Salute 11 Giugno 2019 09:48

Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»

«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»

L’ultimo rapporto del Gruppo di coordinamento dell’Onu (Iacg) sulla resistenza antimicrobica parla di “10 milioni di morti l’anno, danni economici assimilabili alla crisi finanziaria del 2008 e 24 milioni di persone che, entro il 2030, cadranno in condizioni di povertà estrema”.

Rapporto ONU antibioticoresistenza

Un tema, quello dell’antibiotico resistenza, strettamente collegato a quello delle infezioni ospedaliere: secondo i dati forniti dall’European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc), le infezioni ospedaliere hanno causato lo scorso anno in Italia 7.800 decessi e una probabilità di contrarre infezioni durante un ricovero ospedaliero del 6%: in pratica 530mila casi ogni anno. Dati che pongono il nostro Paese tra gli ultimi posti in Europa.

LEGGI ANCHE: INFEZIONI OSPEDALIERE, ITALIA FANALINO DI CODA IN EUROPA. MA CON LE ‘BUONE PRATICHE’ E’ POSSIBILE RIDURLE DEL 30%

Anche Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità di palazzo Madama, intervistato da Sanità informazione sull’argomento, ha parlato di una «minaccia globale e una spesa per il SSN» per cui serve un maggior controllo. Un fenomeno preoccupante da contrastare con «campagne informative, l’adozione di misure preventive e il monitoraggio costante della situazione sul territorio nazionale».

Presidente Sileri, le infezioni ospedaliere rappresentano ancora un grave problema per il nostro SSN. Cosa si può fare nel concreto?

«È sicuramente una minaccia globale; basti pensare che in Italia muoiono tra i 5mila e i 7mila pazienti, ogni anno, a causa delle infezioni ospedaliere. È un numero che è quasi il doppio del numero dei morti per incidenti sulle nostre strade. È un problema che va controllato e monitorato innanzitutto, facendo più informazione, in modo tale che gli antibiotici vengano utilizzati con giudizio. Secondariamente, è opportuno che vengano messe in atto procedure molto semplici ma importanti come lavarsi le mani. L’igiene delle mani, infatti, è fondamentale non solo per il personale sanitario ma anche per i visitatori degli ospedali. Inoltre, bisogna controllare accuratamente i protocolli di gestione all’interno dell’ospedale: ad esempio, l’antibiotico profilassi per gli interventi chirurgici è da fare solo se serve davvero così come prolungare la terapia con antibiotici. Insomma, serve un maggior controllo. Non dimentichiamo che ogni paziente che contrae un’infezione all’interno dell’ospedale ha anche un costo che grava sulla sanità. Costa 9-10 mila euro in più. Non possiamo permetterci questo né che i nostri pazienti muoiano per qualcosa che può essere prevenuto».

Cosa si potrebbe fare nel concreto: un tavolo al ministero o qualcosa di questo tipo?

«Sì, una cosa che era iniziata già nel precedente Governo. È necessario che i sistemi che il ministero ha, come l’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), monitori costantemente e adeguatamente la situazione sul territorio nazionale, che resta a macchia di leopardo. Abbiamo purtroppo delle resistenze che sono per alcuni batteri superiori a quelle del resto d’Europa. Un utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, informare su come e quando utilizzarli è il secondo passo, il terzo è investire sempre di più in quella che è la gestione degli ospedali».

Articoli correlati
Decidere chi curare, negli ospedali è allarme “codice nero”. Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Serve obbligo vaccinale»
Sulle diverse politiche europee di gestione dell’emergenza: «È necessaria unità e strategie comuni, a cominciare da una campagna vaccinale internazionale»
Covid, Report Fiaso: «In una settimana +25,8% ricoveri. Impennata di pazienti pediatrici, +86%»
In terapia intensiva il 72% non è vaccinato, i vaccinati sono il 28%. Migliore: «Il raddoppio dei ricoveri pediatrici, in particolare i bambini sotto i 4 anni, deve indurre a una rapida accelerazione della campagna vaccinale»
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Quali sono le regole che il Provider deve adottare in riferimento alla Pubblicità?
Durante lo svolgimento dell’evento, la pubblicità di prodotti di interesse sanitario è consentita esclusivamente allo sponsor dell’evento al di fuori delle aree in cui vengono esposti i contenuti formativi. Durante lo svolgimento dell’evento, è consentita l’indicazione del principio attivo dei farmaci o del nome generico del prodotto di interesse sanitario. Non può essere indicato alcun […]
Infermieri specialisti del rischio infettivo, Mongardi (ANIPIO): «In Italia siamo 497, dovremmo essere almeno il doppio»
La figura professionale è nata negli anni ’80. La presidente ANIPIO: «Dopo oltre trent’anni la formazione è ancora inadeguata e non esiste un sistema di sorveglianza nazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 gennaio, sono 330.836.470 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.545.953 i decessi. Ad oggi, oltre 9,66 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre