Salute 4 Aprile 2022 12:38

Ictus ischemico, una scarica indolore al cervello potrebbe accelerare il recupero della funzione motoria

Grassi (neuroscienziato): «La ricerca, per ora basata solo su modelli animali, apre la strada a nuovi interventi di riabilitazione da intraprendere subito dopo il danno, per minimizzare la disabilità post-ictus». Sono già in corso studi sperimentali su pazienti colpiti da ictus ischemico i cui risultati saranno noti nei prossimi due anni

Piccole scariche di corrente indolore sulla testa, da somministrare in tre sedute a distanza di 24 ore della durata di 20 minuti ciascuna, potrebbero accelerare il recupero delle funzionalità motorie di arti paralizzati a seguito di un ictus ischemico.

È questo lo straordinario risultato raggiunto dai ricercatori dall’Università Cattolica, campus di Roma insieme con l’IRCCS San Raffaele. La ricerca pubblicata sulla rivista Stroke, finora condotta esclusivamente su modelli animali, apre la strada a nuovi interventi di riabilitazione da intraprendere subito dopo il danno, per minimizzare la disabilità post-ictus.

La stimolazione transcranica

«La corrente – spiega Claudio Grassi, direttore del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università Cattolica, campus di Roma, a capo del team che ha condotto la ricerca – viene trasmessa attraverso una stimolazione non invasiva del cervello denominata “stimolazione transcranica a corrente diretta” sulla superficie del cranio. Si tratta di una scarica indolore ed assolutamente innocua in grado di raggiungere, attraverso la superficie della testa, le strutture cerebrali sottostanti e di modificarne l’eccitabilità. Lo studio – sottolinea il professore – è stato condotto su topi colpiti da ictus ischemico e che, quindi, presentavano un’ostruzione di un vaso sanguigno cerebrale».

Come e quando effettuare la stimolazione

Per ottenere risultati ottimali è necessario intervenire nella fase sub-acuta, cioè tre giorni dopo l’evento ischemico. «Il trattamento – spiega Grassi – consiste in sessioni singole di stimolazione della durata di 20 minuti per tre giorni consecutivi. In tal modo, così come evidenziato dallo studio, si ottengono evidenze tangibili di “riparazione” del danno ischemico nel cervello di topolini. È verosimile ipotizzare che anche attraverso uno studio condotto sugli esseri umani si otterranno i medesimi risultati».

Lo studio

Per verificare i reali effetti di questa scarica indolore gli scienziati hanno sottoposto a stimolazione “vera” solo un gruppo di animali, sottoponendone ad una “placebo” tutti gli altri: «Solo nel primo gruppo, ovvero quelli sottoposti a stimolazione “vera” nel tessuto vicino alla lesione – spiega Grassi – abbiamo osservato diverse modifiche sia a livello strutturale, sia molecolare, segno dell’effetto della stimolazione. Nei neuroni della corteccia motoria nella zona prossima alla lesione, inoltre, è stato osservato un aumento del numero delle spine dendritiche, strutture essenziali per la comunicazione tra neuroni. Questo potrebbe essere alla base dell’aumentata connettività neurale misurata nello studio, mediante registrazioni simili all’elettroencefalogrammaa».

L’ictus ischemico

L’ictus, rappresenta ancora oggi la prima causa di disabilità permanente in tutti i Paesi più avanzati in cui l’età media della popolazione si è allungata. In Italia, l’ictus è la terza causa di morte, dopo le malattie oncologiche e quelle cardio-vascolari, e la prima causa di invalidità. L’ictus ischemico, che rappresenta l’80% di tutti gli ictus, si verifica quando un’arteria che irrora l’encefalo viene improvvisamente ostruita e quindi (nel corso dei minuti/ore successivi), portando alla morte delle cellule nervose da essa nutrite.
Ogni anno si registrano nel nostro Paese circa 200 mila ricoveri dovuti all’ictus cerebrale, di cui il 20% sono recidive. Solo il 25% dei pazienti sopravvissuti ad un ictus guarisce completamente, il 75% sopravvive con una qualche forma di disabilità, e di questi la metà è portatore di un deficit così grave da perdere l’autosufficienza per il resto della loro vita.

Stimolazione transcranica e prospettive future

«I risultati di queste ricerche aprono la strada a nuove strategie terapeutiche molto promettenti – aggiunge il professor Grassi – che si basano sull’uso combinato di stimolazione transcranica, protocolli standard di riabilitazione ed altri trattamenti innovativi, attualmente oggetto di studio nei nostri laboratori, quali la somministrazione di fattori neurotrofici ottenuti dalle cellule staminali. Grazie a un’azione sinergica operata su target molecolari comuni, la combinazione di questi stimoli potrebbe potenziare notevolmente le capacità di recupero dei pazienti».
Sono già in corso studi sperimentali su pazienti colpiti da ictus ischemico con metodiche di stimolazione a corrente diretta e magnetica transcranica i cui risultati saranno noti nei prossimi due anni. Poiché le apparecchiature impiegate sono di semplice e sicuro utilizzo, non è escluso che, in futuro, i pazienti possano utilizzarli direttamente a casa propria.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Effetto Michelangelo: le opere d’arte e la realtà virtuale potenziano l’efficacia delle terapie di neuroriabilitazione
Le opere artistiche aiutano i pazienti con una lesione del sistema nervoso causata da un ictus ad eseguire esercizi di neuroriabilitazione in un ambiente virtuale. Lo studio della Fondazione Santa Lucia IRCCS in collaborazione con la Sapienza Università di Roma e Unitelma Sapienza
Neuroriabilitazione a distanza: al via il progetto sperimentale di Neuromed
I medici seguono i pazienti a casa attraverso un software, sfruttando le nuove tecnologie e l’intelligenza artificiale
Convalescenza post Covid-19, come fare per riprendersi pienamente?
Ideati ad Ancona i Protocolli di Educazione terapeutica dedicati alle persone in fase di recupero post-infezione, con il patrocinio della Simfer, la società scientifica dei fisiatri italiani
Ictus cerebrale, la storia del giornalista Rai Andrea Vianello. «Non riuscivo più a parlare»
«Il 2 febbraio dello scorso anno ho avuto un ictus, ho subito un’operazione d’urgenza, e quando mi sono risvegliato non riuscivo più a parlare. Proprio io, che sapevo solo parlare: non potevo dire nemmeno i nomi dei miei figli». Ha affidato a Twitter il racconto dell’evento drammatico che lo ha colpito il giornalista Rai Andrea […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali