Salute 5 Luglio 2021 09:51

Formazione mmg, ancora fermo il bando 2021-2024. Carenza di medici nelle grandi città

La denuncia del segretario Fimmg Silvestro Scotti: «Anche alcuni quartieri di Napoli sono scoperti. Ma le regioni continuano a rinviare il bando. Così rischiano di andare in sofferenza i soggetti fragili delle periferie». Anche nell’hinterland milanese mancano medici di medicina generale

Formazione mmg, ancora fermo il bando 2021-2024. Carenza di medici nelle grandi città

Solo pochi giorni fa, i dati registravano una mancanza di medici di medicina generale a Milano e nel suo hinterland. Una carenza che ormai inizia a lambire le grandi città ma che non sembra sbloccare il corso di formazione Mmg per il triennio 2021 – 2024. Doveva essere bandito a febbraio, ma a luglio ancora non ci sono tracce. Eppure, c’è un gran bisogno di medici di base e solo il rispetto dei tempi della formazione può garantire il ricambio necessario dei colleghi che lasciano per andare in pensione.

La denuncia di Fimmg

«Da tempo Fimmg sta denunciando la situazione – spiega a Sanità Informazione il Segretario del sindacato Silvestro Scotti -. Le proiezioni sull’andamento professionale in Fimmg si studiano da 15 anni e da tempo denunciamo il tema della carenza. Tutto assolutamente noto, ma la risposta delle Regioni è che si ritarda il bando. Qualcuno mi spiega perché l’unico bando bloccato è quello del corso di formazione Mmg? Sembra quasi che il Covid infetti solo gli impiegati che devono occuparsi di questa parte amministrativa oppure che fare una domanda per il corso di formazione in medicina generale crei trasmissione del contagio di Covid. È inconcepibile».

Non si tratta dell’unico ritardo che la formazione in medicina generale deve registrare. Il corso di formazione 2020 partirà con grande ritardo, probabilmente a fine luglio. Un problema già denunciato anche dalla FNOMCeO che, per voce del presidente Filippo Anelli, aveva lanciato l’allarme: «Tanti italiani rischiano, così, di rimanere senza medico di famiglia, tante zone d’Italia, soprattutto quelle più disagiate, corrono il pericolo di restare “scoperte” dal punto di vista dell’assistenza».

A Milano come a Napoli

Concetto reso ancora più chiaro dalle parole di Scotti: «Non solo Milano, ci sono anche quartieri di Napoli che non sono coperti. Questo sta succedendo un po’ dappertutto. Non è più un problema della piccola provincia. Ora è arrivato nella grande città, nei quartieri più periferici. Rispetto alle carenze, il medico nuovo tende a scegliersi le zone che possono offrire di più, nella speranza che il rapporto con il cittadino sia meno asimmetrico. In questa situazione, a fronte di una offerta larga e una domanda stretta, si rischia di creare maggiori diseguaglianze perché andranno a soffrire i soggetti più fragili delle periferie».

Secondo il segretario Fimmg, il problema non si risolve con l’aumento delle Case di Comunità, come previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. «Noi abbiamo lanciato una proposta che sta trovando seguito nelle maggiori capitali europee – conclude Scotti -. Non è vero che in città e nelle metropoli servono le Case di Comunità: in realtà servono punti di riferimento sanitari nei quartieri raggiungibili in 15 minuti a piedi che riducano la mobilità e permettano al cittadino la vera prossimità e non la falsa prossimità delle Case di Comunità. Basta dividere 302mila km quadrati per 1300 Case di Comunità per sapere che ce n’è una ogni 200 kilometri quadrati. Se la prossimità che immaginiamo è questa, spero che quel giorno facciano una colonia su Marte così me ne vado lì».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
IV ondata Covid e influenza stagionale, Cricelli (SIMG): «Il picco dei due virus coinciderà per la prima volta dall’inizio della pandemia»
Tra Covid, influenza, vaccini e malati cronici il lavoro dei medici di famiglia quintuplica. Il presidente SIMG: «L’influenza ha superato il livello epidemico stagionale. Il picco è previsto, in anticipo, per la fine dell’anno»
di Isabella Faggiano
A Foggia lo strano caso delle trattenute ai MMG a distanza di decenni. Ma i medici non ci stanno e sono pronti al ricorso
A una quindicina di medici trattenute come recupero coatto di somme corrisposte per pazienti che in realtà erano deceduti o si erano trasferiti. Il caso sbarca in Parlamento con una interrogazione di Rosa Menga. E si muove anche il Direttore della Programmazione del Ministero della Salute Andrea Urbani
di Francesco Torre
Green pass, Bartoletti (Fimmg): «Serve a tutelare salute dei non vaccinati»
«Mettere una persona non vaccinata a tavola con vaccinati la espone ad un rischio molto elevato di poter contrarre il Covid in forma anche grave. Essere chiari in questo senso, significa non limitare nessuno ma tutelare chi oggi il vaccino non ce l’ha non solo perché non lo vuole fare ma anche perché non lo può fare»
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
«Nelle Case e negli Ospedali di Comunità manca il sociale». La denuncia del presidente CNOAS Gianmario Gazzi
Nei due pilastri della riforma della sanità territoriale prevista dal PNRR, secondo il presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali, l’assistente sociale è solo “fortemente raccomandato” e comunque è in carico ai servizi comunali. Sul Reddito di Cittadinanza spiega: «Va rivisto ma tenuto, tutti i paesi europei hanno una misura di contrasto alla povertà»
di Francesco Torre
“Medici a mani nude”: nasce l’associazione che unisce familiari di MMG e pediatri di libera scelta deceduti per Covid-19
L'associazione nei prossimi giorni si interfaccerà con tutte le forze politiche per richiedere tavoli di discussione sugli emendamenti al Disegno di legge 2350 su “Interventi finalizzati a garantire un giusto ristoro in favore dei medici deceduti o che hanno riportato lesioni o infermità di tipo irreversibile a causa dell’infezione da SARS-CoV-2”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi