Salute 26 Marzo 2021 15:33

I tocchi virtuali suscitano reazioni reali. Dalla realtà virtuale immersiva nuove possibilità di trattamento del dolore cronico

La ricercatrice: «Persone con disturbo dello spettro autistico, donne e uomini vittime di violenza sessuale e fisica, che rifiutano il contatto fisico, potrebbero trarre giovamento dall’utilizzo della realtà virtuale: sperimenterebbero solo le sensazioni piacevoli, senza il fastidio del tocco reale»

di Isabella Faggiano

Non vogliono essere abbracciati nemmeno dalla propria mamma o dal proprio papà: i bambini autistici possono percepire come invadente anche un normale contatto fisico. Allo stesso modo, le vittime di violenza fisica o sessuale si mettono sulla difensiva ogni volta che entrano in contatto tattile con l’altro. Fastidi che, oggi, potrebbero essere trattati attraverso l’utilizzo della realtà virtuale: un nuovo studio ha mostrato la capacità della realtà virtuale immersiva di suscitare reazioni reali a tocchi virtuali.

Lo studio

I ricercatori, coordinati da Salvatore Maria Aglioti (Sapienza Università di Roma, Istituto Italiano di Tecnologia, IRCCS Fondazione Santa Lucia) hanno utilizzato la realtà virtuale immersiva inducendo nei partecipanti la sensazione che il corpo virtuale che essi stavano osservando in prima persona fosse il proprio corpo. Una volta indotta questa sensazione, i partecipanti hanno osservato un avatar uomo o donna toccare il proprio corpo virtuale in diversi punti, comprese le parti più intime, come la zona genitale. Martina Fusaro, ricercatrice post dottorato, e Matteo Lisi, studente di dottorato, sono i principali autori dello studio, condotto all’interno del laboratorio di Neuroscienze Cognitive, Affettive e Sociali.

Gli effetti della realtà virtuale

«La realtà virtuale immersiva è uno strumento utilizzato di recente nelle neuroscienze per indagare principalmente le illusioni corporee – spiega Matteo Lisi -. In particolare, sappiamo che ponendo un corpo virtuale nella stessa posizione assunta da chi lo osserva è possibile suscitare l’illusione di incorporamento del corpo virtuale. La realtà virtuale immersiva, infatti, grazie alla sua capacità di coprire tutti gli stimoli della realtà, offre la piena illusione di presenza nell’ambiente virtuale. Abbiamo focalizzato la nostra ricerca sul tocco perché, pur essendo il primo senso sviluppato dall’essere umano e utilizzato fin dalla nascita per interagire con l’altro (soprattutto con la propria madre), è uno dei meno studiati».

I partecipanti

Alla ricerca hanno preso parte 84 persone, tra i 18 e i 35 anni, divisi equamente per genere ed orientamento sessuale. «Ad ognuna – continua Lisi – è stato chiesto di giudicare l’appropriatezza, la piacevolezza e l’erogeneità di ogni tocco che l’avatar personalizzato riceveva sulle varie parti del corpo (virtuale)». Oltre alle sensazioni soggettive è stata registrata la reattività fisiologica alla carezza virtuale, indice implicito e non controllabile delle reazioni corporee.

I risultati

«Questo studio ci ha permesso di verificare che la realtà virtuale può suscitare le stesse sensazioni provate con un tocco reale – continua Martina Fusaro -. Un tocco nelle zone più intime, come il seno o i genitali, è stato considerato generalmente inappropriato, seppur altamente erogeno. L’erogeneità è collegata all’orientamento sessuale del partecipante: gli eterosessuali hanno trovato più erogeno il tocco dell’avatar di sesso opposto, mentre i partecipanti gay e lesbiche quello dell’avatar dello stesso sesso».
I risultati della reattività fisiologica (nello specifico, la conduttanza cutanea), indicano che i tocchi sul corpo dei partecipanti induce sensazioni diverse: in particolare, il tocco proveniente dall’avatar donna induce un innalzamento della reattività quando erogato sulle zone intime. «La distinzione per orientamento sessuale e non per sesso biologico – commenta Lisi – è stato un importante valore aggiunto della nostra ricerca: la maggioranza degli studi condotti finora, infatti, ha mostrato le diverse reazioni al tocco suddividendo i partecipanti solo tra genere maschile e femminile, offrendo una visione stereotipata dell’interazione sociale».

Chi ne potrebbe beneficiare

I risultati dello studio rappresentano un importante punto di partenza per nuove sperimentazioni: «Persone con disturbo dello spettro autistico che rifiutano carezze, baci e abbracci, donne e uomini vittime di violenza sessuale e fisica potrebbero trarre un importante giovamento dall’utilizzo della realtà virtuale – spiega Martina Fusaro -. Questi individui potrebbero sperimentare le sensazioni che proverebbero con un tocco reale, senza essere realmente toccati. Una sorta di esperienza intermedia che, eliminando il fastidio che queste persone provano al contatto con l’altro, potrebbe restituire solo una sensazione piacevole».

Un progetto per la riduzione del dolore cronico

Al di là delle ipotesi applicative, i ricercatori hanno già programmato lo step successivo: «Nei prossimi mesi inaugureremo un progetto per la riduzione del dolore cronico, come ad esempio quello provocato dalla fibromialgia. Chi soffre di questa patologia – spiega la ricercatrice – percepisce il tocco come fastidioso a causa del dolore diffuso sul corpo. Immergere questi pazienti nella realtà virtuale eliminerebbe il contatto fisico, che potrebbe solo acuire il dolore già provato per la malattia, donando, invece, tutti i benefici che possono derivare da una carezza o da un abbraccio, capaci non solo di consolare – conclude Fusaro – ma anche di alleviare le sofferenze».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
Ottobre mese prevenzione dentale, visite gratuite e massima attenzione a giovani e anziani
Recenti ricerche universitarie mostrano, su un campione di 30mila italiani, che è in atto un peggioramento delle condizioni di salute del cavo orale
«L’Italia riparta da volontariato e Terzo Settore». L’appello di AIL per una sanità a misura d’uomo
Al Convegno a Roma presenti le principali realtà associazionistiche nel campo della salute. Focus sulla tossicità finanziaria
Tumori e adroterapia, il progetto (italiano) per la costruzione di un Gantry da 20 milioni
Il Professor Lucio Rossi dell’Università degli Studi di Milano, tra i principali esperti di fisica sperimentale delle particelle applicata all'ambito medico, spiega a Sanità Informazione in cosa consiste il progetto che permetterà cure più facili e meno costose su pazienti fragili come bambini e donne in gravidanza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?