Salute 16 Agosto 2021 13:00

I benefici della camminata veloce: con 30 minuti al giorno si punta a vivere 20 anni in più

Ione Acosta, giovane trainer dei vip: «Anche per l’allenamento più strutturato è sufficiente mezz’ora affinché il corpo possa beneficiarne senza subirne lo stress»

di Isabella Faggiano
I benefici della camminata veloce: con 30 minuti al giorno si punta a vivere 20 anni in più

La fatica dimezza e i risultati raddoppiano. Parola di Ione Acosta, giovane trainer dei vip, che assicura: «Bastano trenta minuti di camminata veloce al giorno per migliorare la propria forma fisica e il benessere complessivo».

Lo studio

A supportare i metodi di allenamento che Acosta promuove già da diverso tempo ci sono i ricercatori dell’Università di Leicester (Regno Unito). «Lo studio britannico – continua il personal trainer – ha dimostrato che una camminata veloce, pur essendo meno impegnativa, può risultare efficace quanto una corsa. Questo tipo di allenamento, infatti è in grado di attivare le sirtuine, meglio conosciute come “proteine della longevità”, una classe di proteine naturalmente presenti nel nostro organismo che regolano importanti processi metabolici, stress e invecchiamento. Ma non è tutto: gli scienziati del Regno Unito hanno scoperto che chi cammina veloce può vivere fino a 20 anni di più».

I benefici della camminata veloce

«Mezz’ora di camminata veloce al giorno – aggiunge Acosta – è in grado di influenzare positivamente il nostro sistema cardiovascolare e l’efficienza del cuore, migliorando la nostra abilità di utilizzare l’ossigeno. Inoltre, la camminata è accessibile a tutti, sia per fascia di età, che per livello di preparazione atletica. È adatta anche a chi si sta riprendendo da un infortunio ed è ideale in questo periodo di pandemia perché per praticarla non serve andare in palestra».

Una moda tra i vip

L’efficacia di questo metodo di allenamento non è dimostrato solo scientificamente, ma anche attraverso i successi dello stesso Acosta. «Sono il personal trainer di moltissimi vip, ma i risultati raggiunti attraverso il mio programma dalla principessa Arabella von Liechtenstein sono sicuramente tra quelli che mi hanno dato maggiore soddisfazione. Anche nel suo caso – racconta l’esperto – 30 minuti di allenamento al giorno sono stati più efficaci di allenamenti di due ore una o più volte alla settimana».

Anche di allenamento basta mezz’ora

La “strategia” dei 30 minuti non si limita alla camminata veloce. «Anche per chi fa un allenamento più strutturato, tra esercizi e circuiti, è sufficiente mezz’ora, né di meno, né di più. Trenta minuti è quel tempo necessario affinché il corpo possa beneficiare dell’allenamento senza subirne lo stress. Il sistema cardiovascolare – spiega Acosta – non subisce alterazioni così come la produzione di insulina nelle donne e quella di testosterone negli uomini».

Trenta minuti per tutti, ma diversi per ognuno

Ovviamente i trenta minuti non possono essere uguali per tutti: «Così come la velocità della camminata dovrà essere tarata sull’età e la forma fisica, anche l’allenamento vero e proprio andrà costruito in base alle capacità individuali ed ai risultati che si intendono raggiungere», dice il personal trainer.

Sono proprio gli obiettivi a rappresentare una parte fondamentale del programma: «Mai puntare ad una scalata, meglio salire un gradino per volta. Quando si struttura un programma di allenamento porsi degli obiettivi vicini e raggiungibili è fonte di motivazione. Al contrario, se si punta in alto senza riuscire ad arrivarci ci si può scoraggiare il fretta», aggiunge. Ma come recita un vecchio detto “chi ben comincia è già a metà dell’opera”: «Quando termina la prima sessione di allenamento dico sempre che la parte più difficile di tutto il programma – conclude – è già stata superata».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Addio vecchio buono pasto. Un giovane su 3 preferisce «buono sport»
Una ricerca di Fitprime su 20mila dipendenti di piccole e medie imprese rovescia l’idea classica del benefit aziendale per eccellenza: anziché il buono pasto ora i giovani chiedono il buono sport
Crioconservazione del tessuto adiposo, una svolta per gli sportivi?
Intervista al dottor Stefano della Villa dell’Isokinetic Medical Group Bologna: «Metodologia dal grande potenziale»
Doping: più educazione agli atleti e formazione per i medici, l’appello di AME
Al via il corso Consulcesi Club su sostanze illegali nello sport amatoriale
La psicologa Galli: «Dopo 2 anni di restrizioni, lo sport ritorni a essere una priorità»
La psicologa clinica Galli invita a ripartire con lo sport o a cominciarne uno nuovo
di Redazione
In Italia è padel mania: campi aumentati del 155% in un anno
Oltre un milione e mezzo di italiani si sono appassionati a questo sport. Mancini (FIT): «Piace a molti per la sua semplicità: è più facile del tennis perché la racchetta è molto più vicina alla mano e i campi sono più piccoli»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...