Salute 25 Agosto 2015

Agosto… guardia medica turistica non ti conosco

Appena il 10% delle località turistiche italiane coperte dal servizio: disagi per i turisti e turni massacranti per i medici in servizio. Scotti (Fimmg): «Cartina al tornasole delle lacune del Ssn»

Immagine articolo

Sole, mare, relax. Ma attenzione, badate bene a non avere bisogno di cure mediche. Chi, suo malgrado, si è trovato, durante le vacanze, a dover ricorrere alla guardia medica ha avuto modo di constatare in prima persone che si tratta di un servizio ormai in via d’estinzione.


Non è proprio una scoperta sensazionale: è infatti arcinoto che solo il 10% delle località italiane meta di vacanze mettano a disposizione, attraverso le Asl, questo particolare servizio.

Perché? La crisi economica resta la principale causa, ma si ravvisano ad ogni modo anche criticità organizzative e gli immancabili bracci di ferro tra Regioni e Comuni: spesso i sindaci trovano muri invalicabili di fronte alle loro rivendicazioni, nonostante la legge preveda espressamente che deve essere garantita la presenza di un medico sempre in servizio ogni 5mila abitanti. Ma nelle località turistiche ai residenti si sommano i villeggianti.

Che siano centinaia o migliaia, quando viene meno l’indispensabile filtro della guardia medica, finiscono – ovviamente in proporzioni differenti – per alterare gli equilibri e soprattutto ad intasare il pronto soccorso, spesso già al limite con personale ridotto all’osso costretto a sopportare quei turni massacranti, che nonostante il veto della direttiva europea 2003/88, sono diventati una routine oltre che un’arma a doppio taglio: da una parte si costringe il personale a lavorare sotto pressione, allo stremo delle forze senza poter escludere errori umani provocati dalla stanchezza; dall’altra si espone lo Stato inadempiente ad una nuova ondata di ricorsi e di conseguenza all’ennesimo salasso per le già martoriate casse pubbliche.

Per la Federazione dei Medici di medicina generale (Fimmg) il caso delle guardie mediche turistiche rappresenta «Un vero e proprio paradosso in un Paese a vocazione turistica, dove però praticamente non si investe nell’assistenza sanitaria per gli ospiti». A  denunciarlo all’Adnkronos Salute, è Silvestro Scotti, vicesegretario della Federazione che racchiude i medici di famiglia, parlando di «un tallone d’Achille del sistema di cure primarie».

Turisti e villeggianti, spesso anziché ricorrere al pronto soccorso (magari anche dopo aver atteso per ore, invano, in sala d’attesa) ricorrono a cure “fai da te” o in alternativa ad un consulto privato. Capita anche, però, che laddove sia garantito, il servizio sia inadeguato: poco personale, sedi disagiate e per di più male attrezzate.

«In realtà – spiega ancora Scotti – la guardia turistica così come siamo abituati ad immaginarla, con un singolo medico incaricato dell’ambulatorio, non dovrebbe esistere più dal 2005. Le Asl dovrebbero organizzare l’assistenza turistica con i medici delle cure primarie già disponibili nell’area per le 24 ore, potenziando dove serve. Ma si tratta di regole inapplicate». Per il vice-segretario della Fimmg, comunque, «sarebbero necessarie indicazione più precise anche nel contratto. Ciò renderebbe più facile l’organizzazione del servizio. Il buco dell’assistenza turistica, comunque, è la cartina di tornasole di una mancanza di attenzione più generalizzata alle cure primarie che dovrebbero rappresentare – non solo a parole – la spina dorsale del sistema».

Articoli correlati
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
ACN Medicina generale, Scotti (FIMMG): «Sistema non riconosce sforzi a medici con ‘busta paga’ ferma da 10 anni»
Le Regioni non hanno accettato l’idea di una pre-intesa. Il segretario della Federazione dei Medici di medicina generale deluso: «Chiedevamo che il 2017 si chiudesse con un aumento dell’1,79%, in linea con l’indennità di vacatio contrattuale della dipendenza, perché non va bene?»
FIMMG incontra il ministro Grillo, Scotti: «Affrontato il tema della carenza dei medici e della formazione post-laurea»
«Le questioni non sono ancora tutte risolte ma il Ministro - spiega Silvestro Scotti, segretario nazionale di FIMMG - ha mostrato grande sensibilità»
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...