Salute 11 gennaio 2018

Influenza, come si costruisce il vaccino? Come si verifica l’efficacia? Lo spiega Roberto Burioni

«L’approccio sperimentale è fondamentale per generare ogni anno la profilassi influenzale: saper anticipare le trasformazioni dei ceppi virali prima che si manifestino i sintomi, anche questo è compito della scienza» l’intervista al medico divenuto simbolo della battaglia pro vax

Come si costruisce il vaccino anti-influenzale? Qual è il suo grado di efficacia? Se il virus influenzale si trasforma continuamente, come si riesce a prevedere una profilassi efficace? Sono solo alcune delle domande che Sanità Informazione ha rivolto all’infettivologo pro vax per eccellenza, Roberto Burioni.

LEGGI ANCHE: INFLUENZA, NIENTE PAURA. ECCO LA GUIDA CHE SPIEGA COSA FARE

Professore, come nasce il vaccino contro l’influenza?

«Nel vaccino ci sono due ceppi del virus A, che causa l’influenza più pericolosa. Tuttavia, il virus dell’influenza cambia ogni anno. Proprio per questo motivo tutti gli anni a febbraio si tenta di prevedere quali saranno i ceppi influenzali che circoleranno l’inverno successivo. Per produrre il vaccino sono infatti necessari alcuni mesi. Tuttavia, queste previsioni talvolta ci prendono e talvolta non ci prendono: quando le previsioni sono corrette, i vaccini hanno la capacità di proteggere molto bene; ma quando le previsioni si rivelano scorrette perché il virus cambia in un modo che non è stato previsto, l’efficacia del vaccino può essere molto più bassa».

Si potrà, in futuro, migliorare l’efficacia del vaccino?

«C’è assolutamente l’esigenza di impegnarsi per avere dei vaccini migliori e questo è qualcosa che riguarda la ricerca. Tanti studiosi, ed io sono tra questi, cercano modi più efficaci per prevenire l’influenza. In ogni caso dobbiamo sottolineare che, per quanto la protezione possa non essere al 100%, c’è sempre un certo grado di protezione e quindi il vaccino è una scommessa che conviene, che si vince sempre e non si può perdere. Chi si vaccina, nel peggiore dei casi, non sarà protetto al 100% ma è comunque importante che tutte le persone per le quali ci sono le raccomandazioni, quindi principalmente gli anziani e chi ha altri problemi, si vaccinino. Ma ricordiamoci che la vaccinazione è anche un dovere di tutti i sanitari, non solo per difendere se stessi, ma anche per evitare la malattia ai pazienti di cui si prendono cura».

Adesso ha senso vaccinarsi o ormai non serve più?

«Ora è tardi per vaccinarsi, però non è giusto dire che non serve: la protezione si ha circa 10-15 giorni dopo la vaccinazione e chiaramente il rischio di essere contagiati prima che la protezione si metta in atto c’è. Però comunque diciamo che un beneficio si può avere, quindi è tardi ma non è inutile farlo».

Fino a quando si diffonderà l’influenza?

«Tecnicamente l’influenza in questo periodo continua a diffondersi fino a primi di marzo, quindi siamo proprio nel periodo di maggiore intensità e frequenza. L’influenza è infatti concentrata proprio in questo periodo dell’anno e, anzi, quest’anno è arrivata prima del solito: in generale in Italia arriva a metà gennaio, cosa che può succedere. D’altro canto, l’influenza si chiama così perché gli antichi pensavano fosse dovuta all’influenza della posizione delle stelle…».

Articoli correlati
L’influenza arriva in Italia, a Parma identificato il primo caso di virus A/H3N2
Il laboratorio che ha isolato il patogeno fa parte della rete InFlunet. Parte oggi in molte regioni la campagna di vaccinazione antinfluenzale gratuita per i soggetti più a rischio. Tra i sintomi: febbre improvvisa a 38 gradi, brividi, dolori muscolari
Influenza, bollettino Influnet: primi casi della stagione 2018-2019 a Parma e Bari
Secondo i dati del primo bollettino settimanale InfluNet relativi alla sorveglianza epidemiologica delle sindromi influenzali in Italia, l’attività dei virus influenzali è ai livelli di base. Il numero di casi stimati nella 43a settimana del 2018 è pari a circa 71.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 125.000 casi. Al momento, non tutti […]
Influenza, ecco perché vaccinarsi. Bartoletti (OMCeO Roma): «Complicazioni sono terza causa di morte per malattie infettive»
«Vaccinazione raccomandata a persone con patologie croniche, soggetti a rischio, personale sanitario e forze dell’ordine. Da effettuare tra fine di ottobre e l’inizio di novembre». I consigli di Pierluigi Bartoletti, vicepresidente OMCeO Roma
di Isabella Faggiano
Emergenza morbillo: nell’incertezza rifare il vaccino. Il parere del primario di pediatria dell’Ospedale di Erba
Già tre casi di morbillo nell’Erbese, tutti riscontrati su adolescenti. «Sono adolescenti non vaccinati o che hanno ricevuto una sola dose di vaccino», spiega il dottor Gaetano Mariani, primario di pediatria all’ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba (Como). Se di morbillo si torna a morire lo si deve alle mancate vaccinazioni o, più spesso, al […]
Vaccini, Burioni sullo slittamento dell’obbligo: «Da Senato pagina infame». E mamma no vax lo minaccia
Il virologo avverte il Ministro Grillo: «Al primo morto di morbillo sarà giustamente sbranata dall’opinione pubblica». Poi commenta gli insulti sui social: «Squadrismo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...