Salute 11 Giugno 2019

Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»

«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

L’ultimo rapporto del Gruppo di coordinamento dell’Onu (Iacg) sulla resistenza antimicrobica parla di “10 milioni di morti l’anno, danni economici assimilabili alla crisi finanziaria del 2008 e 24 milioni di persone che, entro il 2030, cadranno in condizioni di povertà estrema”.

Rapporto ONU antibioticoresistenza

Un tema, quello dell’antibiotico resistenza, strettamente collegato a quello delle infezioni ospedaliere: secondo i dati forniti dall’European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc), le infezioni ospedaliere hanno causato lo scorso anno in Italia 7.800 decessi e una probabilità di contrarre infezioni durante un ricovero ospedaliero del 6%: in pratica 530mila casi ogni anno. Dati che pongono il nostro Paese tra gli ultimi posti in Europa.

LEGGI ANCHE: INFEZIONI OSPEDALIERE, ITALIA FANALINO DI CODA IN EUROPA. MA CON LE ‘BUONE PRATICHE’ E’ POSSIBILE RIDURLE DEL 30%

Anche Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità di palazzo Madama, intervistato da Sanità informazione sull’argomento, ha parlato di una «minaccia globale e una spesa per il SSN» per cui serve un maggior controllo. Un fenomeno preoccupante da contrastare con «campagne informative, l’adozione di misure preventive e il monitoraggio costante della situazione sul territorio nazionale».

Presidente Sileri, le infezioni ospedaliere rappresentano ancora un grave problema per il nostro SSN. Cosa si può fare nel concreto?

«È sicuramente una minaccia globale; basti pensare che in Italia muoiono tra i 5mila e i 7mila pazienti, ogni anno, a causa delle infezioni ospedaliere. È un numero che è quasi il doppio del numero dei morti per incidenti sulle nostre strade. È un problema che va controllato e monitorato innanzitutto, facendo più informazione, in modo tale che gli antibiotici vengano utilizzati con giudizio. Secondariamente, è opportuno che vengano messe in atto procedure molto semplici ma importanti come lavarsi le mani. L’igiene delle mani, infatti, è fondamentale non solo per il personale sanitario ma anche per i visitatori degli ospedali. Inoltre, bisogna controllare accuratamente i protocolli di gestione all’interno dell’ospedale: ad esempio, l’antibiotico profilassi per gli interventi chirurgici è da fare solo se serve davvero così come prolungare la terapia con antibiotici. Insomma, serve un maggior controllo. Non dimentichiamo che ogni paziente che contrae un’infezione all’interno dell’ospedale ha anche un costo che grava sulla sanità. Costa 9-10 mila euro in più. Non possiamo permetterci questo né che i nostri pazienti muoiano per qualcosa che può essere prevenuto».

Cosa si potrebbe fare nel concreto: un tavolo al ministero o qualcosa di questo tipo?

«Sì, una cosa che era iniziata già nel precedente Governo. È necessario che i sistemi che il ministero ha, come l’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), monitori costantemente e adeguatamente la situazione sul territorio nazionale, che resta a macchia di leopardo. Abbiamo purtroppo delle resistenze che sono per alcuni batteri superiori a quelle del resto d’Europa. Un utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, informare su come e quando utilizzarli è il secondo passo, il terzo è investire sempre di più in quella che è la gestione degli ospedali».

Articoli correlati
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Come cambierà la sanità dopo il Covid? Idee e testimonianze dei protagonisti per superare la crisi
Meno burocrazia, dialogo tra medici di medicina generale, ospedalieri e farmacisti e follow up per pazienti Covid: queste alcune delle proposte lanciate nel webinar organizzato dal comitato M’impegno
di Federica Bosco
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Il premio scientifico “Open Innovation Award” a due realtà italiane nelle categorie “Ricerca” e “Community”
Ricerca italiana promettente per i tumori gastrointestinali: «Supportare la ricerca fa parte della mission della nostra Azienda e vogliamo continuare su questa strada», sottolinea Rita Cataldo, Amministratore Delegato di Takeda Italia
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...