Salute 8 Giugno 2020

In farmacia screening per la prevenzione di malattie oculari senza oculisti. L’allarme di Mazzacane (GOAL)

Il segretario del Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi: «Rivedere il programma dell’iniziativa in un’ottica di collaborazione con i medici specialisti e di miglior servizio alla popolazione»

di Federica Bosco

Uno screening visivo in farmacia nell’ambito di una campagna di prevenzione delle malattie oculari degenerative quali glaucoma, retinopatia e maculopatia. È l’iniziativa promossa da Unico, il maggiore distributore farmaceutico in Italia di proprietà dei farmacisti, per una giornata dedicata alla cura dell’occhio. Il servizio, secondo quanto si legge nel programma, sarà eseguito da infermieri qualificati, dotati di tutti i dispositivi di sicurezza anti-contagio, dalle mascherine ai guanti, e con  apparecchiature tecnologicamente all’avanguardia.

Un’iniziativa che ben si colloca nel più ampio progetto di farmacia dei servizi sul territorio, ma che nasce con una riserva: perché non affidare la visita a medici oculisti? A sollevare la questione e porre l’interrogativo è Danilo Mazzacane, segretario della società scientifica GOAL (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi) e segretario di Cisl Medici Lombardia: «L’infermiere, seppur qualificato, non può sostituire un oculista – commenta -. Pertanto il progetto nasce di fatto zoppo. Un vero peccato dal momento che tutto ciò si colloca in un ambito che vede sempre più il ruolo della farmacia e il dialogo con i medici del territorio il terminale di un percorso di integrazione e di collaborazione».

«Tra l’altro – aggiunge Mazzacane – nella brochure informativa si precisa che l’iniziativa è a pagamento con una varia modalità di offerta e la quota comprenderebbe la refertazione in remoto di non ben precisati medici specialisti».

LEGGI ANCHE: GIORNATA MONDIALE DI ORTOTTICA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS. FIORE (AIOrAO): «ORTOTTISTI DEL SSN AL TRIAGE DEI REPARTI COVID»

La farmacia oggi è riconosciuta come presidio sanitario territoriale e nell’era del dopo Covid si candida proprio come sede ideale per vaccinazioni o screening, «ma il ruolo dei medici specialisti non deve venire meno – puntualizza  Mazzacane -. La prevenzione secondaria e terziaria riguardante diagnosi e cura delle patologie oculari deve essere di esclusiva pertinenza del medico oculista che può certamente avvalersi della collaborazione di una figura sanitaria specifica abilitata come quella dell’ortottista. In particolare, le patologie citate nella brochure di Unico sono patologie oculari invalidanti e riconosciute come malattie sociali. Il percorso di screening può produrre gravi danni alla salute visiva, fuorviando la diagnosi e le conseguenti terapie se non gestito da medici specialistici».

«Il ruolo degli infermieri di comunità – aggiunge il segretario GOAL – può essere di collaborazione in più ambiti, a cominciare dalla gestione dei pazienti cronici fragili a domicilio. Di sicuro è fondamentale la sinergia tra medici di medicina generale, medici specialisti e farmacisti di famiglia, tenendo conto che il ruolo di questi ultimi è da valutare con attenzione perché potrebbero esserci compiti non in linea con le normative giuridiche».

Un monito del segretario di GOAL che chiede a Unico di rivedere il programma dell’iniziativa in un’ottica di collaborazione e di miglior servizio alla popolazione. «Ci appelliamo al buon senso e alla professionalità delle competenti organizzazioni rappresentative dei farmacisti e degli infermieri – chiosa Mazzacane – affinché respingano la proposta così formulata, e all’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri affinché vigili sull’operato di eventuali medici coinvolti, nella tutela della salute e nel rispetto della deontologia della professione medica».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
Cisl Medici Lombardia, Mazzacane: «Condiviso con ASST percorso per valorizzare specialistica territoriale»
«La Cisl Medici Lombardia ha condiviso ieri con la Direzione Generale della ASST Nord Milano il percorso da compiere presso i poliambulatori territoriali milanesi, nel pieno rispetto delle opportune misure di sicurezza per programmare la fase 2, volta a fronteggiare l’emergenza indotta da COVID-19. Tutto ciò nel rispetto delle recenti delibere emanate da Regione Lombardia […]
La Cisl Medici Lombardia offre soccorso per la fase 2 a Regione Lombardia
La Cisl Medici Lombardia, con il contributo della  Medicina Specialistica Territoriale, offre un soccorso propositivo alla fase 2 dell’emergenza Covid-19 alla Regione Lombardia. «La Medicina territoriale – è balzata all’attenzione generale nel recente per il suo ruolo, volto a fronteggiare l’emergenza Covid-19. Sarebbe stata determinante nella fase di esordio, poiché poteva contribuire a contenere il […]
Emergenza Covid-19, ma chi pensa alle altre malattie? A Pavia gli specialisti ambulatoriali fanno diagnosi in teleconsulto
Il progetto intende supportare il lavoro dei medici di famiglia alle prese con pazienti che necessitano di visite specialistiche. L'intervista al segretario di Cisl Medici Lombardia Danilo Mazzacane
di Federica Bosco
Coronavirus, Aimo: «Presente in sacco congiuntivale anche in assenza di altra sintomatologia»
I medici oculisti di Aimo si rivolgono al ministero Speranza: «Pazienti potenzialmente contagiosi affollano nostri Pronto Soccorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 agosto, sono 18.288.573 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 693.805 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»