Salute 27 Luglio 2015 18:25

Il bollettino del Ministero

Expo 2015, la salute passa anche dall’alimentazione

di Ministero della Salute

Nella sua partecipazione ad Expo il Ministero della Salute, soprattutto per quanto riguarda la salute e gli alimenti, ha incentrato il suo programma sulla prevenzione e quindi sul cibo come elemento primario per la salute delle persone. E questo sarà uno dei temi che affronteremo alla fine di ottobre in un evento dedicato. Si parlerà di come il cibo sia un elemento di vita, slogan dell’evento, e di come sia un grandissimo elemento di qualità della vita delle persone.

Pensate ad esempio che per quanto riguarda  il diabete alimentare in Italia potremmo risparmiare circa 3 miliardi di euro semplicemente adottando uno stile di vita corretto, ovvero adottando una corretta alimentazione e un’adeguata attività fisica, che non significa dover fare necessariamente sport, è sufficiente infatti una passeggiata di almeno trenta minuti al giorno. La qualità della nostra vita incide sulla qualità dei sistemi sanitari e sulla salute di tutti noi. Tra gli obiettivi di un moderno sistema sanitario non c’è solo quello di curare le persone, obiettivo che diamo per scontato, ma soprattutto quello di fare in modo che le persone si ammalino il più tardi possibile o addirittura non si ammalino per niente. E il cibo è l’elemento principale per vivere bene, vivere meglio e vivere più a lungo.

Quindi tornando allo slogan di Expo dobbiamo pensare non solo a nutrire il pianeta, ma a come nutrirlo, con quale quantità e qualità di cibi. E’ evidente che la qualità della sicurezza dei cibi diventa un elemento primario della salute delle persone ed un elemento importantissimo per le economie dei nostri Paesi e per la filiera economica che ruota intorno al sistema agroalimentare. Ecco che i due grandi eventi (uno appena concluso, quello sulle frodi alimentari) che il ministero della Salute, grazie anche al ministero dell’Agricoltura, ha organizzato ad Expo si muovono su questi due aspetti: la sicurezza del cibo e la qualità dell’alimentazione e della nutrizione.

Beatrice Lorenzin 

Articoli correlati
Settimana Mondiale Glaucoma, IAPB Italia onlus: «La parola d’ordine è prevenzione»
Controlli del tono oculare e webinar con specialisti sulle tv locali, un sito dedicato, cartoline informative in circa 160 supermercati: ecco le iniziative dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità contro il “ladro silenzioso della vista”
Dislipidemie e prevenzione, come intercettare i pazienti esposti ad alto rischio cardiovascolare?
Rosalba Cipriani, Responsabile del reparto di medicina dell’ospedale Fabrizio Spaziani di Frosinone, racconta a Sanità Informazione quanto è difficile sensibilizzare nel modo più efficace e capillare possibile la popolazione a rischio cardiovascolare
Colesterolo, Lazzeroni (cardiologo): «Il 70% dei nostri pazienti dislipidemici non è a target. C’è un problema di sensibilizzazione»
«Circa otto eventi cardiovascolari su dieci sono prevenibili – spiega il cardiologo Davide Lazzeroni a Sanità Informazione - ma per farlo il tempo è fondamentale, bisogna agire subito sui pazienti a rischio»
Cardiologia riabilitativa in affanno: dal Niguarda raccomandazioni su prevenzione e home-rehabilitation
«Una terapia cardio preventiva e post evento acuto permette di migliorare la qualità della vita ed avere una ricaduta positiva sull’economia sanitaria» così Salvatore Riccobono del Cardio Center Fondazione De Gasperis
di Federica Bosco
Food delivery: sette regole per mangiare bene e in sicurezza durante le feste
L'Associazione italiana gastroenterologi ed endoscopisti digestivi ospedalieri (Aigo) suggerisce come comportarsi nell'ordinare cibo da asporto, per un corretto regime alimentare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...