Salute 18 Gennaio 2024 11:25

Stressati da bambini? Ipertesi, obesi e diabetici da adulti

I ricercatori hanno analizzato la salute di 276 persone prima in adolescenza e poi in età adulta, misurando lo stress con una ‘Scala di Stress Percepito’. Nei pazienti adulti valutati anche: spessore dell’arteria carotidea, pressione sanguigna, peso, percentuale di grasso corporeo, distribuzione del grasso ed emoglobina glicata

di I.F.
Stressati da bambini? Ipertesi, obesi e diabetici da adulti

Un’infanzia serena è garanzia di buona salute da adulti: uno studio condotto presso l’Università della California meridionale a Dallas mostra, infatti, che lo stress infantile è legato ad un rischio maggiore di pressione alta, obesità e diabete da adulti. I giovani adulti che hanno riferito di essere stati più stressati da adolescenti avevano maggiori probabilità di soffrire di pressione alta, obesità e altri fattori di rischio cardiometabolico da adulti, secondo il nuovo studio pubblicato sul Journal of the American Heart Association. “I nostri risultati suggeriscono che lo stress percepito nel tempo ha un effetto di ampia portata sulla salute, tra cui la distribuzione del grasso, la salute vascolare e l’obesità – spiegano gli autori -. Questo potrebbe evidenziare l’importanza della gestione dello stress già in adolescenza come comportamento protettivo per la salute”.

Al setaccio le condizioni di salute di 276 persone

I ricercatori hanno analizzato le informazioni sulla salute di 276 persone. I partecipanti si erano iscritti allo studio da bambini insieme ai loro genitori, partecipando a valutazioni di follow-up come adolescenti – con un’età media di 13 anni – e come giovani adulti con un’età media di 24 anni. In ogni fase, lo stress è stato misurato con una Scala di Stress Percepito. I partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi: stress costantemente elevato nel tempo, stress decrescente nel tempo, stress crescente nel tempo e stress costantemente basso nel tempo. In età adulta, gli esperti hanno utilizzato misure dello spessore dell’arteria carotidea (arteria del collo), pressione sanguigna, peso, percentuale di grasso corporeo, distribuzione del grasso ed emoglobina glicata che misura il glucosio nel sangue sul lungo periodo.

Stressati da piccoli, maggiore rischio di ammalarsi da grandi

Un aumento dello spessore degli strati interni dell’arteria del collo suggerisce che il sangue potrebbe non fluire regolarmente, e più  grasso intorno all’addome è associato a un rischio più elevato di malattie cardiovascolari e/o diabete di tipo 2. L’analisi ha rilevato che lo stress percepito costantemente elevato dall’adolescenza all’età adulta si associa a un maggiore rischio di malattie cardiometaboliche in età adulta. Le persone con livelli di stress più elevati dall’adolescenza all’età adulta, erano più a rischio di avere una peggiore salute vascolare, maggiore grasso corporeo totale, iu’  grasso intorno alla pancia e un rischio maggiore di obesità rispetto a quanti si sentivano meno stressati nel tempo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.