Salute 1 Dicembre 2017 11:07

Giornata Mondiale AIDS: Vicario (Presidente Collegio ostetriche): «Manca cultura della prevenzione»

I numeri dell’Istat non lasciano dubbi sulla drammaticità dei contagi di AIDS: nel 2016 sono state 778 le diagnosi di nuovi casi conclamati. «Un’efficace lotta contro l’Aids ha maggior successi puntando sull’informazione, in particolare tra giovani» così Maria Vicario, Presidente della Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche

I numeri dell’Istat non lasciano dubbi sulla drammaticità dei contagi di AIDS: nel 2016 sono state 778 le diagnosi di nuovi casi conclamati e nonostante l’incidenza risulti in lieve diminuzione negli ultimi 4 anni è aumentata, tuttavia, la quota di persone che si presentano già con un’infezione virale o con un tumore. A determinare la pericolosità della malattia così come del contagio è la sottovalutazione della pericolosità dell’AIDS, in particolare tra i più giovani. La Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche, proprio per la funzione e il ruolo che ha la Categoria delle Ostetriche è da sempre impegnata nella prevenzione contro tutte le malattie sessualmente trasmissibili e dunque anche contro l’HIV.

«Come ogni anno la FNCO, in occasione della Giornata mondiale contro l’Aids, vuol far sentire la propria voce nella lotta contro una malattia sessualmente trasmissibile che purtroppo ancora oggi continua a colpire milioni di persone in tutto il mondo e quindi anche nel nostro Paese – afferma la Presidente della Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche, Dottoressa Maria Vicario -. Quello che continua a mancare – sottolinea la Presidente Vicario – è una adeguata cultura della prevenzione e della conseguente tutela della propria salute. Questo è ancor più vero tra le donne e le giovanissime che sottovalutando la pericolosità della malattia non si proteggono ad esempio usando il preservativo durante i rapporti sessuali. La FNCO torna a sottolineare l’importanza del proprio progetto di “ostetrica di comunità”, grazie al quale è possibile mettere in campo in maniera strutturale e capillare un servizio di assistenza sanitaria più adeguato all’attuale società, in cui la fragilità di soggetti deboli, quali sono troppo spesso le donne, è ancora più marcata a causa della crisi economica, delle nuove povertà, cui si aggiungono i numeri sempre maggiori di donne immigrate che, spesso a causa delle violenze subite, possono presentare alcune malattie a trasmissione sessuale tra cui proprio l’AIDS».

Tornando ai dati dell’Istat, nel nostro Paese sono 3.451 le nuove diagnosi di infezione da Hiv registrate nel 2016, quasi 8 casi su 10 (76,9%) sono uomini e la fascia di età in cui si effettua la diagnosi è di 39 anni per i maschi e 36 per le femmine nel 2016, mentre l’incidenza maggiore si registra nella fascia d’età 25-29 anni.

«La lettura di questi dati è preoccupante poiché evidenziano un fatto su cui la FNCO è già intervenuta in diverse occasioni: ci si controlla quando spesso è tardi e la malattia è già in atto – commenta la Presidente Vicario -. Ricordo che un’efficace lotta contro l’Aids ha maggior successi puntando sull’informazione, in particolare tra le giovani e giovanissime che spesso iniziano ad avere rapporti sessuali in età adolescenziale, spesso anche a 14 anni. Per questo il lavoro svolto dalle ostetriche diventa cruciale ad esempio consigliando test diagnostici, informando sull’esistenza e pericolosità di alcune malattie anche in previsione di una buona salute riproduttiva. La presa in carico della salute della donna consente di anche di garantire quella dei compagni e dunque della coppia. Cui si aggiunge anche la possibilità di poter programmare anche una gravidanza con maggiori possibilità di successo in termini di impianto ma anche in sicurezza per la donna e il nascituro. Sebbene la medicina, intesa come cure, sia andata avanti garantendo una miglior qualità di vita l’obiettivo deve dunque rimanere quello del contrasto a tutto campo contro il contagio. “Evitare la trasmissione dell’AIDS oggi è possibile – ricorda infine la Presidente Vicario – innanzitutto con l’uso del preservativo in tutti i casi in cui si hanno rapporti sessuali occasionali e/o con partner non stabili».

 

Articoli correlati
Sanità, M5S: «Prevenzione e sistema di sorveglianza integrato, le nostre proposte per potenziare la lotta all’Aids»
«La lotta al Covid non deve farci dimenticare altre emergenze della nostra sanità, come la piaga dell’AIDS. Un fronte su cui non bisogna abbassare la guardia dato l’aumento della quota di persone a cui viene diagnosticata tardivamente l’infezione da HIV. Per questo come MoVimento 5 stelle abbiamo preparato un pacchetto di emendamenti, a prima firma […]
Giornata contro AIDS. Andreoni (Simit): «Il 95% dei pazienti oggi ha una vita normale, negli anni ‘80 moriva»
Il direttore scientifico della Simit: «La maggior parte dei soggetti con HIV in cura è over 60: l’età che avanza è la dimostrazione che le terapie funzionano. Necessario incrementare gli screening: con test eseguiti solo alla comparsa dei sintomi le diagnosi sono tardive»
di Isabella Faggiano
AIDS. Prevenzione, lotta allo stigma e terapie: alla Camera una legge per una nuova presa in carico del paziente
Il Ddl bipartisan, a prima firma D’Attis, prevede che l’esperienza maturata nella cura dell’AIDS possa diventare un modello organizzativo per crisi analoghe. Per i minori dai 16 ai 18 anni possibile fare il test anche senza il consenso del genitore. E il datore di lavoro non potrà svolgere indagini per accertare lo stato di sieropositività dei dipendenti
di Francesco Torre
1981-2021, quarant’anni di HIV. Simedet: «Vietato abbassare la guardia, diagnosi precoce fondamentale»
In un messaggio inviato ai propri soci, il presidente e il vicepresidente della Simedet (Società Italiana di Medicina diagnostica e terapeutica), Fernando Capuano e Manuel Monti, hanno voluto lanciare un messaggio in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS Ci attraverso il quale si uniscono idealmente “a tutte le persone affette dal virus dell’HIV per far […]
AIDS, Bologna (PP): «In Parlamento proposta per piano triennale d’intervento»
La proposta é entrata nel calendario della Commissione Affari Sociali e Sanità della Camera. La deputata: «Speriamo di poter iniziare presto l'iter di audizioni e discussione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...