Salute 11 Giugno 2019

Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»

«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

L’ultimo rapporto del Gruppo di coordinamento dell’Onu (Iacg) sulla resistenza antimicrobica parla di “10 milioni di morti l’anno, danni economici assimilabili alla crisi finanziaria del 2008 e 24 milioni di persone che, entro il 2030, cadranno in condizioni di povertà estrema”.

Rapporto ONU antibioticoresistenza

Un tema, quello dell’antibiotico resistenza, strettamente collegato a quello delle infezioni ospedaliere: secondo i dati forniti dall’European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc), le infezioni ospedaliere hanno causato lo scorso anno in Italia 7.800 decessi e una probabilità di contrarre infezioni durante un ricovero ospedaliero del 6%: in pratica 530mila casi ogni anno. Dati che pongono il nostro Paese tra gli ultimi posti in Europa.

LEGGI ANCHE: INFEZIONI OSPEDALIERE, ITALIA FANALINO DI CODA IN EUROPA. MA CON LE ‘BUONE PRATICHE’ E’ POSSIBILE RIDURLE DEL 30%

Anche Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità di palazzo Madama, intervistato da Sanità informazione sull’argomento, ha parlato di una «minaccia globale e una spesa per il SSN» per cui serve un maggior controllo. Un fenomeno preoccupante da contrastare con «campagne informative, l’adozione di misure preventive e il monitoraggio costante della situazione sul territorio nazionale».

Presidente Sileri, le infezioni ospedaliere rappresentano ancora un grave problema per il nostro SSN. Cosa si può fare nel concreto?

«È sicuramente una minaccia globale; basti pensare che in Italia muoiono tra i 5mila e i 7mila pazienti, ogni anno, a causa delle infezioni ospedaliere. È un numero che è quasi il doppio del numero dei morti per incidenti sulle nostre strade. È un problema che va controllato e monitorato innanzitutto, facendo più informazione, in modo tale che gli antibiotici vengano utilizzati con giudizio. Secondariamente, è opportuno che vengano messe in atto procedure molto semplici ma importanti come lavarsi le mani. L’igiene delle mani, infatti, è fondamentale non solo per il personale sanitario ma anche per i visitatori degli ospedali. Inoltre, bisogna controllare accuratamente i protocolli di gestione all’interno dell’ospedale: ad esempio, l’antibiotico profilassi per gli interventi chirurgici è da fare solo se serve davvero così come prolungare la terapia con antibiotici. Insomma, serve un maggior controllo. Non dimentichiamo che ogni paziente che contrae un’infezione all’interno dell’ospedale ha anche un costo che grava sulla sanità. Costa 9-10 mila euro in più. Non possiamo permetterci questo né che i nostri pazienti muoiano per qualcosa che può essere prevenuto».

Cosa si potrebbe fare nel concreto: un tavolo al ministero o qualcosa di questo tipo?

«Sì, una cosa che era iniziata già nel precedente Governo. È necessario che i sistemi che il ministero ha, come l’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), monitori costantemente e adeguatamente la situazione sul territorio nazionale, che resta a macchia di leopardo. Abbiamo purtroppo delle resistenze che sono per alcuni batteri superiori a quelle del resto d’Europa. Un utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, informare su come e quando utilizzarli è il secondo passo, il terzo è investire sempre di più in quella che è la gestione degli ospedali».

Articoli correlati
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo
«Mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari»
Salute, Ministro Grillo dimissionario: svolgerà solo l’ordinaria amministrazione
Con le dimissioni presentate al Quirinale dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche il resto del Governo è dimissionario. Tra loro anche il titolare del dicastero Salute, Giulia Grillo. Il Governo e tutti i ministri rimangono comunque in carica fino all’insediamento di un nuovo Governo. Questo accadrà anche in caso di elezioni. L’attività del governo […]
Crisi di governo, Sileri (M5S): «Un peccato bloccare le tante cose da fare per la sanità»
Il presidente della Commissione Sanità di Palazzo madama commenta la crisi di governo e i suoi riflessi sulla sanità: «Molto del lavoro di questi 14 mesi rischia di essere buttato: penso ai nuovi provvedimenti sui vaccini, a quello che bisognava ancora fare per i contratti dei medici, all’intramoenia per gli infermieri, penso a tutti i temi legati alla formazione dei camici bianchi, penso alle borse di specializzazione per il prossimo anno. Tantissime cose che ora trovano uno stop che il comparto sanitario non meritava»
Crisi di governo: la diretta di Sanità Informazione
Giuseppe Conte in Senato annuncia le dimissioni: «Alla fine di questo dibattito mi recherò dal Presidente della Repubblica per dimettermi». Attesa del mondo della sanità per l'esito della crisi: ecco i provvedimenti che rischiano di saltare. Dimissionario anche il Ministro della Salute Giulia Grillo. I commenti dei Senatori della Commissione Sanità e della Commissione Affari Sociali: Binetti, Boldrini, Tiramani...
di Cesare Buquicchio, Giovanni Cedrone, Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone