Salute 25 Ottobre 2019

Infermiere di famiglia, Aceti (FNOPI): «Figura centrale, diventerà strutturale in prossimo Patto per la Salute»

Il Portavoce della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche conferma: «Da Venturi e Icardi ampie rassicurazioni». Poi spiega: «Figura innovativa, lavorerà a stretto contatto con il medico di medicina generale»

Immagine articolo

L’infermiere di famiglia potrebbe essere presto una realtà nel nostro Paese. A confermarlo ai microfoni di Sanità Informazione è il portavoce della Federazione degli Ordini delle Professioni infermieristiche Tonino Aceti all’indomani dell’incontro che una delegazione FNOPI ha avuto con Genesio Icardi, Assessore alla Salute della Regione Piemonte e coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e Sergio Venturi, Assessore alla Salute della Regione Emilia-Romagna, presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità: «Ci sono state date ampie rassicurazioni che l’infermiere di famiglia da elemento sperimentale in alcune regioni diventerà con il prossimo Patto per la salute elemento strutturale e di sistema nel nostro Paese», sottolinea Aceti.

Nell’incontro, come riportato da una nota della FNOPI, sono stati affrontati i principali temi relativi allo sviluppo della professione infermieristica alla luce del futuro Patto per la Salute e si è parlato della proposta di una Conferenza Nazionale sulla Salute, idea che ha già incontrato la valutazione positiva del Ministro della Salute, Roberto Speranza.

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA, MANGIACAVALLI (FNOPI): «PERCORSO FORMATIVO GIA’ ATTIVO. MANCA INCARDINARE QUESTO RUOLO IN SSN»

«L’infermiere di famiglia è una figura professionale centrale per la presa in carico delle cronicità e più in generale delle fragilità, anche nelle aree interne e più disagiate del nostro Paese. È una figura innovativa in Italia, sperimentale in alcune regione, ma da alcuni anni vi è un riferimento in letteratura internazionale» sottolinea Aceti che poi aggiunge: «Cambia il paradigma dell’assistenza, da una medicina di attesa si passa a una di iniziativa. È una figura che entra in relazione fortemente con le famiglie. Entra nelle case delle persone, aiuta le persone a descrivere e a classificare meglio anche i propri bisogni ed è una figura che è in grado di prendersi in carico questi bisogni immediatamente garantendo la continuità dei percorsi, l’integrazione, il lavoro in team, l’approccio multidisciplinare e multidimensionale, lavorando a stretto contatto con il medico di medicina generale che è una figura molto importante dei nostri servizi sanitari territoriali».

Articoli correlati
Contratto, Quici (CIMO-Fesmed): «Firmiamo e poi disdiciamo». E sulle risorse alla sanità: «2 miliardi insufficienti, serve shock»
Il presidente della Federazione CIMO-Fesmed fa il bilancio dell’anno che sta per concludersi: «Un anno faticoso e importante, che ha posto le basi di un’aggregazione sindacale che rappresenterà 19mila medici»
Autonomia, il ministro Boccia: «Testo in pre-consiglio. Non inciderà sul Patto per la Salute»
Ad annunciarlo il ministro per gli affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia ospite del convegno “Sanità e autonomia speciale in Sicilia” tenutosi a Palermo
Patto per la salute, CIMO – FESMED: «Senza una vera visione strategica. Servono risorse certe e revisione della gestione finanziaria»
Secondo la federazione sindacale guidata da Guido Quici l'incremento di 2 miliardi di euro appare del tutto insufficiente ad affrontare alcune operazioni: dall’abolizione del superticket agli incrementi contrattuali del personale dirigente sanitario
Patto per la Salute, arriva l’accordo. Presto il testo in Commissione e in Conferenza Stato-Regioni
L'annuncio arriva dal ministro della Salute, Roberto Speranza tramite un tweet: «Sciolti i nodi fondamentali»
Patto per la Salute, Icardi (Ass. Piemonte): «Respingeremo norma su commissariamenti»
Al Forum Risk Management di Firenze emerge l'insoddisfazione degli assessori verso l'ultima stesura del Patto per la Salute: «Sarebbe una sciagura per il paese non firmare il Patto entro il 31 dicembre» sottolinea l'assessore alla Sanità della Regione Piemonte
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...