Salute 20 Marzo 2019

Il 20 marzo si celebra la Giornata della Felicità. La neurologa Costanza Papagno (SIN): «Ecco cosa accade nel nostro cervello quando siamo felici»

Due i livelli di felicità: un primo collegato ad una propria realizzazione personale, di tipo cognitivo ed un altro che, invece, deriva da un piacere improvviso, momentaneo, fisico o psicologico, “edonico”. «In America, contro le forme di depressione farmaco resistenti si utilizza la Stimolazione Magnetica Transcranica ripetitiva – spiega la neurologa – Applicata sulle zone anteriori del lobo frontale di sinistra del cervello, quelle che si attivano quando siamo felici, migliora il tono dell’umore»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

C’è chi sente il cuore in gola e chi ha lo sguardo illuminato da un luccichio improvviso. Qualcuno non riesce a smettere di sorridere, altri sentono le farfalle nello stomaco. Sintomi diversi di una stessa emozione: la felicità. Ma cosa accade al nostro cervello quando siamo felici?

«Alcune aree dell’emisfero sinistro (ma anche del destro) del nostro cervello si attivano, presentando un maggiore afflusso di sangue e un aumento del metabolismo. A livello ormonale aumenta la produzione di serotonina e ossitocina». A rispondere è Costanza Papagno, neurologa della Società Italiana di Neurologia (Sin), professore ordinario di psicobiologia e dirigente del Cerin, un centro di riabilitazione cognitiva.

LEGGI ANCHE: GIORNATA DEI SOGNI, IL NEUROLOGO FERINI STRAMBI SPIEGA L’IMPORTANZA DI SOGNARE: «E’ UNA NECESSITA’ IMPRESCINDIBILE PER IL NOSTRO CERVELLO»

In occasione della Giornata internazionale della Felicità, che si celebra in tutto il mondo il 20 marzo, la professoressa Papagno svela i risultati dei principali studi che hanno analizzato le reazioni del cervello umano di fronte a situazioni ed avvenimenti piacevoli. È stata l’Assemblea generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite ad istituire, nel 2012, questa Giornata mondiale ritenendo che “la ricerca della felicità sia uno scopo fondamentale dell’umanità”.

«Innanzitutto – dice la neurologa – per spiegare cosa accade nel nostro cervello quando siamo felici è necessario distinguere due livelli di felicità. Un primo collegato ad una propria realizzazione personale, di tipo cognitivo ed un altro che, invece, deriva da un piacere improvviso, momentaneo, fisico o psicologico, “edonico”. Gli studi relativi alle basi neurali hanno indagato più che altro quest’ultimo tipo di felicità».

Le ricerche sul tema sono numerose, ma tutte si scontrano con il medesimo limite: «Tutto ciò che viene riprodotto in laboratorio è artificiale – spiega Papagno -. Di conseguenza è molto difficile stabilire con precisione cosa possa accadere al nostro cervello in un momento di felicità durante la vita di tutti i giorni. I soggetti analizzati vengono esposti a situazioni programmate e non spontanee, come ricordi di momenti passati, immagini piacevoli, spezzoni di film comici».

Per superare, almeno in parte questi limiti, alcuni studiosi hanno compiuto un’analisi inversa, esaminando le attivazioni cerebrali di coloro che, a causa di danni cerebrali, non riescono a provare questa emozione positiva. «Si tratta di quei pazienti che, presentando una lesione della regione anteriore frontale, la regione prefrontale sinistra, sono soggetti a depressione con reazioni “catastrofiche”, cosiddette proprio perché si manifestano in modalità particolarmente clamorose. Questo – aggiunge la professoressa di psicobiologia – fa presupporre che qualcosa nell’emisfero sinistro sia connesso con le sensazioni di felicità».

Una scoperta non di poco conto se si considera che negli Stati Uniti proprio queste osservazioni hanno permesso di mettere a punto degli interventi terapeutici per le forme di depressione farmaco resistenti: «Si chiama Stimolazione Magnetica Transcranica ripetitiva (rTMS, una tecnica non invasiva di stimolazione elettromagnetica del tessuto cerebrale, ndr.) e se applicata sulle zone anteriori del lobo frontale di sinistra del cervello migliora il tono dell’umore. Questo trattamento è stato ufficialmente approvato in America: ripetuto per un paio di settimane per pochi minuti, con cadenza quotidiana, pare abbia un’efficacia piuttosto duratura nel tempo sulla depressione».

