Salute 20 Febbraio 2024 23:19

Il 51% degli ospedali “critici” ha migliorato i servizi in 3 anni

Poco più della metà degli ospedali italiani che erano considerati “critici” per la qualità dei loro servizi sanitari, a distanza di tre anni ha fatto registrare miglioramenti significativi, fino a raggiungere la qualità media nazionale. È il risultato di un’indagine, pubblicata sulla rivista Healthcare, che ha analizzato i dati del Piano Nazionale Esiti sul rischio di decesso post-ricovero per diverse malattie gravi e di alta frequenza

Il 51% degli ospedali “critici” ha migliorato i servizi in 3 anni

Poco più della metà degli ospedali italiani che erano considerati “critici” per la qualità dei loro servizi sanitari, a distanza di tre anni ha fatto registrare miglioramenti significativi, fino a raggiungere la qualità media nazionale. È il risultato di un’indagine, pubblicata sulla rivista Healthcare, che ha analizzato i dati del Piano Nazionale Esiti sul rischio di decesso post-ricovero per diverse malattie gravi e di alta frequenza. “I risultati del nostro studio mostrano che, dei 288 ospedali considerati ‘critici’ nel 2016, circa la metà è stata in grado di migliorare sensibilmente dopo più di tre anni di distanza dalla comunicazione dei risultati, ovvero dopo un tempo congruo per porre in atto interventi migliorativi“, spiega Lamberto Manzoli, medico epidemiologo e professore al Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell’Università di Bologna, che ha guidato lo studio.

A Centro-Nord il tasso di miglioramento degli ospedali è stato vicino al 70%

“Può sembrare un dato negativo, ma è migliore di quello rilevato in altre nazioni, ed è riferito ad ospedali in difficoltà, dove non è assolutamente semplice ottenere miglioramenti”, sottolinea Manzoli. “Inoltre, nelle regioni del Centro-Nord il tasso di miglioramento è stato vicino al 70%, un dato molto positivo”, aggiunge. Gestito dall’Agenzia Nazionale per Servizi Sanitari Regionali, il Piano Nazionale Esiti (PNE) è un sistema di valutazione della qualità dei servizi sanitari. Ogni anno, il PNE fornisce un rapporto sulla qualità di tutti gli ospedali italiani, nel quale viene calcolato il rischio di decesso successivo al recupero di malattie ad alto impatto. Gli ospedali nei quali si rileva la più alta percentuale di pazienti deceduti – a parità di altri fattori di rischio – sono considerati critici, e vengono suggeriti interventi mirati a capire le cause e migliorare la qualità.

La ricerca ha seguito per 5 anni le performance degli ospedali

Il PNE esiste da più di dieci anni e, nel confronto con i sistemi di altre nazioni, è considerato un sistema valido e metodologicamente solido. Tuttavia, secondo gli esperti, è sempre stato difficile valutare l’impatto del sistema sulla qualità complessiva dei servizi, e in particolare se e quanto gli ospedali identificati come “critici” siano stati poi in grado di migliorare i propri servizi. Lo ha fatto, per la prima volta, questa nuova indagine – che ha coinvolto anche gli studiosi dell’Università di Ferrara – seguendo per cinque anni le performance degli ospedali con i risultati peggiori. L’obiettivo era capire quanti di questi siano riusciti a migliorare fino ad avvicinarsi – o superare – i media nazionali, e quanti invece hanno continuato a mostrare un rischio di decesso elevato per i propri pazienti.

Il 27% delle strutture è migliorato fino a raggiungere la media nazionale

Dai risultati emergono che il 51% degli ospedali considerati “critici” ha mostrato dei miglioramenti nella qualità dei servizi sanitari. Di questi, il 27% è migliorato al punto di raggiungere la media nazionale. Nel 37% dei casi, però, il rischio di decesso successivo al recupero di malattie ad alto impatto resta alto. C’è inoltre un divario geografico significativo: tra gli ospedali che mostrato hanno miglioramenti nel periodo preso in considerazione, il 39% si trova nelle regioni del Sud, mentre il 68% si trova nel Centro o nel Nord Italia. “Certamente occorrerà concentrare gli sforzi nelle grandi regioni del Sud, dove meno del 40% degli ospedali è riuscito a migliorare, ma credo che gli esperti del PNE ne siano già ben consapevoli”, dice Manzoli.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...