Salute 19 Dicembre 2023 13:41

Gli ipocondriaci muoiono 5 anni prima. Lo psichiatria Romeo: “Stress cronico ha impatto sulla salute fisica”

Sono perennemente preoccupati di sviluppare una malattia mortale che, alla fine, muoiono davvero prima degli altri. Secondo un nuovo studio condotto dal Karolinska Institutet, pubblicato su JAMA Psychiatry, chi vive la propria vita con l’ansia quotidiana di ammalarsi e che interpreta quasi ogni normale sensazione corporea come il segnale di una malattia, vive 5 anni in meno rispetto agli altri

Gli ipocondriaci muoiono 5 anni prima. Lo psichiatria Romeo: “Stress cronico ha impatto sulla salute fisica”

Sono perennemente preoccupati di sviluppare una malattia mortale che, alla fine, muoiono davvero prima degli altri. Per gli ipocondriaci è quasi come una profezia che si auto-avvera. Almeno secondo un nuovo studio condotto dal Karolinska Institutet, pubblicato su JAMA Psychiatry. I risultati mostrano infatti che chi vive la propria vita con l’ansia quotidiana di ammalarsi e che interpreta quasi ogni normale sensazione corporea come il segnale di una malattia, appunto gli ipocondriaci, vive 5 anni in meno rispetto agli altri. Lo studio ha coinvolto 42mila persone, mille dei quali con ipocondria, e tutte monitorate per 20 anni.

Lo stato perpetuo di preoccupazione causa stress cronico

I risultati dello studio hanno mostrato che le persone ipocondriache hanno vissuto in media fino a 70 anni, mentre gli altri hanno vissuto fino a 75 anni, ben 5 anni in più. I pazienti con ipocondria avevano anche una probabilità quasi quattro volte maggiore di morire per suicidio e avevano un rischio più elevato di morte per malattie respiratorie come influenza e Covid, così come di problemi circolatori o neurologici. Secondo i ricercatori l’associazione tra ipocondria e mortalità precoce non può essere spiegata con la “paura della scoperta”, cioè con la tendenza delle persone preoccupate di ammalarsi di evitare di andare dal medico, rischiando così diagnosi ritardate. Invece, hanno affermato che il perpetuo stato di preoccupazione – che può essere innescato da sensazioni normali come sudorazione o gonfiore – porta ad uno stato di stress cronico, una causa nota di problemi di salute fisica.

Lo stress cronico aumenta i livelli di cortisolo

Secondo i ricercatori, lo stress e l’ansia possono innescare il rilascio di sostanze chimiche che provocano un aumento dei livelli di infiammazione in tutto il corpo. In effetti, sono stati condotti in passato diversi studi che hanno collegato l’infiammazione a lungo termine a una serie di problemi, tra cui un sistema immunitario indebolito, che di conseguenza rende il corpo meno capace di combattere infezioni e malattie. “L’ipocondria potrebbe innescare la produzione in eccesso di cortisolo, l’ormone dello stress, che a sua volta può causare danni che possono effettivamente aumentare il rischio di mortalità”, conferma Pasquale Romeo, docente di Psicologia dell’Università Dante Alighieri di Reggio Calabria.

Romeo: “Ciò che succede nella nostra mente può avere un impatto forte sul corpo”

“Lo stress, anche quello auto-indotto, può alterare il sistema neurochimico e indurre la produzione di sostanze endogene come il cortisolo. Livelli cronicamente elevati di cortisolo, ad esempio, possono alzare il colesterolo e alterare i vasi, condizione compatibile con un problema vascolare che può rivelarsi anche fatale”, aggiunge. La pandemia, quindi, potrebbe aver aumentato il problema. “Il Covid ha slatentizzato e fatto da amplificatore a quello che avevamo dentro noi stessi”, conferma Romeo. “Bisogna dunque lavorare su sé stessi perchè ciò che succede nella nostra mente può avere un impatto importante anche sul corpo”, conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

Articoli correlati
Convivere con l’ansia da malattia nel tempo del Covid
di d.ssa Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di d.ssa Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.