Salute 8 Luglio 2021 11:34

I disturbi del comportamento alimentare sono aumentati del 30% tra i giovanissimi

Le cause secondo la psicologa: «Equilibri familiari saltati, esposizione costante al cibo, instabilità continua tra chiusure e riaperture. La DAD? Un trigger pericoloso per i soggetti a rischio»

I disturbi del comportamento alimentare sono aumentati del 30% tra i giovanissimi

La pandemia ha generato, tra i tanti altri danni “collaterali”, un aumento dell’incidenza fino al 30% e una precocità di insorgenza dei disturbi del comportamento alimentare quali anoressia nervosa e bulimia, soprattutto tra gli adolescenti e i pre-adolescenti (dai 9 ai 15 anni). Si tratta di disturbi che costituiscono due lati della stessa medaglia, con i medesimi fattori predisponenti, acuiti dalle attuali condizioni psicosociali. Abbiamo analizzato il fenomeno insieme alla psicologa Paola Medde, coordinatrice del Gruppo di Lavoro Psicologia e Alimentazione presso l’Ordine degli Psicologi del Lazio.

Continua esposizione al cibo e venir meno di strumenti “contenitivi”, un mix pericoloso per i soggetti a rischio

«Sicuramente la pandemia ha aumentato il livello di complessità del vivere quotidiano, togliendo ai giovanissimi gran parte delle loro “reti di supporto”, tra cui la socialità – spiega la psicologa -. In particolare per chi già covava un rapporto complesso con l’alimentazione, l’aggravante è stato il venir meno della possibilità di fare attività sportiva per lunghi periodi di tempo, perché l’attività sportiva è uno strumento che permette, a chi ha un rapporto complesso con il proprio peso e la propria immagine corporea, di contenere e controllare questo tipo di ansia».

«Per contro, durante la pandemia c’è stata una continua esposizione al cibo e questo, associato al venir meno dei meccanismi di controllo, ha in molti casi slatentizzato un disturbo alimentare già presente. Se consideriamo anche la carenza di molti servizi sanitari deputati alla presa in carico di questi disturbi – prosegue – è chiaro che questi si siano esacerbati».

«Contemporaneamente molte situazioni conflittuali nelle famiglie si sono amplificate, con crisi di coppia, depressioni dovute alla perdita del lavoro, interi equilibri saltati ad assistere ai quali ci sono stati, ovviamente, i figli. Questo, nei ragazzi più fragili o che hanno più difficoltà a gestire le loro emozioni e a comunicarle, ha avuto un impatto devastante».

Tra le cause, l’altalena emotiva delle chiusure e riaperture

«Al contrario di quanto si potrebbe credere – osserva Medde – le riaperture non hanno costituito fonte di giovamento per i ragazzi alle prese con questi disturbi. Perché, per fare un esempio, con le riaperture delle scuole molti di loro non hanno trovato gli stessi compagni, magari a causa di un turno diverso. E noi sappiamo bene quanto poter contare sui propri punti fermi, anche a livello di socialità, sia importante per gli adolescenti in difficoltà. Questo dover fare i conti con una realtà diversa rispetto alla propria “comfort zone” – precisa la psicologa – ha fatto, in questo senso, anche più danni dell’isolamento».

Un altro fattore che caratterizza in generale le persone affette da disturbi alimentari è una continua ansia da prestazione, perfezionismo, mancanza di accettazione delle “sfumature” e di conseguenza la percezione di fallimento che accompagna qualsiasi risultato si discosti da un ideale. «La DAD è stata un trigger micidiale per tutti questi aspetti – sostiene la psicologa -. La performance scolastica asettica, non mediata dal rapporto reale, unita alla fretta dei docenti di portare a termine i programmi ministeriali, ha contribuito ad aumentare un disagio espresso, appunto, con l’anoressia nervosa in cui il soggetto ha la sensazione di raggiungere un risultato considerato “vincente” attraverso il controllo estremo del proprio peso».

I segnali da non sottovalutare

La chiave per gestire in modo corretto un disturbo del comportamento alimentare è, indipendentemente dal contesto sociosanitario in cui siamo calati, saperlo intercettare precocemente, quando è ancora latente. Come? Attraverso una serie di segnali.

«Vero è – osserva Medde – che nella stragrande maggioranza dei casi, quando i segnali sono evidenti, come un drastico calo ponderale, il disturbo è già esploso. Proprio per questo, è fondamentale che i genitori prestino attenzione ad alcuni “segni prodromici” nei figli, che possono essere l’improvviso disinteresse nei confronti del piatto preferito, il fare riferimento al proprio corpo come qualcosa di non accettato, il continuo guardarsi allo specchio, usare abiti particolarmente larghi, cambiamenti nel tono dell’umore (tristezza o irascibilità)».

«Il disturbo del comportamento alimentare non nasce mai dal nulla – conclude la psicologa – ma affonda le sue radici in una bassa autostima dovuta spesso a contesti familiari che non incoraggiano la comunicazione empatica e al tempo stesso spingono fortemente al raggiungimento di obiettivi di eccellenza scolastica. Per questo instaurare un dialogo efficace con i propri ragazzi è fondamentale, sin dall’infanzia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gli anelli deboli della crisi? Rasi (Consulcesi): «Frammentarietà e implementazione delle decisioni del governo»
«La colpa dei 133 mila morti di Covid-19 in Italia è da ritrovare anche nell’assenza di standardizzazione del trasferimento delle conoscenze che man mano si acquisivano, che invece doveva essere rapido e immediato»
Al via il Forum Risk Management. Al centro la riforma del Ssn e la formazione dei professionisti sanitari
Giannotti: «Da Arezzo idee e proposte per la sanità del futuro». Brusaferro: «Imparare dalla pandemia»
Al via “Serendipity”, progetto multidisciplinare sulla salute mentale post Covid
Lo tsunami emotivo subito a livello mondiale fa temere una ‘coda lunga’ di disagi a causa dello stress cronico, l’incertezza, ricadute di disturbi preesistenti, ansia e fattori scatenanti di tipo ambientale. Il progetto vuole verificare quanto l’impatto della pandemia in Italia abbia avuto le stesse ricadute del resto del mondo
Perché l’Europa sta tornando ai giorni più bui della pandemia da Covid-19?
Il vecchio continente è l’epicentro della nuova ondata. Come si stanno attrezzando i Paesi europei per contrastare il nuovo aumento dei contagi? Se lo chiede il The Guardian
Pandemia da SARS-CoV-2, l’esperienza di ASST Rhodense
Il libro a cura dei medici Martino Trapani e Ginevra Squassabia è stato presentato mercoledì 10 novembre 2021 presso i Dazi dell’Arco della Pace di Milano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 dicembre, sono 265.871.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.256.038 i decessi. Ad oggi, oltre 8,17 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...