Salute 15 Aprile 2022 11:06

Il Servizio dell’Infermiere di Famiglia e di Comunità della ASST Monza primo in Italia ad ottenere la Certificazione di qualità

Oltre 300 pazienti fragili presi in carico in un anno Monza

Dopo meno di un anno dal suo avvio ufficiale il Servizio dell’Infermiere di Famiglia e di Comunità (IdFC), ottiene la Certificazione di Qualità. Gli Infermieri di Famiglia e di Comunità della ASST Monza diventano così i primi non solo in Lombardia, ma in tutta Italia ad aver ricevuto il riconoscimento da parte del CISQ, la Federazione italiana di organismi di certificazione dei sistemi di gestione aziendale. L’attività del Servizio IdFC, ossia del professionista che riveste il ruolo di collegamento tra la persona assistita e la sua famiglia, in sinergia con il Medico di Medicina Generale e gli operatori della rete ospedaliera e territoriale, si svolge nel contesto di vita quotidiana della persona presa in carico e comprende l’attuazione di interventi personalizzati, il rafforzamento dell’aderenza terapeutica ed il monitoraggio dello stato di salute mediante visite domiciliari, cercando così di evitare il ricorso improprio al Pronto Soccorso o a nuovi ricoveri.

Questo nuovo servizio, destinato ai cittadini residenti nell’ambito di competenza dell’ASST di Monza (Monza, Brugherio, Villasanta), è attivo anche nell’hotspot per l’attività ambulatoriale dei pazienti Covid, e in questo momento anche per visite, tamponi e vaccinazioni dei profughi ucraini. Dalla data di avvio del Servizio IdFC, il 23 marzo del 2021 ad oggi, l’attività ha registrato 371 pazienti valutati e 311 pazienti attualmente in carico.

Come funziona il servizio

L’IdFC viene attivato dal Medico di Medicina Generale e ad opera dei Servizi Sanitari Territoriali; non sono escluse le segnalazioni provenienti dai Servizi Sociali con una partenza, quindi, dal livello territoriale.

Per i pazienti che accedono ai servizi della ASST, il paziente viene segnalato all’IdFC direttamente dai reparti di degenza ospedaliera e dal personale degli ambulatori specialistici ospedalieri, quando presenti situazioni di fragilità e/o cronicità per i quali si renda opportuna l’attivazione di questa nuova figura per garantire la continuità assistenziale al domicilio.

Pertanto, una prima valutazione da parte dell’IdFC avviene già in reparto e dà quindi avvio ad una presa in carico dell’assistito, nel suo contesto di vita quotidiana. Il Medico di Medicina Generale viene contattato dall’IdFC per offrirgli la collaborazione nella gestione del caso. Successivamente, viene effettuata dall’IdFC un’altra valutazione al domicilio attraverso un colloquio conoscitivo anche della sua rete familiare a seguito del quale vengono identificati gli interventi più appropriati.

«Questo nuovo modello assistenziale di tipo infermieristico – specifica il Direttore Generale Silvano Casazza – ha avuto grande importanza, nel contesto della grave emergenza sanitaria causata dal Covid, con la necessità di un’assistenza a domicilio soprattutto delle persone fragili e con cronicità. Ed ora prosegue in modo stabile, sempre a favore di questa fascia di popolazione. Gli IdFC possono così esercitare la professione sul territorio, in una delle sue forme più avanzate e moderne. Questo nuovo modello organizzativo, che ha evidenziato l’importanza delle cure primarie territoriali, ci ha fatto raggiungere il traguardo della Certificazione di Qualità mettendo in evidenza la validità del modello».

«Esprimo il mio sentito apprezzamento all’ASST Monza e agli operatori impegnati in questa esperienza che ha portato a risultati positivi in così poco tempo – commenta la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia Letizia Moratti –. La certificazione di qualità conseguita dal servizio conferma che l’Infermiere di Famiglia e di Comunità rappresenta concretamente e giustificatamente uno dei perni portanti del potenziamento della nostra sanità territoriale. Il risultato dell’ASST di Monza e dei suoi professionisti va ad aggiungersi al positivo riscontro che sto raccogliendo nelle Case di Comunità proprio dalle persone impegnate in questa esperienza. Un’attività che coniuga al meglio le potenzialità della casa come primo luogo di cura e dei presidi delle nostre ASST, esaltando non solo la professionalità dei nostri infermieri, ma anche le loro capacità umane di relazionarsi coi pazienti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Osteosarcopenia: cosa fare quando ossa e muscoli non godono di buona salute
In Italia 5 milioni di persone sono affette da osteoporosi. La perdita di massa ossea e di quella muscolare sono processi fisiologici, ma entrambi concorrono a determinare un aumento della fragilità e del rischio fratture. Fondamentale la prevenzione con un corretto stile di vita, attività fisica e acquisizione di calcio, proteine e soprattutto vitamina D
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...