Salute 5 Giugno 2019

“Fotografare la voce”: a Milano il disagio di chi soffre di balbuzie raccontato attraverso le immagini

Al centro Vivavoce fino al 9 giugno la mostra che racconta il mondo delle persone affette da balbuzie. Il curatore Marezza: «Comunicare è importante e la comunicazione è un’emozione che ci viene data da chi comunica, indipendentemente dal modo in cui comunica»

di Federica Bosco

Rappresentare la voce attraverso le immagini per dare espressione al mondo chiuso dentro le persone che soffrono di balbuzie: è questo l’obiettivo della mostra fotografica curata da Marco Marezza, “Fotografare la voce” in esposizione dal 3 al 9 giugno presso la sede del centro medico Vivavoce di Milano.  Un lavoro corale che ha dato vita ad un percorso visivo di 19 opere prodotte da quattro artisti, Mauro Balletti, Luca Airaghi, Mattia Gargioni e Ricky Pravettoni: Universi distanti, ma uniti dalla fotografia, attraverso cui sono riusciti a rappresentare suoni, colori, memoria, forme e vibrazioni.

«Fotografare la voce è stata una bella sfida – spiega Marco Marezza, curatore della mostra fotografica – una prova per capire come è possibile comunicare in tanti altri modi e con tante altre persone. È stato bello riunire questi artisti e spingerli oltre con il loro lavoro».

Da un punto di vista tecnico, la scelta delle immagini come è stata fatta?

«Innanzitutto, cercando di differenziare ognuno nel proprio stile e poi raccogliendo le immagini con un’attenzione particolare alle cromie e al messaggio di ogni singolo artista. Chi pensava di comunicare con il linguaggio dei segni, come ha fatto Mattia Gargioni; chi ha rappresentato la voce, Mina, Mauro Balletti; chi si è preoccupato dei problemi della comunicazione, come ha fatto Luca Airaghi e poi Ricky Pravettoni che pur essendo autistico è riuscito ad emozionarci con il suo lavoro».

LEGGI ANCHE: BALBUZIE, AL VIVAVOCE DI MILANO UN METODO PER LAVORARE ALLA ‘RIEDUCAZIONE’

Quale immagine ti ha colpito di più?

«Per la verità indicarne una sola sarebbe riduttivo, abbiamo scelto quella tridimensionale di Mauro per il movimento, per l’urlo che c’è nella foto perché è arrivato davvero il momento di urlare per farci sentire ed allora l’immagine che abbiamo usato nella locandina ci rappresenta».

Tu hai parlato di un messaggio importante di questa mostra, qual è?

«Rendere tutti consapevoli che comunicare è importante e la comunicazione è un’emozione che ci viene data da chi comunica, indipendentemente dal modo in cui comunica».   

Articoli correlati
L’Ospedale Niguarda compie 80 anni. Il direttore Bosio: «Una storia di generosità e innovazione»
Con una grande festa al teatro dal Verme, condotta da Simona Ventura, si sono conclusi i festeggiamenti per l’Ospedale Niguarda di Milano, alla presenza delle istituzioni e di artisti del calibro di Vittorio Sgarbi e Roberto Vecchioni
di Federica Bosco
Milano “capitale del cuore”, 1300 cardiologi per promuovere donazioni e prevenzione
A partecipare in collegamento dagli Stati Uniti anche Reginald Green, papà di Nicholas, il bambino ucciso 25 anni fa da una pallottola vagante sulla Salerno Reggio Calabria
di Federica Bosco
Milano, la “spinta” dei genitori: «Test da cambiare. E se mio figlio non passa farò ricorso»
Visibilmente emozionati, ma tanto orgogliosi dei loro ragazzi. La squadra dei genitori che ha accompagnato gli oltre 2mila aspiranti medici questa mattina all’università Bicocca di Milano ha atteso per oltre tre ore che le porte dei padiglioni 6 e 7 si aprissero per conoscere l’esito di un test che è stato motivo di preoccupazione per […]
di Federica Bosco
Milano, arriva il nuovo Pronto soccorso al San Paolo: tecnologia e riservatezza per migliorare la gestione del paziente
«Le aree nuove ci aiuteranno a garantire una migliore sistemazione per i pazienti che, una volta destinati ad un’area, saranno assistiti senza essere spostati da un luogo ad un altro», spiega il direttore Marco Gardinali. Nel 2018 oltre 78mila accessi alla struttura
di Federica Bosco
“Salute, donne e screening”, il workshop al Politecnico di Milano
Una visione della salute e della sanità basata sulla prevenzione è oggi requisito fondamentale per qualsiasi attività seria e lungimirante di politica sanitaria. Sulla prevenzione e sugli screening si trovano oggi a rapportarsi in modo nuovo i cittadini e i medici, le strutture di cura e le istituzioni, i media e le associazioni di pazienti, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...