Salute 19 Novembre 2019

Infermieri, 50% vorrebbe cambiare ambito di lavoro. Draoli (Giovani FNOPI): «Norme concorsuali da modificare»

Il referente per i giovani della Federazione delle professioni infermieristiche spiega perché molti infermieri millennials non sono soddisfatti del posto di lavoro: «Si ritrovano in un elenco in cui la sorte più che la valorizzazione tende poi a collocarli in un setting lavorativo piuttosto che in un altro»

Immagine articolo

«Il problema oggi dei giovani è che partecipano a concorsi in cui uno vale uno, si ritrovano in un elenco in cui la sorte più che la valorizzazione tende poi a collocarli in un setting lavorativo piuttosto che in un altro». Nicola Draoli, responsabile per il Comitato centrale della Federazione del settore “Fnopi Giovani”, commenta a Sanità Informazione i risultati di una survey realizzata dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche e rivolta agli infermieri millennials in cui tra i dati più significativi emerge che il 50% degli intervistati vorrebbe cambiare posto di lavoro mentre complessivamente per la formazione e la valorizzazione della professione sul luogo di lavoro. Un dato che riflette una realtà: gli infermieri vincono concorsi ma poi la loro collocazione nei reparti è casuale e non rispecchia le aspettative del giovane. «È interessante vedere come quasi tutti vorrebbero orientarsi verso settori in cui poi in realtà non esercitano ed è per questo che noi stiamo anche molto sul tema delle specializzazioni e sul cambiamento della normativa concorsuale» sottolinea Draoli che però sottolinea che in ambito infermieristico non sarebbero necessarie delle specializzazioni molto specifiche come nel campo mediche: sarebbero sufficienti delle macroaree in cui indirizzare gli aspiranti infermieri.

Avete realizzato una survey rivolta ai giovani infermieri. Uno su due vorrebbe cambiare  ambito di lavoro, molti sono insoddisfatti dello stipendio. Insomma, cosa vogliono i giovani infermieri?

«Difficile capirlo. Abbiamo da una parte l’interpretazione soggettiva dei giovani con cui parliamo e dall’altra quello che leggiamo sui social. Abbiamo fatto questo sondaggio appunto come base di partenza un po’ più solida. Ci ha stupito in parte perché sicuramente lo stipendio è ritenuto inadeguato (non ci voleva un sondaggio per capirlo) ma ad esempio c’è una forte occupabilità degli infermieri: noi diciamo che mancano gli infermieri e manca la capacità di assorbirli all’interno del Servizio sanitario nazionale. I giovani infermieri che hanno partecipato al sondaggio hanno tutti più o meno una stabilizzazione abbastanza concreta e nella loro regione. I problemi sono legati in parte al posto di lavoro nello specifico, probabilmente il setting assistenziale che per vari motivi non è adeguato al professionista. È però interessante vedere come quasi tutti vorrebbero orientarsi verso settori in cui poi in realtà non esercitano ed è per questo che noi stiamo anche molto sul tema delle specializzazioni e sul cambiamento della normativa concorsuale. Il problema oggi dei giovani è che partecipano a concorsi in cui uno vale uno, si ritrovano in un elenco in cui la sorte più che la valorizzazione tende poi a collocarli in un setting lavorativo piuttosto che in un altro: ma magari non è la loro ambizione, non è il percorso che vogliono fare. Questo genera frustrazione e perdita di competenze perché alla prima occasione utile se ne vanno. Quindi lavorare sulla specializzazione infermieristica e magari su concorsi per aree di specializzazione».

LEGGI ANCHE: GIOVANI INFERMIERI, SONDAGGIO FNOPI: STIPENDIO NON SODDISFA, PIACE LA FORMAZIONE

Come per i medici?

«In maniera un po’ più ampia però perché altrimenti rischiamo di ingabbiarci in un riduzionismo che poi alla classe medica non ha portato sempre benissimo».

Articoli correlati
Sanitari sempre più poveri: perso il 6,33% di potere d’acquisto. Tecnici e infermieri tra i più colpiti
I dati, diffusi dalla FNOPI, evidenziano anche la carenza di organici e le condizioni di lavoro degli infermieri: aumenta del 25-26% il rischio di mortalità causato da eccesso di pazienti e svolgimento di attività non infermieristiche, burocrazia in primis
Congresso FederAnziani, Mangiacavalli (FNOPI): «Serve infermiere di famiglia per assistenza cronicità»
Secondo gli ultimi dati Eurostat l’Italia è già al primo posto nel 2018 in Europa per percentuale di over 65. Barbara Mangiacavalli Federazione Nazionale degli Infermieri (FNOPI): «La priorità per il futuro è l’istituzione della figura dell’infermiere sul territorio, analoga a quella del medico di medicina generale»
Gestione rischio clinico regionale, presa di posizione degli infermieri toscani
«Gli Ordini delle Professioni Infermieristiche delle Toscana stanno assistendo ad una querelle sulla direzione della gestione rischio clinico Regionale, in cui per altro sono coinvolti altri ordini locali, che tutto sembra meno che un percorso rigoroso e rispettoso delle norme in materia di Rischio Clinico così come definite dalla L 24/2017, quanto istanze apparentemente del […]
Agli infermieri piace il nuovo Patto per la Salute. Mangiacavalli (FNOPI): «Innovativo, apre al territorio»
La presidente della Federazione Nazionale degli Infermieri (FNOPI) Barbara Mangiacavalli apre anche sulla Manovra in discussione in Parlamento: «Confidiamo nel fatto che quanto promesso dal Ministro della Salute si realizzi»
Sistema 118, pronta mozione per riformarlo. Castellone (M5S): «Piante organiche, incentivi e tecnologie per renderlo efficiente»
«Vogliamo che tutte le centrali operative siano dotate di geolocalizzazione» sottolinea la senatrice M5S. Parla il patrigno di Simon Gautier, escursionista francese morto in Cilento a seguito di una caduta e ritrovato dopo dieci giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...