Salute 11 Marzo 2019 11:13

Gene Jolie, chi sceglie la chirurgia preventiva avrà diritto all’invalidità. Elisabetta Iannelli (FAVO): «Sarà valutata anche sofferenza psicologica»

«La circolare dell’Inps è senza precedenti – spiega il segretario generale della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia -: prende in considerazione, per la prima volta, la condizione di quelle donne, portatrici delle mutazioni BRCA1 e BRCA2, che pur essendo sane, presentano un alto rischio di ammalarsi di cancro al seno o alle ovaie»

di Isabella Faggiano
Gene Jolie, chi sceglie la chirurgia preventiva avrà diritto all’invalidità. Elisabetta Iannelli (FAVO): «Sarà valutata anche sofferenza psicologica»

Chi deciderà di seguire l’esempio di Angelina Jolie, combattendo il cancro ancor prima che si manifesti, potrà chiedere il riconoscimento dell’invalidità. L’attrice americana, dopo aver ricevuto un esito positivo dal test per la mutazione dei geni BRCA, che indica un alto rischio di tumore al seno e alle ovaie, si è sottoposta a mastectomia e ovariectomia preventive.

Ora, a tutte le donne italiane portatrici delle mutazioni BRCA1 e BRCA2, che sceglieranno la chirurgia preventiva da sane, senza quindi aver sviluppato la malattia, sarà riconosciuta una corretta percentuale d’invalidità. Un importante risultato raggiunto grazie al lavoro dell’INPS, dell’associazione aBRCAdaBRA, nata per rappresentare i bisogni delle persone portatrici della mutazione BRCA, e la FAVO, la Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia.

Elisabetta Iannelli, segretario generale FAVO, ai microfoni di Sanità Informazione, descrive l’importanza di questa novità, che apre ad una nuova consapevolezza sul rischio genetico.

Segretario Iannelli, di recente l’Inps ha emanato una circolare importante che potrebbe cambiare il modo di concepire il concetto di invalidità. Perché è tanto rivoluzionaria?

«La circolare dell’Inps, per la prima volta, prende in considerazione la condizione di quelle persone che pur essendo sane, presentano un alto rischio di contrarre malattia importanti, come quella oncologica. In particolare, parliamo delle mutazioni BRCA1 e BRCA2, in presenza delle quali le Linee guida nazionali e internazionali raccomandano due possibile strategie: una sorveglianza “speciale” con prestazioni diagnostiche specialistiche ravvicinate, oppure interventi chirurgici, come la mastectomia bilaterale o l’ovariectomia. Si tratta di operazioni importanti, demolitive, che possono avere delle ripercussioni piuttosto problematiche nella vita quotidiana delle donne che le subiscono. Ora, questa circolare dell’Inps chiarisce che tali mutazioni genetiche, pur presenti in persone sane, hanno delle ricadute in termini di invalidità».

LEGGI ANCHE: TUMORE AL SENO E RICOSTRUZIONE MAMMELLA, CON SCREENING A FLUORESCENZA DIMINUISCE IL RISCHIO DI NECROSI

Una donna che riceve una diagnosi di mutazioni BRCA1 e BRCA2, può optare, dunque, per la sorveglianza o per l’intervento chirurgico. In quale caso avrà diritto ad una valutazione della sua percentuale di invalidità?

«Indicativamente dopo che abbia scelto l’intervento chirurgico. La sorveglianza attiva, ovvero i controlli ravvicinati, pur rappresentando un peso nella vita di tutti i giorni, non hanno un impatto sull’invalidità. La mastectomia o l’ovariectomia, invece, obiettivamente sì».

La circolare dell’Inps contiene un’altra importante novità: il riconoscimento di una determinata percentuale di invalidità civile non solo per la menomazione permanente di determinati organi, ma anche per lo stress psichico che ne consegue. Quali sono i risvolti pratici di questa attenzione alla condizione psicologica della donna?

«Vivere con la consapevolezza di avere un alto rischio di una malattia importante, come quella oncologica, ha certamente un impatto non indifferente anche sulla salute psichica. Questo significa che, in alcuni casi, può manifestarsi anche una forma di depressione. La circolare dell’Inps offre indicazioni specifiche pure su questo punto, affinché vengano valutate correttamente quelle condizioni di sofferenza psicologica che influenzano pesantemente la qualità della vita».

La presenza del gene Jolie è la prima condizione di mutazione genetica a cui viene riconosciuta la possibilità di una valutazione dell’invalidità. Potrebbe essere un’apripista per il riconoscimento degli stessi diritti in presenza di altre mutazioni genetiche?

«Certamente il valore aggiunto di questa circolare è anche questo: aver valutato l’importanza di nuove forme di diagnosi preventiva e aver considerato il loro eventuale impatto sulla vita quotidiana in termini di disabilità. Attualmente le Linee guida indicano chiaramente interventi terapeutici o di sorveglianza in presenza delle mutazioni BRCA 1 e 2. Per altri tipi di mutazione genetica non siamo ancora a questo punto. Questa circolare rappresenta sicuramente un precedente importante per scelte future. Si spera, che di fronte a nuove ed eventuali evidenze scientifiche, si scelga di valutare la disabilità anche nelle persone sane, così come accade oggi per le donne con mutazioni BRCA 1 e 2».

Articoli correlati
Grazie ai tumoroidi hi-tech scoperte le proteine responsabili della formazione della maggior parte dei tumori
Lo studio di IFOM con l’università di Milano e Padova diretto dai professori Pagani e Piccolo ha permesso di identificare le proteine responsabili della crescita delle cellule tumorali. Prossimo obiettivo comprendere il meccanismo che le alimenta e studiare una cura farmacologica mirata
di Federica Bosco
Tumori, Iannelli (FAVO): «Urgente l’approvazione del Piano oncologico». E al ministero della Salute parte il tavolo ad hoc
Il XIII Rapporto della Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia sulla condizione assistenziale dei malati oncologici segnala un generale passo indietro rispetto agli anni passati
Tumori, crollo di screening, visite e interventi nel 2020. FAVO: «Subito Piano oncologico nazionale da inserire in PNRR»
Secondo i dati AGENAS emerge nel 2020 la diminuzione di circa il 30% dei volumi dei tre screening e una diminuzione consistente degli interventi. De Lorenzo: «Covid-19 uno tsunami per i malati di cancro, occorre progettualità complessiva da inserire nel Recovery Plan»
Lettera aperta dei malati di tumore al polmone a chi ha contratto la malattia da Covid-19
Questa lettera nasce da un’iniziativa di alcuni pazienti oncologici appartenenti al gruppo “Sconfiggiamo il cancro al polmone” di ALCASE Italia
di ALCASE Italia
Dl Sostegni, FAVO, AIL e UNIAMO: «Soddisfazione per tutela dei lavoratori fragili»
Le associazioni plaudono alle misure contenute nell'ultimo decreto che, tra le altre cose, chiarisce espressamente che i periodi di assenza dal servizio dei lavoratori fragili, giustificati dalla necessità di prevenire il rischio di contagio da Covid-19, non sono computabili nel periodo di comporto,
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 giugno, sono 175.965.522 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.804.217 i decessi. Ad oggi, oltre 2.34 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...