Salute 27 Dicembre 2018

Guida sicura, i consigli di Francesco Loperfido (San Raffaele): «Correggere difetti anche se legge non ci obbliga. E attenti alla ‘distraibilità visiva’…»

«Molto spesso – spiega il responsabile del servizio Oftalmologia generale del San Raffaele di Milano – se siamo distratti da ciò che sentiamo non abbiamo la stessa partecipazione a quello che vediamo. O prevale un senso o l’altro». Che aggiunge: «Anche se si ha l’idoneità a guidare con quattro decimi, si dovrebbe comunque guidare nelle condizioni migliori, e quindi con dieci decimi»

Mettersi alla guida nelle condizioni migliori significa anche correggere nel modo più efficace possibile tutti i difetti della vista. A prescindere dalla idoneità concessa al momento del rilascio o del rinnovo della patente. A sostenerlo è Francesco Loperfido, responsabile del servizio Oftalmologia generale del San Raffaele di Milano e dell’ambulatorio per il rinnovo della patente. Intervenuto al recente simposio dedicato alla guida in sicurezza, organizzato dal Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi (GOAL), Loperfido ha infatti messo in relazione vista e capacità attentive.

«Essere sottocorretti anche di mezzo grado – precisa a Sanità Informazione – comporta un abbassamento dell’attenzione. E anche se si ha l’idoneità a guidare con quattro decimi, si dovrebbe comunque guidare nelle condizioni migliori, e quindi con dieci decimi. È fondamentale allora avere una adeguata correzione, e per questo vorrei che la legge cambiasse».

«Posso capire – prosegue Loperfido – il soggetto che può recuperare una acuità visiva migliore e guida quindi con i decimi che ha, ma chi può migliorare dovrebbe farlo, a prescindere dal punto di vista legale. Si tratta anche di rispetto per se stessi e per i pedoni della strada».

LEGGI ANCHE: ESAME DELLA VISTA PER PATENTE, MAZZACANE (GOAL): «NECESSARIO AFFIDARE COMPITO AD OCULISTI PER SICUREZZA DI TUTTI»

Da evidenziare, poi, un altro passaggio dell’intervento del dottor Loperfido dedicato alla distraibilità visiva, quella condizione di «distrazione psicologica oltre che visiva per un difetto della vista. «Molto spesso – spiega – se siamo distratti da ciò che sentiamo non abbiamo la stessa partecipazione a quello che vediamo. O prevale un senso o l’altro. E non sapendolo, troppo spesso affrontiamo la strada con i nostri difetti visivi, magari con luminanze diverse e a velocità molto alte in maniera molto disattenta».

Ed è sempre legato alla distraibilità il consiglio che Loperfido dà a tutti coloro che si mettono alla guida: «Non usate il cellulare. E non solo perché le regole sono molto rigide e prevedono anche il ritiro della patente, anche per chi guida per lavoro. E poi – aggiunge – siate attenti a voi stessi. Se la sera vi accorgete di vedere meno, se vi accorgete che in un sorpasso vi manca la visione binoculare o che molte volte le capacità attentive vengono meno, non c’è bisogno che la legge vi imponga una visita oculistica. La fate, perché serve a voi stessi e serve agli altri».

Articoli correlati
Oftalmologia, arriva dalla Sicilia la terapia innovativa per l’edema maculare diabetico
La cura che migliora la qualità della vita e riduce i costi a carico del SSN, Chines (SIFI):  «Per i pazienti una sola infiltrazione intravitreale ogni tre anni e non più una ogni tre mesi»
di Isabella Faggiano
Sifi annuncia l’espansione sul mercato francese con l’acquisizione di Dacudoses e Novoptine
SIFI, la principale società farmaceutica oftalmica italiana, è lieta di annunciare l’acquisizione da Laboratoire Gifrer Barbezat di Dacudoses e Novoptine, marchi leader tra gli antisettici oftalmici in Francia, con un fatturato totale di circa 6 milioni di euro. Dacudoses è il marchio leader negli antisettici da prescrizione rimborsati in Francia, prescrivibile da oftalmologi e medici […]
Ambliopia, ne soffre un bambino su trenta. L’impegno dei Lions club con “Sight for kids”: screening e opuscoli per battere “l’occhio pigro”
Fotofobia e strofinamento degli occhi sintomi da non sottovalutare. L’oculista Amerio: «Non esistono segnali evidenti pertanto il rischio che questa condizione non venga riconosciuta per tempo e diventi irreversibile è molto alto». Al foglio informativo hanno lavorato anche gli artisti Luca Blengino e Toni Cittadini
di Federica Bosco
Alice nel Paese delle Meraviglie soffriva di emicrania, o di epilessia
La “Sindrome di Alice” è un disturbo neurologico che colpisce la percezione visiva: il proprio corpo si ingrandisce o si rimpicciolisce, le distanze vengono percepite in modo errato, il senso del tempo o della velocità può essere distorto. Sintomi che sono stati rintracciati in pazienti che soffrono di cefalee o di epilessia. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Raffaella Morreale Bubella, consigliere del Gruppo oculisti ambulatoriali liberi (Goal)
Sclerosi multipla, Giancarlo Comi (neurologo): «Disponibile il primo trattamento orale per la forma recidivante»
Ad annunciarlo è stata ieri la società farmaceutica Merck a Milano durante una conferenza che ha visto la partecipazione dei più autorevoli esponenti del mondo scientifico italiano
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...