Salute 19 Novembre 2019

Infermieri, 50% vorrebbe cambiare ambito di lavoro. Draoli (Giovani FNOPI): «Norme concorsuali da modificare»

Il referente per i giovani della Federazione delle professioni infermieristiche spiega perché molti infermieri millennials non sono soddisfatti del posto di lavoro: «Si ritrovano in un elenco in cui la sorte più che la valorizzazione tende poi a collocarli in un setting lavorativo piuttosto che in un altro»

Immagine articolo

«Il problema oggi dei giovani è che partecipano a concorsi in cui uno vale uno, si ritrovano in un elenco in cui la sorte più che la valorizzazione tende poi a collocarli in un setting lavorativo piuttosto che in un altro». Nicola Draoli, responsabile per il Comitato centrale della Federazione del settore “Fnopi Giovani”, commenta a Sanità Informazione i risultati di una survey realizzata dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche e rivolta agli infermieri millennials in cui tra i dati più significativi emerge che il 50% degli intervistati vorrebbe cambiare posto di lavoro mentre complessivamente per la formazione e la valorizzazione della professione sul luogo di lavoro. Un dato che riflette una realtà: gli infermieri vincono concorsi ma poi la loro collocazione nei reparti è casuale e non rispecchia le aspettative del giovane. «È interessante vedere come quasi tutti vorrebbero orientarsi verso settori in cui poi in realtà non esercitano ed è per questo che noi stiamo anche molto sul tema delle specializzazioni e sul cambiamento della normativa concorsuale» sottolinea Draoli che però sottolinea che in ambito infermieristico non sarebbero necessarie delle specializzazioni molto specifiche come nel campo mediche: sarebbero sufficienti delle macroaree in cui indirizzare gli aspiranti infermieri.

Avete realizzato una survey rivolta ai giovani infermieri. Uno su due vorrebbe cambiare  ambito di lavoro, molti sono insoddisfatti dello stipendio. Insomma, cosa vogliono i giovani infermieri?

«Difficile capirlo. Abbiamo da una parte l’interpretazione soggettiva dei giovani con cui parliamo e dall’altra quello che leggiamo sui social. Abbiamo fatto questo sondaggio appunto come base di partenza un po’ più solida. Ci ha stupito in parte perché sicuramente lo stipendio è ritenuto inadeguato (non ci voleva un sondaggio per capirlo) ma ad esempio c’è una forte occupabilità degli infermieri: noi diciamo che mancano gli infermieri e manca la capacità di assorbirli all’interno del Servizio sanitario nazionale. I giovani infermieri che hanno partecipato al sondaggio hanno tutti più o meno una stabilizzazione abbastanza concreta e nella loro regione. I problemi sono legati in parte al posto di lavoro nello specifico, probabilmente il setting assistenziale che per vari motivi non è adeguato al professionista. È però interessante vedere come quasi tutti vorrebbero orientarsi verso settori in cui poi in realtà non esercitano ed è per questo che noi stiamo anche molto sul tema delle specializzazioni e sul cambiamento della normativa concorsuale. Il problema oggi dei giovani è che partecipano a concorsi in cui uno vale uno, si ritrovano in un elenco in cui la sorte più che la valorizzazione tende poi a collocarli in un setting lavorativo piuttosto che in un altro: ma magari non è la loro ambizione, non è il percorso che vogliono fare. Questo genera frustrazione e perdita di competenze perché alla prima occasione utile se ne vanno. Quindi lavorare sulla specializzazione infermieristica e magari su concorsi per aree di specializzazione».

LEGGI ANCHE: GIOVANI INFERMIERI, SONDAGGIO FNOPI: STIPENDIO NON SODDISFA, PIACE LA FORMAZIONE

Come per i medici?

«In maniera un po’ più ampia però perché altrimenti rischiamo di ingabbiarci in un riduzionismo che poi alla classe medica non ha portato sempre benissimo».

Articoli correlati
Fnopi, parte la nuova campagna #NonChiamateciEroi. Il 25 giugno l’evento social
«Un’iniziativa – spiega la Fnopi - per essere vicini a tutti gli infermieri e per sostenere la raccolta fondi #NoiConGliInfermieri che ha raggiunto 3 milioni di donazioni già in erogazione diretta a tutti gli infermieri ritenuti idonei»
Il 91% degli italiani si fida degli infermieri e chiede che se ne assumano di più: i dati del rapporto Censis-FNOPI
L’indagine premia la figura professionale dell’infermiere: picco di consensi nel Nord Est. Promosso a pieni voti l’infermiere di famiglia. L’83% incoraggerebbe un parente o un amico a intraprendere la professione. Oltre 29 milioni gli italiani che si sono imbattuti in fake news durante la pandemia di Covid-19
di Giovanni Cedrone e Gloria Frezza
Giornata “Camici bianchi”, Fnopi: «La politica non (ri-)conosce gli infermieri»
«Così come è in discussione nell’iter parlamentare – spiega Barbara Mangiacavalli - c’è un grave neo: definirla ‘Giornata dei camici bianchi’ è un’assoluta limitazione che non rispecchia l’universo delle professioni e degli operatori impegnati nella lotta a COVID»
Mangiacavalli (FNOPI): «Servono più infermieri. Aumentare del 20% i posti all’università»
Il contributo della presidente della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche Barbara Mangiacavalli
di Barbara Mangiacavalli, Presidente FNOPI
«Così ho dato voce ai miei colleghi in prima linea contro il Covid-19». Esperienze, paure ed emozioni nell’ebook dell’infermiera Silvia Fortunato
"Racconti di cura che curano" raccoglie esperienze e testimonianze di 60 tra medici e infermieri coinvolti nell'emergenza. La curatrice: «L’obiettivo è far capire alla popolazione come noi abbiamo vissuto la pandemia. Più che essere chiamati eroi per un giorno vorremmo essere riconosciuti come dei professionisti tutti i giorni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 16 luglio, sono 13.565.020 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 584.385 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 15 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»