Salute 16 Maggio 2016

Gli IFO si tingono di rosa per il benessere della donna. Papilloma virus: formazione fa rima con prevenzione

Parlano oncologi e ginecologi: «Una parte significativa del personale medico deve essere ancora pienamente formato su vaccini e fattori di rischio»

Una Giornata interamente dedicata alla Salute della Donna, quella organizzata nei giorni scorsi dagli IFO di Roma. Una giornata per parlare, ma soprattutto per ascoltare. Domande, dubbi, timori, sono tutti i nodi che questa iniziativa ha l’obiettivo di sciogliere relativamente alle patologie femminili, sui cui ancora tanto c’è da lavorare per arrivare a standard soddisfacenti di consapevolezza e prevenzione.

Le più forti necessità di informazione riguardano l’ambito l’oncologico, come nel caso del tumore al seno, una malattia che colpisce la donna anche nella sua femminilità, e che lascia segni sulla psiche almeno quanti ne lascia sul corpo.

«Mi sto occupando dei tumori femminili e degli aspetti genetici del tumore della mammella – esordisce la dottoressa Antonella Savarese, del reparto Oncologia Medica 1 presso il Regina Elena di Roma -. L’argomento sta prendendo piede anche per la possibilità di avere un test che riconosce il fattore di rischio  e permette di intervenire precocemente per evitare lo sviluppo di questi tumori. E’ un’iniziativa importante perché le donne chiedono informazioni e non sempre nei siti degli istituti trovano quello che vogliono sapere. Parlare direttamente con uno specialista è veramente un modo per scambiare anche piccole paure e dubbi che altrimenti non troverebbero la giusta attenzione».

Informare si conferma essere la maniera migliore per arrivare anche alla prevenzione, e anche la formazione.
«La formazione non basta mai – conclude Savarese – bisogna essere anche rassicuranti con le persone. La formazione è continua e noi la stiamo implementando».

Implementare l’informazione è la parola d’ordine anche per l’HPV, comunemente conosciuta come papilloma virus, causa della maggior parte dei tumori della cervice. Contratto indifferentemente da uomini e donne, sono però queste ultime a pagarne il prezzo più caro in termini di salute.
«La prevenzione è possibile – afferma il dottor Luciano Mariani, responsabile dell’Unità HPV dell’IFO -. Abbiamo degli strumenti di straordinaria efficacia e sicurezza come il vaccino contro il papilloma virus e l’utilizzo anche dei test per l’identificazione dei ceppi ad alto rischio. Dobbiamo quindi estendere il concetto della prevenzione dal singolo alla comunità».

Il concetto di informazione davvero aiuta a fare questo percorso di prevenzione. Così come la formazione del personale sanitario…
«Una parte significativa del personale medico deve essere ancora pienamente formato su come si comunicano le possibilità preventive e su quali sono i risultati che abbiamo già ottenuto con le campagne di vaccinazione. Al momento c’è una quantità di disinformazione che riguarda soprattutto la vaccinazione, con notizie del tutto infondate, che il personale medico deve essere pronto a rintuzzare ogni volta».

E soprattutto sulle vaccinazioni la formazione obbligatoria del personale sanitario assume una rilevanza particolare…
«La formazione del personale medico diventa sempre più importante. L’HPV non è legato solo agli organi genitali femminili e maschili, ma anche, ad esempio, all’orofaringe, e di conseguenza il loro trattamento spetta a igienisti, poi ginecologi, poi ai dermatologi. E’ tutto il mondo della medicina che entra in gioco nella prevenzione di questo virus».

Articoli correlati
“Salute, donne e screening”, il workshop al Politecnico di Milano
Una visione della salute e della sanità basata sulla prevenzione è oggi requisito fondamentale per qualsiasi attività seria e lungimirante di politica sanitaria. Sulla prevenzione e sugli screening si trovano oggi a rapportarsi in modo nuovo i cittadini e i medici, le strutture di cura e le istituzioni, i media e le associazioni di pazienti, […]
Salute donne, D’Amato (Regione Lazio): «Raddoppiata prevenzione per tumore alla mammella»
«La Regione Lazio è stata tra le prime ad adottare le linee guida sulle Breast Unit prodotte dal Ministero della Salute» dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato – . «Nel 2018 il 75% dell’attività chirurgica riguardante il tumore alla mammella è stato effettuato in uno dei […]
Brasile, i morti per febbre dengue salgono del 163% in sei mesi
Il ministero della Salute brasiliano ha reso noto che, negli ultimi sei mesi, le morti per febbre dengue, malattia virale trasmessa dalle zanzare, sono aumentate del 163% rispetto al 2018. Il dicastero spiega che le motivazioni sono da ricercare nelle piogge più abbondanti e nelle temperature più alte, specificando che 366 persone sono morte dal […]
Tumori, al Regina Elena San Gallicano di Roma l’evento “La bellezza resta anche in estate”
Il 21 Giugno entra l’estate e al Regina Elena San Gallicano venerdì 21 giugno dalle ore 14:00 alle 16:00 (Centro congressi multimediale IFO – aula B) si terrà l’evento per guidare le pazienti oncologiche al vivere al meglio “la bella stagione”. La pelle in estate, per le donne che seguono trattamenti oncologici, è molto delicata […]
Nuove tecnologie, Tor Vergata all’avanguardia. D’Amato (Lazio): «Immagine completa del cuore veloce e con l’82% radiazioni in meno»
Un tempo di scansione pari a un solo battito (0,28 secondi). È la nuova TC Revolution con Spectral Imaging, presente presso la Fondazione Policlinico Tor Vergata di Roma che consente di avere un’immagine completa del cuore del paziente utilizzando oltre l’80% di radiazioni in meno rispetto a una macchina tradizionale. Le strumentazioni oggi in uso, infatti, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...