Salute 6 Febbraio 2017

Vissani, svolta “salutista” e le sue ricette diventano ECM

Insegnare a combinare sapore e benessere a tavola. Questo l’obiettivo del corso ECM dedicato ai medici che «devono imparare a proporre ai propri pazienti un modo alternativo per combinare gli ingredienti» spiega la responsabile scientifica, la dottoressa Serena Missori che affianca il maestro Vissani. La nutrizionista lancia l’allarme: celiaci in aumento in Italia, +15% in soli due anni mentre 8 adulti su 10 risultano intolleranti al lattosio

«Neanche i medici sanno cosa finisce nei piatti dei loro pazienti». Esordisce così lo chef Gianfranco Vissani, protagonista dello show cooking con i piatti dell’alta cucina a prova di allergie e intolleranze, nel video-format “Il Gusto è Saluterealizzato dal provider ECM (Educazione Continua in Medicina) 2506 Sanità in-Formazione e abbinato al corso FAD dal titolo “Celiachia, gluten sensitivity ed intolleranza al lattosio”.

Il video-format esclusivo è già on line sul sito www.corsi-ecm-fad.it: «Ho scelto di partecipare a questo progetto perché è importante diffondere la consapevolezza di quanto il cibo sia cambiato nel corso degli anni», spiega il maestro dell’alta cucina, sottolineando come prodotti semplici quali farina, zucchero e latte nascondano potenziali insidie, e quanto il numero di persone affette da allergie e intolleranze alimentari sia in costante crescita nel nostro Paese.

In particolare, in Italia è allarme celiachia e intolleranza al lattosio. I celiaci sono aumentati di oltre il 15% in soli due anni, secondo l’ultima relazione sulla celiachia consegnata dal Ministero della Salute al Parlamento e pubblicata sul sito web del dicastero; inoltre, in tutto il Paese sono in costante, preoccupante crescita i casi di gluten sensitivity. Otto adulti su dieci sono intolleranti al lattosio: lo ha dimostrato una ricerca condotta dalla dottoressa Serena Missori, specialista in endocrinologia, diabetologia e nutrizione, su persone dai 20 ai 55 anni sottoposte al test del Dna utilizzando il tampone buccale.

Ed è proprio la dottoressa Serena Missori, responsabile scientifica del corso “Celiachia, gluten sensitivity ed intolleranza al lattosio – Gusto è salute”, a mettersi alla prova con padelle e fornelli per proporre ricette gourmet all’insegna del piacere del palato e del benessere; il tutto con il prezioso aiuto dello chef Vissani, incaricato di trasformare in gustosa realtà le indicazioni alimentari dell’esperta con piatti all’apparenza di difficile preparazione, ma ricchi di spunti salutari.

«Anche il medico stesso deve imparare a proporre ai propri pazienti un modo alternativo di fare la spesa, di cucinare, di combinare gli ingredienti, affinché sia conservato il gusto nel mangiare ma sia anche conservata la salute», sottolinea la Missori. Troppo spesso, infatti, i camici bianchi «si limitano a dire ‘non mangiare questo’ o ‘non mangiare quello’, ‘questi sono gli alimenti consentiti’. Poi il paziente torna a casa e non sa come mettere insieme gli alimenti consentiti e magari si ritrova a mangiare sempre le stesse cose, si annoia, per poi tornare alle vecchie e cattive abitudini», spiega la nutrizionista.

Sogliola al cocco e fettuccine di lepre, con l’olio di cocco che attiva il metabolismo e tiene basso l’indice glicemico. Il tutto abbinato ai gamberi bianchi marinati, ideali per una linea perfetta, grazie all’utilizzo del pepe che stimola l’organismo a bruciare un maggior numero di calorie. Il millefoglie di riso soffiato con porcini e mousse di arancia senapata all’olio di oliva, grazie a un pizzico di cannella, allevia il senso di fame e riduce la glicemia.

E, per finire, barretta di fondente puro al rosmarino con stratificazione di olio e gabbia di lamponi: un piatto ideale prima dello sport perché dà energia senza appesantire, con l’apporto di antiossidanti che assicurano protezione cardio-vascolare, utile a ridurre l’insulino-resistenza grazie ai frutti di bosco.

Il corso è composto, inoltre, da 3 video-lezioni incentrate su celiachia, gluten sensitivity e intolleranza al lattosio, illustrandone diagnosi, sintomi e manifestazioni cliniche: è previsto anche un questionario finale che accerta la comprensione dei contenuti e assegna 3 crediti formativi ECM.

“Celiachia, gluten sensitivity ed intolleranza al lattosio – Gusto è salute” si aggiunge all’ampio catalogo di oltre 120 corsi FAD offerti dal provider ECM 2506 Sanità in-Formazione inaugurando un nuovo format “seriale” che si va ad aggiungere alla esclusiva dei Film Formazione, un palinsesto di corti e lungometraggi che hanno già riscosso un enorme successo tra i camici bianchi con pellicole selezionate in prestigiosi festival cinematografici.

Articoli correlati
Quali sono le professioni destinatarie degli eventi inerenti le Pratiche e Medicine non convenzionali?
La Commissione nazionale per la formazione continua, nel corso della riunione del 26 ottobre u.s., ha approvato una delibera inerente le “Pratiche e Medicine non convenzionali”. Gli eventi formativi che riguardano pratiche e medicine non convenzionali, di cui alla vigente normativa, possono essere accreditati solo se prevedono nel programma contenuti tecnico-scientifici basati su prove di […]
Inquinamento domestico 5 volte maggiore di quello esterno: 10 indicazioni utili per una quarantena più sana
Areare gli ambienti 2-3 volte al giorno, non fumare al chiuso ed evitare accumuli di polvere i consigli degli esperti. Online Il corso FAD “Habitat. Medicina ambientale e patologie correlate”, promosso da Consulcesi Club
Emergenza Coronavirus, picco della Formazione a Distanza: + 40%. Burnout il corso più seguito
La metodologia interattiva più utilizzata quella del “Paziente Virtuale”: le simulazioni e la realtà immersiva superano Film Formazione ed Ebook. Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «Il messaggio degli operatori sanitari è chiaro: anche in emergenza la formazione resta un valore. Continueremo ad investire nella tecnologia, la Fad non è più un’alternativa, ma l’unica soluzione»
Covid-19, arriva docufilm e libro: il titolo lo decideranno medici e operatori sanitari
Consulcesi lancia un sondaggio su 300 mila operatori sanitari. Le proposte sono quattro: “Psicovid-19”; “Covid-19 - Psicosi virale”; “Covid-19 - Il virus della paura” e infine “Infodemia la paura del contagio”
Torna Ebola in Congo, ecco i sintomi e come riconoscerla: i consigli del “paziente zero”
«Niente allarmismo, ma è importante che i medici italiani riconoscano la sintomatologia». Parla Fabrizio Pulvirenti, “paziente zero” e consulente del primo corso ECM FAD sul virus Ebola. On line anche “e-bola”, prima pellicola della collana dei Film Formazione, un nuovo modello di edutainment per aggiornarsi in maniera ancora più coinvolgente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 de...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...