Salute 1 Agosto 2017 12:39

Intervista Lorenzin: «Investire in formazione e informazione. Vinceremo battaglia insieme a pediatri e medici di base»

Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin parla in occasione dell’approvazione alla Camera della nuova Legge sull’obbligo vaccinale

«Sono molto soddisfatta dell’esito del Decreto». Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin commenta così, subito dopo la votazione finale della Camera dei Deputati, la conversione in Legge del Decreto vaccini, fortemente voluto dal Ministro nel tentativo di riportare a percentuali più sicure per la salute pubblica le coperture vaccinali. «È come se avessimo usato uno scudo protettivo per i nostri figli contro delle malattie molto gravi che ancora persistono e sono tra noi. Abbiamo messo in sicurezza questa e le prossime generazioni». E ai No vax, che al momento dell’approvazione stavano manifestando proprio in Piazza Monte Citorio, il Ministro lancia un messaggio: «Non c’è nessun tipo di rischio per i bambini. I vaccini sono sicuri, sono il farmaco più testato e validato al mondo. Lo stato e il Sistema Sanitario Nazionale non autorizzerebbero mai misure che possano mettere a rischio la salute dei minori. Anzi, con questo provvedimento stiamo facendo l’esatto contrario: vogliamo garantire la salute di tutti, anche dei bambini che non possono essere vaccinati. Tutti hanno il diritto a vivere in una società sicura. I vaccini – continua il Ministro – negli ultimi 200 anni hanno salvato milioni di vite e sono l’arma numero uno che abbiamo per tutelare la nostra salute».

Ma in concreto ora cosa dovranno fare genitori e scuole? «Il Decreto – risponde il Ministro – per quest’anno di transizione prevede una prima fase in cui è possibile presentare una certificazione relativa ai vaccini effettuati entro il 31 ottobre, mentre la documentazione in forma originale è da far pervenire entro il 10 marzo. Quindi c’è tutto il tempo per mettersi in regola, anche dal punto di vista burocratico. Abbiamo lavorato insieme al Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli proprio per mettere insieme tutti i tasselli che ci permetteranno di applicare questa normativa in maniera facile».

Fondamentale il ruolo affidato dalle Legge alla scuola, «uno strumento straordinario per la gestione di situazione importanti di salute pubblica e per l’imponente campagna di informazione che sarà rivolta alle famiglie, anche grazie al coinvolgimento di pediatri e medici di medicina generale». Infine, il Ministro sottolinea il ruolo essenziale che dovrà essere ricoperto dagli operatori sanitari: «La loro formazione e il loro continuo aggiornamento sarà fondamentale per vincere questa battaglia culturale».

Articoli correlati
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Omceo Pa: «Intimidazioni sui muri della sede. Raid nella notte dei no vax»
Il presidente Toti Amato: «Un attacco vile, già partite le denunce alle forze dell’ordine»
Covid, quale futuro? Centemeri (farmacologo): «Ecco i tre scenari possibili, dal migliore al peggiore»
Il professore invita a prestare massima attenzione alle sottovarianti di Omicron e annuncia: «Abbiamo costituito gruppi di esperti e tavoli virtuali mirati a dare risposte concrete e piani di azione per i possibili scenari futuri. Tutto sarà a disposizione del Governo e del ministro per il miglior uso possibile. Ottobre arriva e dobbiamo essere preparati»
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali