Politica 11 Giugno 2019

Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»

«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

L’ultimo rapporto del Gruppo di coordinamento dell’Onu (Iacg) sulla resistenza antimicrobica parla di “10 milioni di morti l’anno, danni economici assimilabili alla crisi finanziaria del 2008 e 24 milioni di persone che, entro il 2030, cadranno in condizioni di povertà estrema”.

Rapporto ONU antibioticoresistenza

Un tema, quello dell’antibiotico resistenza, strettamente collegato a quello delle infezioni ospedaliere: secondo i dati forniti dall’European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc), le infezioni ospedaliere hanno causato lo scorso anno in Italia 7.800 decessi e una probabilità di contrarre infezioni durante un ricovero ospedaliero del 6%: in pratica 530mila casi ogni anno. Dati che pongono il nostro Paese tra gli ultimi posti in Europa.

LEGGI ANCHE: INFEZIONI OSPEDALIERE, ITALIA FANALINO DI CODA IN EUROPA. MA CON LE ‘BUONE PRATICHE’ E’ POSSIBILE RIDURLE DEL 30%

Anche Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità di palazzo Madama, intervistato da Sanità informazione sull’argomento, ha parlato di una «minaccia globale e una spesa per il SSN» per cui serve un maggior controllo. Un fenomeno preoccupante da contrastare con «campagne informative, l’adozione di misure preventive e il monitoraggio costante della situazione sul territorio nazionale».

Presidente Sileri, le infezioni ospedaliere rappresentano ancora un grave problema per il nostro SSN. Cosa si può fare nel concreto?

«È sicuramente una minaccia globale; basti pensare che in Italia muoiono tra i 5mila e i 7mila pazienti, ogni anno, a causa delle infezioni ospedaliere. È un numero che è quasi il doppio del numero dei morti per incidenti sulle nostre strade. È un problema che va controllato e monitorato innanzitutto, facendo più informazione, in modo tale che gli antibiotici vengano utilizzati con giudizio. Secondariamente, è opportuno che vengano messe in atto procedure molto semplici ma importanti come lavarsi le mani. L’igiene delle mani, infatti, è fondamentale non solo per il personale sanitario ma anche per i visitatori degli ospedali. Inoltre, bisogna controllare accuratamente i protocolli di gestione all’interno dell’ospedale: ad esempio, l’antibiotico profilassi per gli interventi chirurgici è da fare solo se serve davvero così come prolungare la terapia con antibiotici. Insomma, serve un maggior controllo. Non dimentichiamo che ogni paziente che contrae un’infezione all’interno dell’ospedale ha anche un costo che grava sulla sanità. Costa 9-10 mila euro in più. Non possiamo permetterci questo né che i nostri pazienti muoiano per qualcosa che può essere prevenuto».

Cosa si potrebbe fare nel concreto: un tavolo al ministero o qualcosa di questo tipo?

«Sì, una cosa che era iniziata già nel precedente Governo. È necessario che i sistemi che il ministero ha, come l’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), monitori costantemente e adeguatamente la situazione sul territorio nazionale, che resta a macchia di leopardo. Abbiamo purtroppo delle resistenze che sono per alcuni batteri superiori a quelle del resto d’Europa. Un utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, informare su come e quando utilizzarli è il secondo passo, il terzo è investire sempre di più in quella che è la gestione degli ospedali».

Articoli correlati
Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»
I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione
Parkinson, Sottosegretario Sileri: «Diagnosi è ‘tsunami’, supportare caregiver e familiari»
«L’arrivo della diagnosi di Parkinson è come uno tsunami che travolge non solo il paziente, ma anche chi gli sta accanto. Un misto di paura, ansia e disperazione per una patologia progressiva, difficile e subdola nei suoi sintomi e nella sua evoluzione. Tutte le nostre azioni dunque devono essere volte a supportare il caregiver famigliare […]
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Infezioni correlate all’assistenza e lotta all’antibiotico resistenza, da Napoli la call for ideas per adottare linee guida nazionali
Le infezioni correlate all’assistenza ospedaliera (ICA) sono sempre più causate da batteri resistenti e rappresentano la prima causa di morte per infezioni nel nostro Paese. L’incontro, presso l’ospedale “Antonio Cardarelli” di Napoli, ha acceso i riflettori sull’importanza di una corretta gestione del rischio clinico e del necessario coinvolgimento attivo del paziente nel processo di informazione e prevenzione.
Healthcare e tecnologia, Leogrande (Presidente AIIC): «Rendere disponibile l’innovazione in sanità»
«Le novità ci sono, il mercato e l’industria spingono in questa direzione e le soluzioni non mancano. Manca, ancora, un collegamento più diretto e concreto con le modalità con cui questa innovazione deve essere resa disponibile» così il Presidente AIIC Lorenzo Leogrande
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...