Salute 18 Dicembre 2020 10:16

Giocattoli non sicuri. Boom di infortuni durante le feste natalizie, Reali (pediatra d’emergenza): «L’ingestione di pile provoca ustioni»

Il responsabile di Pediatria dell’Emergenza del Bambino Gesù: «I piccoli traumi sono i più frequenti. Attenzione all’ingestione o inalazione di piccoli oggetti. Marchio CE e istruzioni in italiano sono garanzia di sicurezza»

di Isabella Faggiano

Piccoli oggetti spigolosi che se ingeriti possono lesionare stomaco o intestino, batterie che rilasciano sostanze caustiche, gomme contenenti ftalati. I giocattoli dei bambini, se non adeguatamente costruiti e controllati, possono trasformarsi in delle vere e proprie armi che causano danni, alle volte anche gravi ed irreversibili.

«Gli infortuni dovuti all’utilizzo di giocattoli non conformi alle norme di sicurezza sono frequenti e subiscono un incremento durante le festività natalizie, periodo in cui i bambini ricevono più regali», spiega a Sanità Informazione Antonino Reale, responsabile di Pediatria dell’Emergenza dell’ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Non è un caso, infatti, se proprio in questi giorni il Comando dei Carabinieri per la Tutela della Salute sta svolgendo una specifica campagna di controllo in ambito nazionale su giocattoli e tradizionali articoli utilizzati nel periodo festivo. Finora sono state ispezionate oltre mille strutture commerciali e sequestrati prodotti del valore di oltre 80 mila euro.

Le regole per un acquisto sicuro

Per comprare giochi che permettano di divertirsi in sicurezza è sufficiente osservare pochi e semplici accorgimenti. «Innanzitutto – suggerisce Reale – acquistare giocattoli adeguati all’età del bambino, preferendo negozi riconosciuti, evitando bancarelle non autorizzate, dove è più facile imbattersi in merce contraffatta. Il secondo passo è osservare il marchio CE di conformità europea e la sua uguaglianza all’originale: la dicitura potrebbe essere presente ma contraffatta. La presenza di istruzioni in lingua italiana è un’ulteriore garanzia di riconoscimento della conformità del prodotto a livello nazionale». I Carabinieri per la Tutela della Salute hanno sequestrato 17mila articoli e i giocattoli erano privi proprio delle indicazioni obbligatorie di sicurezza all’uso, della marcatura CE e di etichettatura in lingua italiana.

I rischi del gioco

Anche una volta completato l’acquisto, rispettando meticolosamente i consigli dell’esperto, i controlli continuano. «Il genitore – aggiunge Reale – deve partecipare al gioco provando a fare ciò che farebbe un bambino: smontare, tirare, ricostruire, per verificare se ci sono piccoli pezzi facilmente scomponibili, come gli occhi di un orsetto o la ruota di un trenino». L’ingestione o inalazione di piccoli giochi non è così rara e può avere conseguenze più o meno gravi, a seconda dell’oggetto: «L’incidente più pericoloso è l’ingestione di pile a bottone. Nei giochi a norma di legge sono tenute al sicuro dalle classiche viti a stella che solo un adulto può svitare con un apposito cacciavite – dice Reale -, ma in quelli contraffatti sono tenute chiuse in un vano facilmente apribile anche dal dito di un bambino. Se ingerite, le sostanze caustiche rilasciate possono provocare ustioni in grado di perforare l’esofago, lo stomaco, fino all’aorta, con conseguenze irreversibili».

Se ad essere ingeriti sono, invece, piccoli oggetti è la loro forma a fare la differenza. «Quelli appuntiti – spiega Reale – possono ledere lo stomaco o l’intestino. Le palline causano più danni se calamitate e di numero superiore a due, poiché attaccandosi tra di loro non riescono a procedere lungo il canale intestinale e possono perforarlo. Un evento molto più pericoloso, ma più raro, è l’inalazione di corpo estraneo che può ostruire le vie respiratorie».

Esistono, poi, i cosiddetti danni a lungo termine. Giocattoli in gomma costruiti con ftalati per aumentarne la morbidezza potenzialmente in grado di causare alterazioni ormonali o plastiche che contengono sostanze cancerogene come cadmio e cromo.

Differenze per genere ed età: maschi e piccini i più in pericolo

Ma una buona notizia c’è: i rischi calano all’aumentare dell’età. «Dal primo al terzo anno si corrono i maggiori pericoli. Questo perché – spiega lo specialista – i bambini al di sotto dell’anno di vita hanno scarsa capacità di movimento, dopo i tre anni, poi, cominciano a percepire il senso del pericolo». Ma se si è genitori di figli maschi è meglio non abbassare la guardia neanche dopo la terza candelina: «Ad essere vittima di incidenti di piccola traumatologia da gioco spericolato sei volte su dieci sono i maschietti – conclude Reale -, a prescindere dall’età».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute visiva, spesso è l’insegnante a stimolare la prima visita oculista nei bambini
Ad accorgersi dei problemi di vista dei bambini è, spesso, l’insegnante, prima ancora dei genitori. Dei fattori di rischio dell’epidemia di miopia nei bambini in età scolare si parlerà oggi al 3° Congresso G.O.A.L (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi) a Milano
Pediatria, ecco il progetto che inserisce la “gentilezza” tra le buone pratiche
Dalla Rete Nazionale Medici Pediatri per la Gentilezza un vero e proprio “ricettario” di consigli per i bambini e le famiglie
Pop It, da tormentone dell’estate a strumento per alleviare ADHD e autismo
La neuropsicomotricista dell’età evolutiva: «I Pop It, come altri giocattoli sensoriali, ha degli interessanti risvolti terapeutici»
Educatore professionale a scuola, Riposati (CdAn): «La vera inclusione comincia tra i banchi»
Il presidente della CdA nazionale degli educatori professionali: «Serve una legge ad hoc per chi opera in ambito scolastico. C’è troppa confusione di ruoli e formazione»
di Isabella Faggiano
Covid-19, svelato il motivo per cui i bambini si ammalano molto meno
Una molecola “chiave” che apre le porte al virus è meno attiva. Lo hanno scoperto i ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate di Napoli, studiando i meccanismi di attacco del virus all’interno delle prime vie respiratorie in soggetti di età inferiore o superiore ai 20 anni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco