Salute 25 Novembre 2022 09:59

Inositoli: le molecole naturali, a supporto della salute della donna e dell’uomo

Sono alleati della riproduzione femminile e maschile, utili nella prevenzione del diabete gestazionale e dei difetti del tubo neurale. Si chiamano inositoli e sono i protagonisti dell’evento promosso dall’EGOI, acronimo di The Experts Group on Inositol in Basic and Clinical Research, il 25 novembre presso l’Università UniCamillus di Roma

Inositoli: le molecole naturali, a supporto della salute della donna e dell’uomo

Sono trascorsi più di 20 anni da quando per la prima volta i ginecologi di tutto il mondo hanno cominciato a prescrivere gli inositoli ai propri pazienti, rivoluzionando il trattamento delle patologie endocrino-metaboliche sia femminili che maschili. In questi decenni sono molti gli studiosi che hanno deciso di dedicarsi alla ricerca in questo ambito, fino a fondare, qualche anno fa la società scientifica EGOI, acronimo di The Experts Group on Inositol in Basic and Clinical Research, che riunisce 44 tra i massimi esperti al mondo sull’Inositolo provenienti da 16 diversi Paesi. Questi stessi specialisti hanno organizzato un importante evento il 25 novembre presso l’Università UniCamillus di Roma. Nel corso dell’appuntamento scientifico – spiega Vittorio Unfer, membro EGOI e professore di Ostetricia presso l’Università Internazionale UniCamillus di Roma – saranno presentati gli aggiornamenti sull’uso clinico degli inositoli, e in particolare del “fratello gemello” del myo-inositolo: il D-chiro-inositolo».

L’inositolo

Ma per comprendere le potenzialità del D-chiro-inositolo è necessario andare con ordine, partendo dal suo già più noto “gemello”: l’inositolo. Di recente è uscito il primo position paper, pubblicato su International Journal of Molecular Sciences in cui è stato dato ampio risalto alle evidenze cliniche sull’uso degli inositoli nell’ambito della riproduzione femminile e maschile, alla prevenzione del diabete gestazionale e dei difetti del tubo neurale. «L’inositolo – dice Unfer  – non è una vitamina anche se spesso riconosciuta come vitamina B7, perché, a differenza di queste, l’organismo è in grado di sintetizzarlo in quantità sufficiente, per cui ricade nella classe delle pseudovitamine. È  efficace nella cura dell’ovaio policistico nel 70% dei casi. Può indurre l’ovulazione in 7 pazienti su 10 – aggiunge lo specialista -, che non significa guarirle, poiché la policistosi ovarica deriva da una predisposizione genetica, ma permette alle donne di essere fertili nel momento in cui effettuano la cura. Trattamento dal quale è possibile trarre ottimi risultati anche in soli due mesi di somministrazione».

Myo-inositolo e PMA

I successi ottenuti, attraverso il myo-inositolo, potrebbero rappresentare anche una nuova speranza alla procreazione medicalmente assistita (PMA). «Non è la soluzione – sottolinea il ginecologo – ma può esserlo nei casi in cui l’infertilità sia causata da un’anovulazione. L’età della coppia è un fattore decisivo se si decida di optare o meno per questo trattamento. Nelle donne oltre i quarant’anni, di solito, è consigliabile intervenire in modo immediato, ricorrendo direttamente alle tecniche di procreazione medicalmente assistita. Negli ultimi anni decenni – prosegue Unfer – l’infertilità maschile ha mostrato un aumento significativo associato al declino della conta spermatica del 50-60%. Trenta milioni di uomini nel mondo sono infertili con un’incidenza superiore in Europa Centrale e in generale in Occidente. Con lo scopo di migliorare le performance riproduttive, negli ultimi anni è stato valutato l’utilizzo del myo-inositolo (MI) nella pratica clinica. Numerosi studi hanno dimostrato, infatti, che l’integrazione con myo- inositolo non solo migliora alcune caratteristiche spermatiche, ma anche i profili ormonali e metabolici nei pazienti subfertili».

Il D-chiro-inositolo

Il D-chiro-inositolo (DCI), pur essendo una molecola quasi gemella del myo-inositolo, ha un comportamento completamente diverso. «Abbiamo scoperto essere in grado di riequilibrare il testosterone sia nel genere maschile che femminile. Gli effetti possono essere tarati attraverso la quantità somministrata e la durata del trattamento – dice Unfer – . Non si tratta, dunque, solo di una medicina che tiene conto del genere del paziente, maschio o femmina, ma anche della sua condizione individuale (età, peso corporeo, situazione fisiopatologica), così da ottenere una terapia sempre più precisa ed efficace». Non è un caso dunque se, nell’ultimo anno l’attività dell’EGOI si è molto concentrata sul D-chiro-inositolo e in particolare sul suo coinvolgimento nella sintesi degli ormoni steroidei. La scoperta che questo isomero dell’inositolo potesse ridurre i livelli dell’enzima aromatasi, regolando il rapporto tra estrogeni e androgeni, ha permesso di ipotizzare nuove soluzioni terapeutiche per tutte quelle condizioni patologiche che possano beneficiare di una riduzione degli estrogeni e di un sostegno dei livelli di testosterone. «In ambito femminile, questo costituisce il razionale d’uso del D-chiro-inositolo negli stati di iperestrogenismo che caratterizzano ad esempio le donne che soffrono di iperplasia endometriale, endometriosi, adenomiosi e poliposi endometriale oppure nelle donne che dalla perimenopausa in poi vedono scemare il loro desiderio sessuale a seguito del calo del testosterone. Grazie a questa molecola naturale – conclude Vittorio Unfer – è possibile avere un’arma in più per migliorare la qualità di vita nella delicata fase di transizione da età fertile a menopausale e per la gestione di quelle manifestazioni ginecologiche frequenti in questo stesso periodo della vita della donna».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa