Salute 15 Febbraio 2024 10:38

Gli effetti del fumo sul sistema immunitario possono durare anni

Fumare è così dannoso che può addirittura cambiare il sistema immunitario di una persona, lasciandola vulnerabile a malattie e infezioni anche anni dopo aver smesso. Queste sono le conclusioni di uno studio condotto dall’Institut Pasteur di Parigi e pubblicato sulla rivista Nature. I risultati mostrano che il fumo diminuisce la capacità del corpo di combattere le infezioni e può anche esporre  al rischio di malattie croniche che comportano infiammazioni, come l’artrite reumatoide e il lupus

Gli effetti del fumo sul sistema immunitario possono durare anni

Fumare è così dannoso che può addirittura cambiare il sistema immunitario di una persona, lasciandola vulnerabile a malattie e infezioni anche anni dopo aver smesso. Queste sono le conclusioni di uno studio condotto dall’Institut Pasteur di Parigi e pubblicato sulla rivista Nature. I risultati mostrano che il fumo diminuisce la capacità del corpo di combattere le infezioni e può anche esporre  al rischio di malattie croniche che comportano infiammazioni, come l’artrite reumatoide e il lupus. “Smetti di fumare il prima possibile”, avverte la coautrice dello studio, Violaine Saint-André, specialista in biologia computazionale presso l’Institut Pasteur di Parigi. “Il messaggio chiave del nostro studio, soprattutto per i giovani, è che sembra esserci un interesse significativo per l’immunità a lungo termine nel non iniziare mai a fumare”, aggiunge.

Il fumo ha un impatto sulla risposta immunitaria simile a quello dell’età e del sesso

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno esaminato campioni di sangue di un gruppo di 1.000 persone sane di età compresa tra 20 e 69 anni, prelevati nel tempo. Gli scienziati volevano vedere come 136 variabili tra cui stile di vita, problemi socioeconomici e abitudini alimentari – oltre all’età, al sesso e alla genetica – influenzassero la risposta immunitaria. Hanno esposto i campioni di sangue a germi comuni come i batteri E. coli e il virus dell’influenza e hanno misurato la risposta immunitaria. Ebbene, il fumo, l’indice di massa corporea e un’infezione latente causata dal virus dell’herpes hanno avuto l’impatto maggiore. Ma il fumo ha creato il cambiamento più grande tanto da aver avuto quasi lo stesso impatto sulla risposta immunitaria di fattori importanti come l’età o il sesso.

Più dura l’abitudine al fumo maggiori sono i cambiamenti immunitari

Quando i fumatori nello studio hanno smesso con le “bionde”, la loro risposta immunitaria è migliorata in un certo senso, ma non si è ripresa completamente per anni. “La buona notizia è che inizia a resettarsi”, evidenzia Darragh Duffy, altro autore dello studio che dirige l’unità di immunologia traslazionale presso l’Institut Pasteur.. “Non è mai un buon momento per iniziare a fumare, ma se sei un fumatore, il momento migliore per smettere è adesso”, aggiunge. Lo studio ha anche scoperto che più qualcuno fuma, maggiori sono i cambiamenti nella risposta immunitaria. Lo studio ha scoperto che il fumo sembra avere effetti epigenetici a lungo termine sulle due principali forme di protezione del sistema immunitario: la risposta innata e la risposta adattativa. L’effetto sulla risposta innata scompare rapidamente quando qualcuno smette di fumare, ma l’effetto sulla risposta adattiva persiste anche dopo che si smette.

Fumare ha effetti a lungo termine sull’immunità adattiva

La risposta immunitaria innata è il modo generale in cui la pelle, le mucose, le cellule del sistema immunitario e le proteine ​​combattono i germi. Quando l’organismo capisce che la risposta innata non è sufficientemente protettiva, entra in azione il sistema immunitario adattivo che è composto da anticorpi nel sangue e in altri fluidi corporei, linfociti B e T che possono “ricordare” una minaccia e indirizzare l’attacco. “La scoperta più importante del nostro studio è che il fumo ha effetti a breve termine, ma anche a lungo termine sull’immunità adattativa associata alle cellule B e alle cellule T regolatorie e ai cambiamenti epigenetici”, afferma Saint-André.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...