Salute 26 Novembre 2019

Forum Risk Management, apre il ministro Speranza: «Carenza medici, superare stagione dei tetti di spesa»

Il Ministro all’annuale Forum di Firenze torna sui risultati della manovra economica: «Il messaggio che la salute torna al centro e che si chiude definitivamente la stagione dei tagli. Fra le cose fatte penso che quella del Superticket abbia un messaggio anche più simbolico»

Immagine articolo

«Quello della carenza di personale in sanità è uno dei temi fondamentali se vogliamo salvare il nostro Servizio sanitario nazionale e rafforzarlo rispetto alle sfide del futuro. Io credo che già nel Patto per la salute dobbiamo dare un segnale molto netto». Al Forum Risk Management di Firenze il ministro della Salute Roberto Speranza ha esordito parlando di uno dei temi più sentiti nella sanità di oggi, quello della carenza di specialisti. Per Speranza è da superare «la stagione della spesa organizzata per silos chiusi e dei tetti di spesa. Lavorerò a quest’obiettivo e, sin dalla manovra di bilancio, mi auguro ci possano essere segnali interessanti per rispondere a questo grande tema della carenza del personale».

VIDEO: LA TAVOLA ROTONDA CON IL MINISTRO SPERANZA

(Il video inizia al minuto 00.29.00)

Il Forum, che andrà avanti fino al 29 novembre, mette a confronto i principali attori del sistema salute, dal ministro agli assessori alla sanità ai presidenti degli Ordini delle professioni sanitarie.

LEGGI ANCHE: AL VIA IL 14° FORUM RISK MANAGEMENT. GIANNOTTI: «MINISTRO LANCERÀ TAVOLO PERMANENTE CON LE PROFESSIONI SANITARIE»

A margine del Forum, Speranza ha parlato dei risultati raggiunti nella manovra di Bilancio: «Noi abbiamo ottenuto tre risultati straordinari in questa manovra. Primo: due miliardi in più sul fondo sanitario nazionale; secondo, due miliardi in più sull’edilizia e l’ammodernamento tecnologico; terzo, l’abolizione del Superticket. Io credo che dentro una manovra complicata, dove c’erano 23 miliardi di clausole di salvaguardia da provare a non far scattare, c’è un investimento molto significativo sul comparto salute. È il messaggio che la salute torna al centro e che si chiude definitivamente la stagione dei tagli. Fra le cose fatte – ha aggiunto Speranza – penso che quella del Superticket abbia un messaggio anche più simbolico, cioè noi diciamo ai cittadini: ‘Vogliamo che vi curiate, vogliamo prenderci cura di voi’, e quindi abbassiamo la diga che era rappresentata dal Superticket, questa brutta tassa sulla salute. L’abbiamo abbassata e questo rappresenta sicuramente un fatto importante e positivo». Per quanto riguarda la spesa sanitaria, secondo il ministro «si è fatto un passo avanti molto significativo: due miliardi in più significa l’1,7% in più. Voglio ricordare che negli ultimi due anni c’era +0,7% e +0,9%; quest’anno +1,7%, ma bisogna fare ancora meglio, mettere più soldi sul servizio sanitario nazionale per renderlo pronto ad affrontare le sfide del futuro».

Articoli correlati
Aggressioni e Consulta, al Ministero le prime riunioni. Speranza: «Da febbraio Ddl antiviolenza alla Camera»
Il Ministro ha convocato a Lungotevere Ripa i rappresentanti degli Ordini delle professioni sanitarie: cronicità e riforma della Formazione continua in primo piano. Sul Ddl aggressioni sottolinea: «Se tempi in Parlamento andranno per le lunghe non escludo decreto d’urgenza»
Meno Day Hospital e lungodegenze, nel 2018 gli ospedali italiani alleggeriti dalle cronicità. I dati del Rapporto SDO
Migliora l'appropriatezza e l'efficienza nell'uso delle risorse ospedaliere. Diminuita anche la remunerazione teorica delle prestazioni di ricovero ospedaliero a carico del SSN negli anni 2010-2018
Elezioni Emilia-Romagna, Bonaccini punta sulla sanità: «Riapriremo i punti nascita in montagna»
Lo scontro elettorale si sposta sui servizi sanitari regionali. Il governatore uscente annuncia una nuova politica sui punti nascita e maggiori stanziamenti per i caregiver. Critiche sono arrivate dalla candidata della Lega, Lucia Borgonzoni
Aggressioni, De Luca: «Videosorveglianza sulle ambulanze». La FIMMG torna a chiedere lo status di pubblico ufficiale
Intanto il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato per giovedì 16 gennaio l'Osservatorio permanente, mentre la FNOMCeO progetta un docufilm per sensibilizzare l'utenza
«Il nostro SSN è il migliore, ma non lo sarà per sempre». Un libro spiega il perché
Scritto dal direttore generale della Programmazione sanitaria del ministero della Salute, Andrea Urbani, il libro si propone di fare chiarezza sui limiti dell'attuale governance e sulle sfide future
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...