Salute 13 Maggio 2024 13:33

Ieo: nasce il primo marchio di certificazione per cibi “smart”

L’Istituto Europeo di Oncologia è il primo IRCCS in Italia a rilasciare un marchio di certificazione Smartfood per prodotti alimentari e servizi

Ieo: nasce il primo marchio di certificazione per cibi “smart”

L’Istituto Europeo di Oncologia è il primo IRCCS (Istituto di Ricovero e Cura a carattere scientifico) in Italia a rilasciare un marchio di certificazione Smartfood per prodotti alimentari e servizi. L’uso del marchio di certificazione Smartfood sarà concesso unicamente a prodotti e servizi in ambito agroalimentare che rispondano a criteri qualitativi relativi alle loro caratteristiche nutrizionali e benefici per la salute del consumatore. Tali criteri sono parte di un regolamento specifico e trasparente (il Disciplinare Smartfood) basato su linee guida nazionali ed internazionali, letteratura scientifica e/o dati e informazioni da enti accreditati.

Il marchio di certificazione aiuterà a compiere scelte alimentari sane

“L’obiettivo principale è incoraggiare il consumo di alimenti o preparazioni alimentari che abbiamo effetti positivi per la salute scientificamente dimostrati”, spiega Lucilla Titta, coordinatrice del Programma Smartfood IEO. “Le campagne di informazione ed educazione alimentare si sono moltiplicate negli ultimi anni, ma mancano alla popolazione strumenti concreti e semplici per applicarle. Siamo convinti che il marchio di certificazione – continua – aiuterà le persone nella loro vita quotidiana – dal supermercato alle mense aziendali – a compiere scelte alimentari semplici che consentano loro di seguire una dieta salutare e migliorare il proprio stile di vita, favorendo quindi la prevenzione di malattie oncologiche e cardiovascolari”.

Il nuovo marchio punta anche a sostenere la ricerca scientifica

Il marchio sarà quindi uno strumento importante per sensibilizzare i consumatori sull’importanza della prevenzione nutrizionale. Ma non solo. “Il secondo obiettivo è di coinvolgere le persone nella raccolta di fondi a sostegno della ricerca sul cancro”, sottolinea Titta. “I proventi ricavati dalla collaborazione con le aziende del settore alimentare saranno investiti sia nella ricerca scientifica sulle interazioni tra alimentazione e tumori e nella divulgazione scientifica dei principi della prevenzione alimentare, che Smartfood porta avanti da ormai XX anni”,

Si apre la strada a scelte alimentari e percorsi di prevenzione personalizzati

“La scelta di IEO di rilasciare un marchio di certificazione per prodotti alimentari può apparire insolita”, commenta Pier Giuseppe Pelicci, direttore della Ricerca IEO. “Tuttavia, la nostra ricerca non si limita unicamente alla scoperta di nuovi farmaci. La nutrizione sta assumendo un ruolo sempre più centrale nella prevenzione e nel trattamento del cancro. Una dieta sana – continua – può ridurre il rischio di tumore o ridurre la sua gravità. Al contrario, un’alimentazione sbagliata può aumentare il rischio o la gravità della malattia. Ma c’è molto di più a venire. Stiamo imparando che il nostro DNA influenza l’effetto dei cibi sulla salute (nutrigenomica), aprendo la strada a scelte alimentari e percorsi di prevenzione personalizzati”.

L’obiettivo è il miglioramento degli stili di vita della popolazione

“Con il marchio Smartfood, l’Istituto Europeo di Oncologia non solo vuole fornire ai cittadini gli strumenti per fare scelte alimentari consapevoli nella vita di tutti i giorni – sottolinea Pelicci – ma anche investire nella ricerca di frontiera per accelerare la scoperta di nuove strategie di prevenzione e cura del cancro, basate sul ruolo fondamentale della nutrizione”. Il programma Smartfood porta la missione e i valori dello IEO nel mondo dell’alimentazione, tramite la collaborazione con aziende del settore agroalimentare, per contribuire al miglioramento degli stili di vita della popolazione in ambito alimentare e favorire la cultura della prevenzione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni

La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferich...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...