Salute 23 aprile 2018

La salute della donna, Beatrice Lorenzin: «I nemici più pericolosi da combattere sono violenza e disturbi alimentari»

«Il bilancio dei femminicidi sembra un bollettino di guerra e i problemi alimentari sono la seconda causa di morte soprattutto fra le giovanissime», così il Ministro della Salute in occasione della giornata di sensibilizzazione

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

In Italia, una donna su tre è vittima di abuso fisico, psicologico o sessuale. Numeri che trasformano la violenza in un problema di salute pubblica globale. Anche i disturbi alimentari mettono a rischio il benessere femminile: il 95,9% di chi ne soffre è donna. Questi i due grandi temi al centro della terza Giornata nazionale della Salute della Donna, un’iniziativa nata per sensibilizzazione l’universo femminile sull’importanza della prevenzione e per insegnare alle donne a prendersi più cura di sé. Perché, come ha detto il ministro della Salute: «Curare una donna significa curare un’intera società».

Beatrice Lorenzin ha inaugurato il Villaggio della Salute allestito al ministero di viale Ribotta, a Roma, in occasione di questa giornata, tutta al femminile, che si celebra ogni anno il 22 aprile, dal nord al sud della penisola. Porte aperte a tutti i cittadini per sottoporsi a screening o chiedere consulenze gratuite ai professionisti della salute provenienti da ogni parte d’Italia.

«Per l’edizione 2018 – ha spiegato  il Ministro – abbiamo scelto di accendere i riflettori sul tema della violenza perché continua ad essere un fenomeno dai numeri davvero preoccupanti: il bilancio dei femminicidi sembra un bollettino di guerra.  Ma, accanto a queste  situazioni estreme, ci sono purtroppo molti casi di violenze psicologiche e fisiche ai danni di donne e bambini».

L’abuso fisico, psicologico e sessuale è un problema sanitario che colpisce oltre il 35% delle donne in tutto il mondo. Dati che trovano conferma anche in Italia, dove una donna su tre, tra i 16 e i 70 anni, ha subito una qualche forma di violenza fisica o sessuale nel corso della propria vita. Sono quasi 7 milioni le donne vittime di maltrattamenti, nella maggior parte dei casi da parte di partner o ex compagni.

È proprio per i suoi risvolti devastanti che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito la violenza come «un problema di salute pubblica globale», uno dei principali fattori di rischio, di cattiva salute e di morte prematura per le donne e le ragazze. Per fortuna, dei segnali di miglioramento ci sono stati: negli ultimi 5 anni le violenze fisiche o sessuali sono passate dal 13,3% all’11,3%, (dati Istat 2014) rispetto al 2006. Ma accanto a questa buona notizia, c’è un elemento negativo: la gravità delle violenze è aumenta.

«Alcune misure – ha continuato Lorenzin – sono già in atto. Altre, devono essere programmate. Per questo, all’interno del Villaggio della Salute, abbiamo istituito un tavolo ad hoc, costituito da esperti in grado di avanzare proposte e soluzioni che possano mettere fine alla violenza di genere».

Al centro della Giornata anche i disturbi dell’alimentazione, un altro  fenomeno quasi tutto al femminile: «Sono tre milioni le donne che soffrono di questo genere di disturbi – ha detto il ministro della Salute – Patologie che rappresentano la seconda causa di morte per le giovani adolescenti». Ogni anno si registrano almeno 8 nuovi casi per 100 mila persone di anoressia nervosa. Numero che per la bulimia sale a 12. Per entrambe, la fascia di età in cui l’esordio si manifesta più spesso è quella tra i 15 e i 19 anni. Ma non è escluso che il fenomeno possa coinvolgere anche i più piccoli.  «Oggi – ha sottolineato la  Lorenzin – ci sono casi di anoressia e bulimia selettiva  anche tra i bambini di 4 o 5 anni. Il tavolo tecnico, istituito oggi al ministero, servirà soprattutto a fare il punto sulle eventuali diversità, di diffusione e trattamento, presenti a livello territoriale».

Differenze tra il nord e il sud del Belpaese che si manifestano anche in tema di stili di vita, altro argomento al centro della Giornata della salute in rosa. Le donne meridionali sono meno in forma di quelle che vivono nelle regioni settentrionali. Più in generale, l’universo femminile ama meno lo sport, o ha meno tempo di praticarlo, di quello maschile. Tra le donne il 23,8% è in sovrappeso e il 9,9% obeso.  In compenso, le femmine bevono meno dei maschi, il 9,1% contro il 23,2%. Meno brave nella rinuncia al vizio del fumo: i fumatori uomini, dal 2002 al 2016, sono diminuiti di 20,7 punti percentuali, mentre le donne di 12,2.

Differenze di genere che richiedono anche diversità di trattamento. E in questo l’Italia non è rimasta indietro: «Abbiamo trasformato in legge – prosegue il Ministro – il riconoscimento della medicina di genere, che vuol dire ricerca e sperimentazione clinica per le donne,  ma anche implementazione delle misure di prevenzione e di presa in carico del paziente al femminile. Perché c’è una diversità della donna. E curare una donna  – ha concluso –  significa favorire la salute di un’intera famiglia e di tutta la collettività».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Femminicidio, la psicoterapeuta: stop alla paura. Donne ripartano dalla libertà
«Basta con atteggiamenti di timore nei confronti dei propri uomini. Le donne succubi e impaurite vanno aiutate ripartendo dal concetto di libertà individuale. Per questo bisogna insistere con campagne di prevenzione attraverso momenti di ascolto ed emancipazione». Così Paola Vinciguerra psicoterapeuta, presidente Eurodap-Associazione europea disturbi attacchi di panico e direttore scientifico del centro Bioequilibrium, commenta l’aumento di […]
Legge Lorenzin: approvati i decreti attuativi per Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
«Questo è un momento di svolta storico nella nostra professione perché arriva alla fine di un iter lungo che ha permesso di dare il giusto valore e riconoscimento a una professione con un ruolo sempre più fondamentale e centrale nella tutela della salute pubblica» così Nausicaa Orlandi, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
«Si rischia ad ogni turno la vita, ma voglio tornare lo stesso a fare il medico». Parla la dottoressa vittima di violenza
«L’unica soluzione è non rimanere mai soli» l’appello di Serafina Strano, la dottoressa catanese aggredita durante un turno notturno in guardia medica
Tennis&Friends al Foro Italico: i vip scendono in campo per la prevenzione
Tennis&Friends, il torneo Celebrities che unisce Salute, Sport, Solidarietà e Spettacolo ha registrato quest’anno 6000 presenze e 850 check up gratuiti. Giorgio Meneschincheri (Gemelli): «Oltre 50mila visite specialistiche in sei anni. In Italia la percentuale di mortalità è molto più alta nelle città in cui non viene fatta prevenzione»
FADOI, al 23° Congresso Nazionale presentato “Hospitalist” la nuova figura del medico internista
Un professionista con competenze cliniche e relazionali necessarie per seguire pazienti affetti da più patologie. Nell'ottica di un Paese sempre più colpito dalla cronicità, nascono nuove professionalità pronte a sopperire ai bisogni assistenziali: tutto questo al Congresso della Federazione Nazionale dei Dirigenti Ospedalieri Internisti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...