Salute 25 Settembre 2023 17:32

Il pianto del bebè stimola il latte della mamma, studio rivela il filo invisibile che li unisce

E’ una vero e proprio «miracolo» che molte mamme hanno il privilegio di vivere sulla propria pelle: quando il proprio bebè piange viene stimolata la produzione di latte materno. Ma solo di recente un gruppo di scienziati della NYU Grossman School of Medicine è riuscito a svelare qual è il filo invisibile che unisce il bebè alla sua «fonte di nutrimento», decifrandone l’intricato meccanismo cerebrale

Il pianto del bebè stimola il latte della mamma, studio rivela il filo invisibile che li unisce

E’ una vero e proprio «miracolo» che molte mamme hanno il privilegio di vivere sulla propria pelle: quando il proprio bebè piange viene stimolata la produzione di latte materno. Ma solo di recente un gruppo di scienziati della NYU Grossman School of Medicine è riuscito a svelare qual è il filo invisibile che unisce il bebè alla sua «fonte di nutrimento», decifrandone l’intricato meccanismo. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature, spiega la cascata di eventi scatenata dal pianto di un neonato. E’ noto da tempo che il vagito di un neonato può innescare il rilascio di ossitocina, il cosiddetto «ormone delle coccole», che a sua volta stimola la produzione di latte materno. Quello su cui hanno fatto luce i ricercatori, attraverso studi sui topi, è il circuito cerebrale che rende possibile tutto questo.

Il rilascio di ossitocina avviene dopo 30 secondi di pianto continuo

Quando un cucciolo di topo inizia a piangere, le informazioni sonore arrivano in un’area del cervello della madre, chiamata nucleo intralaminare posteriore del talamo. Questo nodo sensoriale invia poi segnali alle cellule cerebrali che, a loro volta, rilasciano ossitocina in un’altra regione, chiamata ipotalamo, un centro di controllo sito nel cervello, che regola l’attività ormonale. Per la maggior parte del tempo i neuroni dell’ipotalamo sono frenati da proteine che agiscono come «guardiani» per evitare falsi allarmi e sprechi di latte. Dopo trenta secondi di pianto continuo, tuttavia, la squadra di scienziati ha rilevato che i segnali provenienti dal nucleo intralaminare posteriore del talamo si accumulano e superano queste proteine inibitorie, innescando il rilascio di ossitocina. «Le nostre scoperte rivelano come un neonato che piange stimoli il cervello della madre a preparare il suo corpo per l’allattamento», spiega Habon Issa, ricercatrice della NYU Langone Health e coautrice dello studio. «In assenza di tale processo, si può verificare un ritardo di diversi minuti tra la suzione e il flusso di latte, che può portare a un bambino frustrato e a un genitore stressato», aggiunge.

Il pianto del neonato funziona solo sulle femmine che hanno partorito

I risultati hanno anche mostrato che l’aumento dell’ossitocina si verifica solo nei topi madre e non nelle femmine che non hanno mai partorito. Inoltre, i circuiti cerebrali delle madri rispondevano solo ai pianti dei cuccioli e non ai toni generati dal computer per imitare i vagiti naturali. «Lo studio offre la prima descrizione di come esperienze sensoriali come l’udito attivino direttamente i neuroni dell’ossitocina nelle madri», sottolinea Issa. Gli scienziati hanno utilizzato un tipo di sensore molecolare relativamente nuovo, chiamato iTango, per misurare in tempo reale il rilascio di ossitocina dalle cellule cerebrali. «In precedenza – spiega Issa – i ricercatori potevano effettuare solo misurazioni indirette, utilizzando dei proxy, poiché l’ormone si degrada rapidamente a causa delle sue piccole dimensioni».

Lo stesso circuito cerebrale mantiene alta l’attenzione della madre

Per lo studio, il gruppo di scienziati ha esaminato l’attività delle cellule cerebrali in decine di topi femmina. Poi, ha tracciato il percorso delle informazioni sonore che attraversano le diverse aree del cervello per attivare il flusso di latte. Successivamente, l’équipe ha esaminato il modo in cui questo circuito influisce sul comportamento dei genitori. «Di solito, quando i cuccioli si allontanano o vengono separati dal nido, le madri li recuperano rapidamente, indipendentemente dal numero di volte in cui ciò accade», afferma Issa. Tuttavia, quando gli scienziati hanno bloccato chimicamente il nucleo intralaminare posteriore del talamo dalla comunicazione con i neuroni dell’ossitocina, i topi si sono stancati e hanno smesso di recuperare i loro piccoli. Una volta riattivato il sistema, le madri hanno superato la fatica e hanno continuato a prendersi cura dei piccoli. «Questi risultati suggeriscono che il circuito cerebrale del pianto non è importante solo per il comportamento di allattamento, ma anche per mantenere l’attenzione della madre nel tempo e incoraggiare una cura efficace dei suoi piccoli anche quando è esausta», sottolinea Robert Froemke, professore di genetica presso il Dipartimento di Neuroscienze e Fisiologia della NYU Langone e autore senior dello studio.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Neonatologi SIN: ancora troppi punti nascita piccoli, riorganizzazione urgente per la sicurezza dei neonati
«Sono 395, secondo l’ultimo rapporto CeDAP (dati 2022), i punti nascita nel nostro paese, di cui ben 96 con meno di 500 nati/anno, con circa 29.000 nascite, e soltanto 137 con oltre 1.000 nati/anno, con circa 240.000 parti. Troppi, e molti troppo piccoli». Il presidente della Società Italiana di Neonatologia (SIN), Luigi Orfeo interviene sulla questione della riorganizzazione dei punti nascita in Italia, nel corso del 29esimo congresso nazionale SIN, a Napoli fino al 6 ottobre
di V.A.
Neonatologi: allattamento materno, i papà sono coprotagonisti
Non solo mamma e neonato: sempre più spesso alla diade, protagonista dell’importante pratica dell’allattamento, va ad aggiungersi anche la figura paterna, che svolge un ruolo significativo nel suo avvio e mantenimento. In occasione della Settimana Mondiale per l’Allattamento Materno, che si celebra in Italia dall’1 al 7 ottobre, la Società Italiana di Neonatologia (Sin), ribadisce proprio l’importanza dei papà come «coprotagonista» all’interno della triade madre-padre-neonato
di V.A.
Policlinico Gemelli, «sportelli» aperti alla Banca del Latte. «Donare è un gesto salva-vita»
Il Policlinico Gemelli di Roma ha attivato una Banca del Latte e ha avviato una serie di iniziative per sensibilizzare le mamme alla donazione
Morte in culla, per la prima volta individuato un marcatore di rischio
Un studio australiano, condotto da una mamma in lutto, ha portato alla scoperta di un enzima legato alla morte in culla
In una telefonata alla mamma la ricetta della felicità. Fa bene a tutte le età
Bortolotti (psicologa): «Una conversazione tra madre e figlio, anche se attraverso un telefono, favorisce il rilascio dell’ossitocina, il cosiddetto ormone della felicità. Il rapporto materno ha una funzione riequilibratrice: non si esaurisce mai, nemmeno con l’età, dura tutta la vita ed anche oltre»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...