Salute 19 Novembre 2019 10:49

Infermieri, 50% vorrebbe cambiare ambito di lavoro. Draoli (Giovani FNOPI): «Norme concorsuali da modificare»

Il referente per i giovani della Federazione delle professioni infermieristiche spiega perché molti infermieri millennials non sono soddisfatti del posto di lavoro: «Si ritrovano in un elenco in cui la sorte più che la valorizzazione tende poi a collocarli in un setting lavorativo piuttosto che in un altro»

Infermieri, 50% vorrebbe cambiare ambito di lavoro. Draoli (Giovani FNOPI): «Norme concorsuali da modificare»

«Il problema oggi dei giovani è che partecipano a concorsi in cui uno vale uno, si ritrovano in un elenco in cui la sorte più che la valorizzazione tende poi a collocarli in un setting lavorativo piuttosto che in un altro». Nicola Draoli, responsabile per il Comitato centrale della Federazione del settore “Fnopi Giovani”, commenta a Sanità Informazione i risultati di una survey realizzata dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche e rivolta agli infermieri millennials in cui tra i dati più significativi emerge che il 50% degli intervistati vorrebbe cambiare posto di lavoro mentre complessivamente per la formazione e la valorizzazione della professione sul luogo di lavoro. Un dato che riflette una realtà: gli infermieri vincono concorsi ma poi la loro collocazione nei reparti è casuale e non rispecchia le aspettative del giovane. «È interessante vedere come quasi tutti vorrebbero orientarsi verso settori in cui poi in realtà non esercitano ed è per questo che noi stiamo anche molto sul tema delle specializzazioni e sul cambiamento della normativa concorsuale» sottolinea Draoli che però sottolinea che in ambito infermieristico non sarebbero necessarie delle specializzazioni molto specifiche come nel campo mediche: sarebbero sufficienti delle macroaree in cui indirizzare gli aspiranti infermieri.

Avete realizzato una survey rivolta ai giovani infermieri. Uno su due vorrebbe cambiare  ambito di lavoro, molti sono insoddisfatti dello stipendio. Insomma, cosa vogliono i giovani infermieri?

«Difficile capirlo. Abbiamo da una parte l’interpretazione soggettiva dei giovani con cui parliamo e dall’altra quello che leggiamo sui social. Abbiamo fatto questo sondaggio appunto come base di partenza un po’ più solida. Ci ha stupito in parte perché sicuramente lo stipendio è ritenuto inadeguato (non ci voleva un sondaggio per capirlo) ma ad esempio c’è una forte occupabilità degli infermieri: noi diciamo che mancano gli infermieri e manca la capacità di assorbirli all’interno del Servizio sanitario nazionale. I giovani infermieri che hanno partecipato al sondaggio hanno tutti più o meno una stabilizzazione abbastanza concreta e nella loro regione. I problemi sono legati in parte al posto di lavoro nello specifico, probabilmente il setting assistenziale che per vari motivi non è adeguato al professionista. È però interessante vedere come quasi tutti vorrebbero orientarsi verso settori in cui poi in realtà non esercitano ed è per questo che noi stiamo anche molto sul tema delle specializzazioni e sul cambiamento della normativa concorsuale. Il problema oggi dei giovani è che partecipano a concorsi in cui uno vale uno, si ritrovano in un elenco in cui la sorte più che la valorizzazione tende poi a collocarli in un setting lavorativo piuttosto che in un altro: ma magari non è la loro ambizione, non è il percorso che vogliono fare. Questo genera frustrazione e perdita di competenze perché alla prima occasione utile se ne vanno. Quindi lavorare sulla specializzazione infermieristica e magari su concorsi per aree di specializzazione».

LEGGI ANCHE: GIOVANI INFERMIERI, SONDAGGIO FNOPI: STIPENDIO NON SODDISFA, PIACE LA FORMAZIONE

Come per i medici?

«In maniera un po’ più ampia però perché altrimenti rischiamo di ingabbiarci in un riduzionismo che poi alla classe medica non ha portato sempre benissimo».

Articoli correlati
Covid-19, gli infermieri per i vaccini a domicilio ai fragili. Il protocollo Ministero-Regioni-Fnopi
In campo infermieri e infermieri pediatrici. Oltre al compenso aggiuntivo, previsti 6,16 euro a inoculazione. Mangiacavalli (Fnopi): «Un ulteriore tassello che dimostra il ruolo e la rilevanza di un’assistenza infermieristica». Contrari Fials e Nursing Up
In Italia numero infermieri sotto media Ue: «Carenza aumenta mortalità pazienti»
In occasione della Giornata dell’infermiere, la FNOPI ha raccolto in un documento tutti i dati principali, i numeri e le problematiche della professione infermieristica in Italia
In Veneto la delibera della discordia mette d’accordo infermieri e OSS: «Illegittima». Pronto ricorso al TAR
La delibera 305 del 16 marzo permette agli OSS di acquisire competenze avanzate tipiche della professione infermieristica. Dei Mori (OPI Belluno): «C’è il rischio dell’abuso di professione». Minghetti (MIGEP): «Mansioni superiori senza riconoscimenti, è sfruttamento»
Covid-19, emesso francobollo dedicato alle professioni sanitarie
Il Ministro dello Sviluppo economico Giorgetti: «Riconoscimento a impegno e dedizione nella lotta al virus»
Fnopi, Barbara Mangicavalli confermata presidente fino al 2024
Confermata presidente Fnopi per il quadriennio 21-24 Barbara Mangiacavalli. Vicepresidente Cosimo Cicia. Rinnovate le Commissioni d'Albo di infermieri e infermieri pediatrici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM