Salute 16 Agosto 2021 13:00

I benefici della camminata veloce: con 30 minuti al giorno si punta a vivere 20 anni in più

Ione Acosta, giovane trainer dei vip: «Anche per l’allenamento più strutturato è sufficiente mezz’ora affinché il corpo possa beneficiarne senza subirne lo stress»

di Isabella Faggiano
I benefici della camminata veloce: con 30 minuti al giorno si punta a vivere 20 anni in più

La fatica dimezza e i risultati raddoppiano. Parola di Ione Acosta, giovane trainer dei vip, che assicura: «Bastano trenta minuti di camminata veloce al giorno per migliorare la propria forma fisica e il benessere complessivo».

Lo studio

A supportare i metodi di allenamento che Acosta promuove già da diverso tempo ci sono i ricercatori dell’Università di Leicester (Regno Unito). «Lo studio britannico – continua il personal trainer – ha dimostrato che una camminata veloce, pur essendo meno impegnativa, può risultare efficace quanto una corsa. Questo tipo di allenamento, infatti è in grado di attivare le sirtuine, meglio conosciute come “proteine della longevità”, una classe di proteine naturalmente presenti nel nostro organismo che regolano importanti processi metabolici, stress e invecchiamento. Ma non è tutto: gli scienziati del Regno Unito hanno scoperto che chi cammina veloce può vivere fino a 20 anni di più».

I benefici della camminata veloce

«Mezz’ora di camminata veloce al giorno – aggiunge Acosta – è in grado di influenzare positivamente il nostro sistema cardiovascolare e l’efficienza del cuore, migliorando la nostra abilità di utilizzare l’ossigeno. Inoltre, la camminata è accessibile a tutti, sia per fascia di età, che per livello di preparazione atletica. È adatta anche a chi si sta riprendendo da un infortunio ed è ideale in questo periodo di pandemia perché per praticarla non serve andare in palestra».

Una moda tra i vip

L’efficacia di questo metodo di allenamento non è dimostrato solo scientificamente, ma anche attraverso i successi dello stesso Acosta. «Sono il personal trainer di moltissimi vip, ma i risultati raggiunti attraverso il mio programma dalla principessa Arabella von Liechtenstein sono sicuramente tra quelli che mi hanno dato maggiore soddisfazione. Anche nel suo caso – racconta l’esperto – 30 minuti di allenamento al giorno sono stati più efficaci di allenamenti di due ore una o più volte alla settimana».

Anche di allenamento basta mezz’ora

La “strategia” dei 30 minuti non si limita alla camminata veloce. «Anche per chi fa un allenamento più strutturato, tra esercizi e circuiti, è sufficiente mezz’ora, né di meno, né di più. Trenta minuti è quel tempo necessario affinché il corpo possa beneficiare dell’allenamento senza subirne lo stress. Il sistema cardiovascolare – spiega Acosta – non subisce alterazioni così come la produzione di insulina nelle donne e quella di testosterone negli uomini».

Trenta minuti per tutti, ma diversi per ognuno

Ovviamente i trenta minuti non possono essere uguali per tutti: «Così come la velocità della camminata dovrà essere tarata sull’età e la forma fisica, anche l’allenamento vero e proprio andrà costruito in base alle capacità individuali ed ai risultati che si intendono raggiungere», dice il personal trainer.

Sono proprio gli obiettivi a rappresentare una parte fondamentale del programma: «Mai puntare ad una scalata, meglio salire un gradino per volta. Quando si struttura un programma di allenamento porsi degli obiettivi vicini e raggiungibili è fonte di motivazione. Al contrario, se si punta in alto senza riuscire ad arrivarci ci si può scoraggiare il fretta», aggiunge. Ma come recita un vecchio detto “chi ben comincia è già a metà dell’opera”: «Quando termina la prima sessione di allenamento dico sempre che la parte più difficile di tutto il programma – conclude – è già stata superata».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cardiologia e sport legati (sempre più) a filo doppio. Ecco perché
Corrado (Università di Padova): «I medici dello sport siano formati anche per valutare una risonanza magnetica»
di Federica Bosco
Giornata distrofia di Duchenne, la storia di Jacopo: «Non saranno le due ruote di una carrozzina a fermarmi»
“Diventare adulti convivendo con questa patologia genetica rara” è il tema al centro dell’edizione 2021. Genovese (Parent Project aps): «Negli ultimi decenni, l’aspettativa di vita è aumentata in modo considerevole. Crescere significa avere nuove opportunità, ma anche dover affrontare sfide e difficoltà»
di Isabella Faggiano
Simone Biles, il bronzo dopo lo stop. La psicologa: «Gli atleti non sono macchine ma ogni difficoltà può diventare un’opportunità»
«Riconoscere le proprie difficoltà e darsi il giusto tempo per lavorarci sopra, imparando a gestirle, è la vera forza. La storia dello sport è piena di questi esempi, bisogna imparare a coglierne il valore costruttivo» spiega la dottoressa Luana Morgilli
La storia della ginnasta Alexandra Agiurgiuculese, che dopo il Covid sogna una medaglia a Tokyo
È l'individualista più vincente della storia della ginnastica ritmica italiana e ha un salto che porta il suo nome. Alexandra Agiurgiuculese, 20 anni, dopo essere rimasta lontana dalla pedana per due mesi a causa del Covid è tornata grande per non mancare l’appuntamento olimpico
di Federica Bosco
Milano-Bicocca, un programma dual career per gli studenti atleti impegnati in competizioni di alto livello
Il programma prevede flessibilità nella didattica e negli esami, un mental coach e un team di professionisti di medicina dello sport. Tra i 25 studenti selezionati anche Eleonora Marchiando che alle prossime olimpiadi difenderà i colori azzurri nei quattrocento ostacoli e nella staffetta femminile e mista
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...