Molto più difficile analizzare cosa accade nel nostro cervello quando la felicità provata deriva da una realizzazione di sé e dei propri progetti ed è quindi un’emozione più stabile e duratura. «Alcuni studiosi – commenta Papagno – hanno provato ad indagare questo tipo di felicità analizzando le reazioni di alcuni attori a cui è stato chiesto di immedesimarsi in personaggi con una storia di vita particolarmente positiva. Ma anche qui ci si scontra con i medesimi limiti della riproduzione artificiale di laboratorio».

Barriere che comunque non impediscono agli scienziati di continuare a scrutare le parti inesplorate del cervello umano per svelarne i misteri. Ma perché è così importante studiare la felicità? «Conducendo degli esperimenti con registrazioni elettroncefalografiche e verificando gli esatti circuiti cerebrali che si attivano in un soggetto felice – spiega la neurologa – potremmo stimolare con altrettanta precisione queste zone ed ottenere risultati più certi e sicuri per la cura di alcune patologie, come la depressione». E in un futuro queste stimolazioni potrebbero addirittura sostituire i farmaci? «Può darsi – risponde l’esperta -. Anche se mi sembra una prospettiva piuttosto lontana». Ma quando si tratta di scienza tutto può succedere: «Quando furono fatte le prime scoperte di genetica nessuno avrebbe mai potuto immaginare un progresso così rapido. Ed invece – conclude la professoressa Papagno – è accaduto».

Articoli correlati
Giornata mondiale sclerosi, Sin e Aism diffondono i dati sulla relazione tra Covid 19 e SM
In occasione della Giornata della Sclerosi Multipla, il 30 maggio, sono stati diffusi i dati aggiornati dello studio MuSC 19 che indaga sulla relazione tra Covid -19 e sclerosi multipla, promosso dalla Società Italiana di Neurologia (SIN) e dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM) con la sua Fondazione FISM
I neurologi: «Migliore interazione ospedale-territorio, reti hub-spoke non solo per patologie acute e aumento numero specialisti e reparti»
L’emergenza Covid-19 ha giustamente spostato l’attenzione della filiera sanitaria verso le terapie intensive e i reparti infettivologici e pneumologici. Sono stati creati nuovi posti letto per queste discipline, nonché in diversi casi nuovi ospedali dedicati all’emergenza e trovo giusto che queste nuove strutture, anche se al momento sottoutilizzate, rimangano attive per una eventuale “rebound” dell’epidemia. […]
di Gioacchino Tedeschi, Presidente Sin
La “neuroinvasione” del Covid-19. Silani (neurologo): «Tra le complicanze perdita di gusto e olfatto, ictus e stati confusionali»
Il direttore dell’unità operativa di Neurologia e Stroke Unit dell’IRCCS Istituto Italiano Auxologico di Milano: «In pazienti affetti da SARS era già stato osservato un cointeressamento del sistema nervoso centrale e periferico, ma il Covid-19 sembra invaderlo con una maggiore affinità rispetto ad altri Coronavirus». Uno studio fotograferà la realtà italiana
di Isabella Faggiano
Giornata Internazionale Epilessia, colpite 50 milioni di persone nel mondo e 500mila in Italia
Il punto della Società Italiana di Neurologia. «I progressi scientifici recenti – ha dichiarato il Prof. Giancarlo Di Gennaro - hanno fatto registrare numerose scoperte nel campo della genetica e delle scienze di base, con significativi passi avanti nella comprensione dei meccanismi molecolari che generano le crisi epilettiche»
Merck premia la tecnologia e l’innovazione per migliorare il benessere psicofisico dei pazienti con sclerosi multipla
A Milano la quarta edizione del premio Merck in neurologi dedicato a questa grave patologia. Mancardi (SIN): «I pazienti possono continuare ad avere una vita sociale senza dover rimanere confinati in casa. Questo dipende dal grado di disabilità del paziente, ma la tecnologia è utile nelle fasi lievi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Ne...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco