Salute 15 Febbraio 2021 17:32

Che cos’è “Ci vediamo a scuola”, il progetto di educazione visiva degli Istituti Maugeri

L’optometrista: «Tra qualche anno potremmo vedere l’effetto della DAD sulla vista degli studenti»

di Federica Bosco

Lockdown e didattica a distanza potrebbero far crescere la percentuale di ragazzi con difetti visivi. Per questo è importante essere consapevoli di come utilizzare in modo corretto i dispositivi digitali. Da questo proposito nasce il nuovo il progetto “Ci vediamo a scuola” promosso dall’Ufficio Scolastico Territoriale di Milano e Città metropolitana, insieme all’Istituto Clinico Scientifico Maugeri. Nato tre anni fa e aggiornato negli ultimi mesi per andare incontro alle esigenze scaturite dall’emergenza Covid, il progetto ha l’obiettivo di «valutare  – si legge sul sito – la situazione visuo-oculo-motoria della popolazione scolastica in relazione alle attività didattiche, diffondendo la consapevolezza che le prassi adottate possono avere effetti sulla salute». A curarlo è Idor De Simone, optometrista dell’Istituto clinico Maugeri.

«Recenti studi a livello internazionale sull’impatto dell’uso dei dispositivi digitali, soprattutto da parte dei giovani – si legge ancora sul sito di Regione Lombardia -, evidenziano l’incremento di difetti visivi e disturbi oculomotori. Essi utilizzano anche 4 diversi dispositivi, spesso simultaneamente, per un tempo che raggiunge 14 ore al giorno tra i 16 e i 24 anni (e le 8 ore negli adulti). Il 75% della popolazione digitale soffre di affaticamento agli occhi. Il 70% lamenta mal di testa e dolori al collo e nel 30% si registra una progressione miopica».

«In un momento come questo di chiusura totale, purtroppo i ragazzi, come gli adulti, sono costretti ad usare pc e tablet per un numero di ore molto elevato durante la giornata – continua De Simone -. Tutto questo può creare difetti visivi come miopia, ipermetropia, astigmatismo ma soprattutto disturbi oculomotori, ovvero strabismi manifesti o latenti, che possono provocare un’alterazione nella trasmissione delle immagini alle aree celebrali che devono rielaborarle. Questo fa sì che il messaggio possa arrivare alterato e quindi ci siano delle ricadute sull’apprendimento».

Le regole per un corretto uso degli strumenti digitali

«Stare ad una distanza ridotta dagli strumenti tecnologici fa male – rimarca a più riprese De Simone -. Provoca un grande affaticamento del sistema oculomotorio. Quindi è bene ricordare alcune norme fondamentali relative alla distanza d’uso: per il telefono e il tablet occorre tenere come riferimento la misura dell’avambraccio, che si aggira intorno ai 35/40 cm; per il personal computer invece è bene tenere una distanza pari alla lunghezza di tutto il braccio, mentre l’inclinazione del dispositivo deve essere di circa 20 gradi inferiore rispetto alla linea primaria di sguardo. Completano i consigli un’illuminazione uniforme in tutto l’ambiente e pause visive ogni due ore. Infine, sarebbe opportuno spegnere i dispositivi digitali almeno un’ora prima di andare a letto perché è dimostrato che la luce blu altera il ritmo sonno-veglia».

Vista e DAD

Il progetto “Ci vediamo a scuola” ha portato in 12 istituti milanesi l’optometrista degli istituti Maugeri, che ha incontrato oltre 4000 ragazzi prima del lockdown. «Avremo ancora due anni di studio per completare il quadro – dice De Simone –. Avremo così modo di vedere l’effetto della DAD sugli occhi degli studenti. Molto probabilmente ci saranno delle ripercussioni e quindi sarà opportuno correre ai ripari», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Tags

Articoli correlati
Miopia in aumento tra i più piccoli, ma una lente speciale e un farmaco possono rallentarla
Paolo Nucci, professore di Oftalmologia all’Università Statale di Milano, spiega come riconoscerla e quali rimedi adottare per limitare i danni
di Federica Bosco
Salute visiva pre e post natale: la campagna di IAPB Italia #Proteggilasuavista
L’iniziativa prevede la distribuzione di materiale informativo in 450 punti nascita in tutta Italia  e la diffusione di un video su web, social e tv
Al via il Congresso virtuale SOI, Piovella: «Con la pandemia 6 milioni di visite e 500mila interventi in meno»
Il presidente sottolinea l’impegno della Società oftalmologica italiana e incoraggia l’utilizzo dei tamponi antigenici rapidi per tracciare gli eventuali positivi e convincere i pazienti a prenotare le visite oculistiche
Oftalmologia, al via a Roma il congresso nazionale Aimo
Il primo in oftalmologia realizzato con formula ‘ibrida’. Il presidente: “Tante difficoltà per covid-19, ma evento sarà accattivante”
Giornata Mondiale della vista, l’80% dei casi di cecità sono prevenibili
Questa mattina la conferenza stampa di presentazione dell’evento a cui seguirà una maratona in diretta streaming sulla pagina Facebook di IAPB Italia. Stirpe (Fondaz. Bietti): «L’organizzazione della sanità dovrà contenere il rischio contagio e trattare le urgenze delle quali l’epidemia ha ritardato la cura». Mariotti (OMS): «Senza una buona vista si rischia tre volte di più di ammalarsi di depressione e di avere incidenti stradali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano