Salute 25 Ottobre 2019

Infermiere di famiglia, Aceti (FNOPI): «Figura centrale, diventerà strutturale in prossimo Patto per la Salute»

Il Portavoce della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche conferma: «Da Venturi e Icardi ampie rassicurazioni». Poi spiega: «Figura innovativa, lavorerà a stretto contatto con il medico di medicina generale»

Immagine articolo

L’infermiere di famiglia potrebbe essere presto una realtà nel nostro Paese. A confermarlo ai microfoni di Sanità Informazione è il portavoce della Federazione degli Ordini delle Professioni infermieristiche Tonino Aceti all’indomani dell’incontro che una delegazione FNOPI ha avuto con Genesio Icardi, Assessore alla Salute della Regione Piemonte e coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e Sergio Venturi, Assessore alla Salute della Regione Emilia-Romagna, presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità: «Ci sono state date ampie rassicurazioni che l’infermiere di famiglia da elemento sperimentale in alcune regioni diventerà con il prossimo Patto per la salute elemento strutturale e di sistema nel nostro Paese», sottolinea Aceti.

Nell’incontro, come riportato da una nota della FNOPI, sono stati affrontati i principali temi relativi allo sviluppo della professione infermieristica alla luce del futuro Patto per la Salute e si è parlato della proposta di una Conferenza Nazionale sulla Salute, idea che ha già incontrato la valutazione positiva del Ministro della Salute, Roberto Speranza.

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA, MANGIACAVALLI (FNOPI): «PERCORSO FORMATIVO GIA’ ATTIVO. MANCA INCARDINARE QUESTO RUOLO IN SSN»

«L’infermiere di famiglia è una figura professionale centrale per la presa in carico delle cronicità e più in generale delle fragilità, anche nelle aree interne e più disagiate del nostro Paese. È una figura innovativa in Italia, sperimentale in alcune regione, ma da alcuni anni vi è un riferimento in letteratura internazionale» sottolinea Aceti che poi aggiunge: «Cambia il paradigma dell’assistenza, da una medicina di attesa si passa a una di iniziativa. È una figura che entra in relazione fortemente con le famiglie. Entra nelle case delle persone, aiuta le persone a descrivere e a classificare meglio anche i propri bisogni ed è una figura che è in grado di prendersi in carico questi bisogni immediatamente garantendo la continuità dei percorsi, l’integrazione, il lavoro in team, l’approccio multidisciplinare e multidimensionale, lavorando a stretto contatto con il medico di medicina generale che è una figura molto importante dei nostri servizi sanitari territoriali».

Articoli correlati
Patto per la salute, assistenti sociali soddisfatti. Gazzi (Cnoas): «Dignità e cura insieme. Centrale integrazione socio-sanitaria»
Il presidente del Consiglio dell’Ordine degli Assistenti sociali: «Bene il Patto per la Salute, da gennaio lavoreremo affinchè non resti sulla carta»
Patto per la Salute, raggiunta l’intesa. Accordo sul ‘care giver’ familiare e specializzandi in corsia
La Conferenza delle Regioni ha dato il via libera, unanime, al documento di programmazione 2019-2021 che attende ora soltanto il passaggio formale della Conferenza Stato-Regioni
Le Sardine (in camice bianco) scendono in piazza: «Basta odio medico-paziente. Subito nuovo patto per la salute»
A Piazza San Giovanni centinaia di cappelli e magliette: «Basta alle aggressioni e alle campagne denigratorie». L’europarlamentare Bartolo: «Fare il necessario per recuperare fiducia pazienti con ascolto e formazione». Il fondatore Santori: «Il populismo che sminuisce le competenze non ci ha fatto bene»
Regioni contro spoil system in Agenas. E slitta la firma del Patto per la Salute
I governatori di centrodestra contestano la volontà da parte del ministro Speranza di rimuovere il Dg di Agenas Francesco Bevere. Rilievi anche sulle norme per le assunzioni
Contratto, Quici (CIMO-Fesmed): «Firmiamo e poi disdiciamo». E sulle risorse alla sanità: «2 miliardi insufficienti, serve shock»
Il presidente della Federazione CIMO-Fesmed fa il bilancio dell’anno che sta per concludersi: «Un anno faticoso e importante, che ha posto le basi di un’aggregazione sindacale che rappresenterà 19mila medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...