Salute 15 Marzo 2021 18:28

Inaugurato il primo drive through vaccinale d’Italia a Milano, poche ore prima della sospensione di AstraZeneca

300 somministrazioni nella prima giornata ad insegnanti e personale scolastico, ma poche ore dopo lo stop precauzionale di Aifa ad AstraZeneca ha fermato la macchina operativa messa a punto da Esercito e ASST Santi Paolo e Carlo

di Federica Bosco

A poche ore dall’inaugurazione, a Milano, del più grande hub vaccinale drive through d’Italia, messo a disposizione dall’Esercito con la collaborazione di ASST Santi Paolo e Carlo, la decisione di Aifa di sospendere la somministrazione di AstraZeneca in via precauzionale ha imposto uno stop. L’operazione Eos partita questa mattina su un’area di 200mq al parco di Trenno di Milano, oltre a tamponi e test rapidi, prevede due linee dedicate alle vaccinazioni.

Operazione Eos

A inaugurare le due postazioni con il governatore della Lombardia Attilio Fontana e la vicesindaco Anna Scavuzzo c’era anche il Ministro della difesa Lorenzo Guerini. «Questa è una evoluzione dei drive through verso poli vaccinali come quello che prende il via oggi. La nomina del generale Figliolo come nuovo commissario per la lotta alla pandemia dà il senso di un impegno, di uno sforzo e di un lavoro che le forze armate con la loro specificità militare possono dare al Paese nella lotta alla pandemia», ha detto il Ministro.

Tanti in fila, c’è chi ha deciso di sospendere l’allattamento per il vaccino

Tutto era partito nel migliore dei modi: insegnanti e personale scolastico hanno varcato l’ingresso del centro a bordo della propria auto e dopo la procedura di accettazione, hanno ricevuto la dose di AstraZeneca senza scendere dal veicolo. Poche le preoccupazioni nonostante le notizie circolate nei giorni scorsi. Chi aveva dei dubbi ha avuto tutte le rassicurazioni del caso, come Martina, giovane insegnante precaria di 34 anni che per ricevere il vaccino ha dovuto sospendere l’allattamento. «Mia figlia ha un anno e mezzo, non si tratta di un allattamento esclusivo, quindi questo poteva essere motivo di qualche riserva o per fare altre scelte, ma mia figlia è grandicella e quindi ho deciso, seguendo il consiglio che mi è stato dato, di interrompere l’allattamento. Si tratta di un sacrificio che faccio volentieri e spero sia di esempio anche per i miei studenti. Prima ci vacciniamo prima potremo tornare alla normalità». Conclusa la fase di somministrazione, chi ha ricevuto il vaccino è rimasto 15 minuti nel parcheggio a bordo della propria auto per monitorare eventuali reazioni, in assenza delle quali ha fatto rientro a casa.

300 vaccinazioni prima dello stop

Nella prima giornata sono state 300 le vaccinazioni effettuate prima della sospensione di AstraZeneca imposta in via precauzionale da Aifa. La macchina operativa messa in moto per l’operazione Eos alle 17 quindi si è fermata, in attesa di nuove disposizioni.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Eventi avversi vaccini anti-Covid, il terzo rapporto Aifa: «Il 92,7% non gravi»
Sono 46.237 le segnalazioni registrate su un totale di 9 milioni di dosi somministrate, con un tasso di 36 eventi gravi ogni 100 mila somministrazioni. La distribuzione per sesso ed età
MMG e campagna vaccinale, a che punto siamo nel Lazio?
Intervista a Giovanni Cirilli, Segretario FIMMG Lazio: «Peccato non essere stati messi in condizione di partire prima»
AstraZeneca e J&J, il farmacologo: «Non esiste farmaco comune con possibilità di eventi avversi così remota»
Con il prof. Sava (SIF) analizziamo i rischi di farmaci comuni e l'incidenza di trombosi, comparandola con quella dei vaccini a vettore virale
Vaccini, Ippolito (Cts): «Rischi Covid maggiori di ipotetici eventi avversi. Tanto basta per decisioni razionali»
Dalle rare reazioni avverse di AstraZeneca e Johnson&Johnson ai dubbi sulla seconda dose, le risposte del direttore scientifico dello Spallanzani e membro del Cts Giuseppe Ippolito
di Peter D'Angelo
Covid, MSF: «Vaccinare persone ad alto rischio nei Paesi in via di sviluppo prima di quelle a basso rischio nei Paesi ricchi»
La presidente di Medici Senza Frontiere Claudia Lodesani: «Il 75% dei vaccini somministrato in 10 Paesi del mondo. Ci sono Stati che non hanno ricevuto ancora una singola dose. I brevetti vanno sospesi per tutta la durata della pandemia»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...