Salute 8 Febbraio 2024 23:31

I virus che vivono nell’intestino aiutano a regolare lo stress

I virus solitamente vengono considerati “nemici” della nostra salute, ma alcuni di essi potrebbero svolgere un ruolo cruciale nella regolazione dello stress. A dimostrarlo è uno studio dell’APC Microbiome Ireland, un centro di ricerche dell’University College Cork, in uno studio pubblicato sulla rivista Nature Microbiology

I virus che vivono nell’intestino aiutano a regolare lo stress

I virus solitamente vengono considerati “nemici” della nostra salute, ma alcuni di essi potrebbero svolgere un ruolo cruciale nella regolazione dello stress. A dimostrarlo è uno studio dell’APC Microbiome Ireland, un centro di ricerche dell’University College Cork, in uno studio pubblicato sulla rivista Nature Microbiology. La scoperta va ad aggiungersi alle crescenti evidenze secondo le quali le interazioni tra l’intestino e il cervello influenzano i comportamenti delle persone e potrebbe eventualmente portare a nuovi trattamenti per condizioni legate allo stress, che prendono di mira la vasta comunità di virus che vivono dentro di noi.

Nei periodi di stress sociale cambia la composizione dei virus intestinali

Gli studi precedenti che hanno suggerito che la composizione dei microbi che vivono nell’intestino cambia in risposta allo stress, si sono concentrati in gran parte sui batteri, piuttosto che sul “viroma”. “Il modo in cui il viroma interagisce con i batteri e il modo in cui influenzano lo stato di salute e di malattia legato allo stress è in gran parte inesplorato”, afferma Nathaniel Ritz, del centro di ricerca APC Microbiome Ireland. “La nostra ricerca apre la possibilità di prendere di mira il viroma per trattare e ridurre gli effetti dello stress”, aggiunge. Ritz e i suoi colleghi si sono concentrati su un sottoinsieme di virus chiamati batteriofagi, che infettano i batteri e si replicano insieme a loro. In particolare, hanno studiato cosa accadeva a questi virus quando i topi in cui vivevano erano esposti a stress sociali cronici, come vivere in condizioni di isolamento o di sovraffollamento, e hanno scoperto che l’esposizione allo stress portava a cambiamenti nella composizione dei virus e dei batteri nell’intestino degli animali.

I trapianti di virus possono ridurre i livelli degli ormoni dello stress

Successivamente, i ricercatori hanno prelevato virus dagli escrementi di animali sani non stressati e ne hanno trapiantati nuovamente alcuni, una volta che i topi erano stati esposti a stress sociale cronico. La ricerca ha suggerito che questi trapianti riducevano i livelli di ormoni dello stress e frenavano comportamenti simili a depressione e ansia nei topi. Sebbene siano necessari ulteriori studi per valutare se i trapianti di virus siano benefici per gli esseri umani che soffrono di condizioni legate allo stress, la ricerca fornisce alcune delle prime prove che i virus intestinali sono coinvolti nella risposta allo stress e che manipolarli potrebbe avere benefici terapeutici. “Dato che la composizione del viroma varia notevolmente da individuo a individuo, in futuro potrebbe aprire la porta ad approcci di medicina personalizzata per i disturbi legati allo stress”, sottolinea John Cryan dell’APC Microbiome Ireland, che ha guidato la ricerca. “Una cosa è certa: dobbiamo riconoscere che non tutti i virus sono dannosi e che possono svolgere un ruolo chiave nel tenere a bada i batteri cattivi nel nostro intestino, soprattutto nei periodi di stress” conclude.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...