Professioni Sanitarie 1 Giugno 2020

Giornata mondiale di ortottica ai tempi del coronavirus, Fiore (AIOrAO): «Ortottisti del SSN al triage dei reparti Covid»

La presidente dell’Associazione Italiana Ortottisti Assistenti in Oftalmologia: «Per celebrare questa giornata solo consulenze online e web meeting. La fase 2 è cominciata con la massima cautela. L’attenzione resta alta: gli occhi possono essere veicolo di contagio»

di Isabella Faggiano

Termometro, gel igienizzate, camice e mascherina: così gli ortottisti hanno cambiato divisa e strumenti di lavoro per affrontare l’emergenza coronavirus. «In ospedale la nostra attività ambulatoriale è stata drasticamente ridotta – dice  Daniela Fiore, presidente AIOrAO, l’Associazione Italiana Ortottisti Assistenti in Oftalmologia -. Per questo ci siamo resi utili nei reparti Covid, soprattutto supportando le attività di triage, accoglienza e gestione dei pazienti che accedono all’azienda sanitaria».

E con la stessa “insolita divisa” molti ortottisti italiani hanno celebrato la sesta giornata mondiale di Ortottica, la World Orthoptic Day (WOD). Altri professionisti, invece, hanno trascorso questa ricorrenza tra consulenze online e web meeting. «Ogni anno, dal 2015 – racconta la presidente dell’Associazione Italiana Ortottisti Assistenti in Oftalmologia, una delle diciannove professioni sanitarie confluite nella Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP – questa giornata ricorre il primo lunedì del mese di giugno. In condizioni normali saremmo stati impegnati in screening gratuiti, prevalentemente su bambini, nelle principali piazze italiane, in strutture sanitarie e centri privati, per sensibilizzare alla prevenzione e far conoscere la professione dell’ortottista e la sua utilità. Quest’anno, invece, a causa della condizione epidemiologica mondiale, tutte le consulenze sono avvenute in remoto, compresi i meeting in sinergia con le altre associazioni internazionali».

LEGGI ANCHE: SALUTE DEGLI OCCHI E COVID-19, PIOVELLA (SOI): «3,5 MLN DI VISTE E 250 MILA INTERVENTI IN MENO, URGENTE RIPRISTINARE ATTIVITA’ ORDINARIA»

La Giornata mondiale di ortottica, infatti, è promossa dall’International Orthoptic Association (IOA), formata da 15 organizzazioni professionali nazionali, 6 organizzazioni associate e soci individuali provenienti da nazioni dove non vi è un’organizzazione riconosciuta.

In Italia, come nel resto del mondo, nei mesi scorsi gli ortottisti hanno dovuto confrontarsi con le difficoltà scaturite dalla fase 1 dell’emergenza. «Per la libera professione c’è stato un vero e proprio lockdown – aggiunge Daniela Fiore -, gli ortottisti hanno garantito solo le urgenze utilizzando molto i controlli a distanza in videochiamata, utili soprattutto per l’assistenza di quei piccoli pazienti sottoposti a particolari trattamenti che richiedono una sorveglianza frequente. Gli ortottisti del Sistema Sanitario Nazionale, invece, avendo interrotto la regolare attività ambulatoriale, sono stati chiamati a prestare servizio nei reparti Covid per contribuire a colmare le carenze di personale durante le fasi più critiche dell’emergenza».

Ora, per affrontare al meglio la fase 2, il comitato scientifico di categoria ha redatto delle linee guida ad hoc: «Non solo per la gestione del paziente – aggiunge la presidente AIOrAO ma anche degli strumenti di lavoro che devono essere correttamente sanificati, sia per garantirne l’igiene, che per non comprometterne il funzionamento. L’attenzione per la nostra categoria resta alta: gli occhi possono essere veicolo di contagio del Covid-19 e la congiuntivite è stata spesso identificata tra i primi sintomi dell’infezione. Come ortottisti pur non occupandoci della diagnosi di congiuntivite, di competenza medica, eseguiamo esami a stretto contatto con gli occhi del paziente, come ad esempio i test lacrimali».

Dunque, una ripartenza difficile, ma sicuramente necessaria «sia per i pazienti che avevano interrotto controlli e trattamenti che per gli stessi ortottisti che, come tutti i liberi professionisti, solo riprendendo a pieno regime la propria attività potranno risollevarsi da una crisi che – conclude la presidente Fiore – ha colpito anche l’economia della professione».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ortottisti. Al via il 52° Congresso Nazionale AIOrAO il 4 e 5 settembre
Focus sulla riabilitazione ortottica, la presidente AIOrAO: «Non restituisce la visione, ma permette di ottimizzare quella che si possiede». Per il futuro si punta all’ortottista di comunità
di Isabella Faggiano
UnGiornoCon | Ortottisti, Montes (Aiorao): «La prima visita ortottica entro il primo anno di vita. Ecco come si fa»
Le competenze dell’ortottista, l’esperto: «Oltre a lavorare su prescrizione medica per l’esecuzione di tutti i test diagnostici strumentali in oculistica, l’ortottista tratta i disturbi motori e sensoriali della visione, valuta gli strabismi con successivi trattamenti»
di Isabella Faggiano
Ortottisti, le nuove sfide. Drago (Aiorao): «Vorremmo lavorare accanto ai MMG e negli ambulatori per abbattere le liste di attesa di oculistica»
Il presidente dell’Associazione Italiana Ortottisti Assistenti in Oftalmologia: «Siamo gli unici professionisti sanitari a cui è riconosciuta la mansione di riabilitatore visivo. Grazie alla rivoluzione tecnologica non si lavora più solo negli ambulatori, ma anche nelle sale operatorie»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare