Salute 15 Febbraio 2021 17:32

Che cos’è “Ci vediamo a scuola”, il progetto di educazione visiva degli Istituti Maugeri

L’optometrista: «Tra qualche anno potremmo vedere l’effetto della DAD sulla vista degli studenti»

di Federica Bosco

Lockdown e didattica a distanza potrebbero far crescere la percentuale di ragazzi con difetti visivi. Per questo è importante essere consapevoli di come utilizzare in modo corretto i dispositivi digitali. Da questo proposito nasce il nuovo il progetto “Ci vediamo a scuola” promosso dall’Ufficio Scolastico Territoriale di Milano e Città metropolitana, insieme all’Istituto Clinico Scientifico Maugeri. Nato tre anni fa e aggiornato negli ultimi mesi per andare incontro alle esigenze scaturite dall’emergenza Covid, il progetto ha l’obiettivo di «valutare  – si legge sul sito – la situazione visuo-oculo-motoria della popolazione scolastica in relazione alle attività didattiche, diffondendo la consapevolezza che le prassi adottate possono avere effetti sulla salute». A curarlo è Idor De Simone, optometrista dell’Istituto clinico Maugeri.

«Recenti studi a livello internazionale sull’impatto dell’uso dei dispositivi digitali, soprattutto da parte dei giovani – si legge ancora sul sito di Regione Lombardia -, evidenziano l’incremento di difetti visivi e disturbi oculomotori. Essi utilizzano anche 4 diversi dispositivi, spesso simultaneamente, per un tempo che raggiunge 14 ore al giorno tra i 16 e i 24 anni (e le 8 ore negli adulti). Il 75% della popolazione digitale soffre di affaticamento agli occhi. Il 70% lamenta mal di testa e dolori al collo e nel 30% si registra una progressione miopica».

«In un momento come questo di chiusura totale, purtroppo i ragazzi, come gli adulti, sono costretti ad usare pc e tablet per un numero di ore molto elevato durante la giornata – continua De Simone -. Tutto questo può creare difetti visivi come miopia, ipermetropia, astigmatismo ma soprattutto disturbi oculomotori, ovvero strabismi manifesti o latenti, che possono provocare un’alterazione nella trasmissione delle immagini alle aree celebrali che devono rielaborarle. Questo fa sì che il messaggio possa arrivare alterato e quindi ci siano delle ricadute sull’apprendimento».

Le regole per un corretto uso degli strumenti digitali

«Stare ad una distanza ridotta dagli strumenti tecnologici fa male – rimarca a più riprese De Simone -. Provoca un grande affaticamento del sistema oculomotorio. Quindi è bene ricordare alcune norme fondamentali relative alla distanza d’uso: per il telefono e il tablet occorre tenere come riferimento la misura dell’avambraccio, che si aggira intorno ai 35/40 cm; per il personal computer invece è bene tenere una distanza pari alla lunghezza di tutto il braccio, mentre l’inclinazione del dispositivo deve essere di circa 20 gradi inferiore rispetto alla linea primaria di sguardo. Completano i consigli un’illuminazione uniforme in tutto l’ambiente e pause visive ogni due ore. Infine, sarebbe opportuno spegnere i dispositivi digitali almeno un’ora prima di andare a letto perché è dimostrato che la luce blu altera il ritmo sonno-veglia».

Vista e DAD

Il progetto “Ci vediamo a scuola” ha portato in 12 istituti milanesi l’optometrista degli istituti Maugeri, che ha incontrato oltre 4000 ragazzi prima del lockdown. «Avremo ancora due anni di studio per completare il quadro – dice De Simone –. Avremo così modo di vedere l’effetto della DAD sugli occhi degli studenti. Molto probabilmente ci saranno delle ripercussioni e quindi sarà opportuno correre ai ripari», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Tags

Articoli correlati
Congresso SOI, Piovella: «Per una cataratta si attende fino a 3 anni. Urgente snellire le liste di attesa»
È stato inaugurato oggi il 18esimo Congresso Internazionale della Società Oftalmologica Italiana. L’innovazione per la chirurgia della cataratta, la terapia intravitreale per il trattamento delle maculopatie e la miopia tra i giovanissimi sono tra i principali argomenti discussi. Il Congresso si concluderà domenica 11 luglio
di Isabella Faggiano
Computer vision syndrome, a rischio anche bambini e adolescenti
L’ortottista: «Controllo ortottico e visita oculistica sono consigliati entro il primo anno di vita. Le attività di screening non possono sostituire gli esami completi della vista. In Italia, medico oculista e ortottista assistente in oftalmologia sono le uniche due figure sanitarie riconosciute a svolgere attività in campo oftalmologico»
di Isabella Faggiano
Settimana Mondiale Glaucoma, IAPB Italia onlus: «La parola d’ordine è prevenzione»
Controlli del tono oculare e webinar con specialisti sulle tv locali, un sito dedicato, cartoline informative in circa 160 supermercati: ecco le iniziative dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità contro il “ladro silenzioso della vista”
Miopia in aumento tra i più piccoli, ma una lente speciale e un farmaco possono rallentarla
Paolo Nucci, professore di Oftalmologia all’Università Statale di Milano, spiega come riconoscerla e quali rimedi adottare per limitare i danni
di Federica Bosco
Salute visiva pre e post natale: la campagna di IAPB Italia #Proteggilasuavista
L’iniziativa prevede la distribuzione di materiale informativo in 450 punti nascita in tutta Italia  e la diffusione di un video su web, social e tv
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva