo. Quindi c’è tutto il tempo per mettersi in regola, anche dal punto di vista burocratico. Abbiamo lavorato insieme al Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli proprio per mettere insieme tutti i tasselli che ci permetteranno di applicare questa normativa in maniera facile».

Fondamentale il ruolo affidato dalle Legge alla scuola, «uno strumento straordinario per la gestione di situazione importanti di salute pubblica e per l’imponente campagna di informazione che sarà rivolta alle famiglie, anche grazie al coinvolgimento di pediatri e medici di medicina generale». Infine, il Ministro sottolinea il ruolo essenziale che dovrà essere ricoperto dagli operatori sanitari: «La loro formazione e il loro continuo aggiornamento sarà fondamentale per vincere questa battaglia culturale».

Articoli correlati
Covid-19, l’immunità innata può essere allenata con vaccini e stile di vita sano
Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas: «Questo meccanismo di allenamento potrebbe contribuire a spiegare il fatto che i bambini siano meno colpiti da Covid-19, dal momento che la maggior parte di loro è sottoposta a diverse vaccinazioni nei primi anni di vita»
Quarantena, contact tracing, vaccini obbligatori e negazionisti: lezioni da un’epidemia (dell’800)
Il New England Journal of Medicine: «Fin dal 19mo secolo le misure di salute pubblica sono state mal ricevute dalla popolazione»
di Tommaso Caldarelli
Vaccini antinfluenzali in farmacia. FNOMCeO dice no
La proposta di Federfarma, Fofi e Assofarm non piace alla Federazione degli Ordini dei Medici: « Un’idea che, a legislazione vigente, non può essere messa in pratica»
Influenza stagionale, Federfarma: «Mancano i vaccini in farmacia»
Il presidente Cossolo: «Federfarma chiede l’adozione di un provvedimento legislativo che abiliti espressamente il farmacista a inoculare i vaccini»
Come si raggiunge l’immunità di gregge? L’ipotesi dei matematici parla di una forma imperfetta e forse più vicina
Il New York Times raccoglie alcune ricerche di immunologi e matematici. L'immunità di gregge potrebbe già sussistere all'interno di singole comunità e basterebbero numeri inferiori al 70% globale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto