Salute 30 Settembre 2020

Fondazione Onda: «Ben otto operatori sanitari su dieci testimoni di episodi di violenza fisica o verbale»

Questi sono alcuni dati dell’indagine di Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, presentata al IV Congresso nazionale, nell’ambito del progetto “Gli stereotipi di genere in sanità: un percorso culturale” dell’iniziativa di Regione Lombardia ‘Progettare le Parità in Lombardia 2019’

Otto operatori sanitari su dieci hanno subito o assistito almeno a un episodio di violenza all’interno del contesto ospedaliero. Lo evidenzia una ricerca di Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, nell’ambito del progetto “Gli stereotipi di genere in sanità: un percorso culturale” e dell’iniziativa di Regione Lombardia ‘Progettare le Parità in Lombardia 2019’.

I DATI 

Lo studio è stato fatto su un campione di 893 figure ospedaliere provenienti dalle principali ASST lombarde. È emerso che gli episodi di violenza sono prevalentemente di natura verbale sia per le donne (79%) che per gli uomini (74%) da parte principalmente di pazienti (54%), famigliari dei pazienti (39%), caregiver (33%) e anche di colleghi di grado superiore (28%). Non vengono a mancare gli episodi di violenza fisica sia nei confronti degli uomini (29%) sia delle donne (18%), scatenati principalmente dall’agitazione della persona (55%), da problemi psichiatrici (44%) e dalla percezione di una mancata assistenza (27%).

COME IMPATTA TUTTO CIÒ SUGLI OPERATORI SANITARI?

Frustrazione e senso di impotenza dominano il pensiero delle donne; rabbia, disagio, disgusto e odio sono le emozioni percepite dagli uomini. Subire questi episodi di aggressione fisica ha portato a percepire il luogo di lavoro meno sicuro per 1 persona su 2, a sminuire il proprio valore professionale e la propria attività ed efficienza lavorativa per 1 persona su 4. Infatti, circa il 50% dei medici è interessato a dei corsi di formazione per imparare a saper gestire la violenza, soprattutto chi ha già avuto episodi violenti sia fisici che verbali.

I dati dell’indagine sono stati presentati nel corso di un convegno organizzato nell’ambito del IV Congresso Nazionale di Fondazione Onda, e hanno fornito la base per la stesura di un Manifesto che sintetizza le best practice e le raccomandazioni destinate a Istituzioni, ospedali, società scientifiche, mondo accademico e alle associazioni pazienti per ridurre il gender gap all’interno delle strutture ospedaliere e salvaguardare la sicurezza degli operatori sanitari. Tra le linee guida suggerite, il potenziamento dei sistemi di sicurezza e sorveglianza, la promozione di campagne informative di educazione e prevenzione, la creazione di uno sportello per la mediazione e il supporto psicologico, le attività formative per gli operatori, la garanzia di uno stipendio adeguato e condizioni di lavoro più eque e la tutela delle donne che rientrano dalla maternità.

QUI PER IL MANIFESTO

«Pregiudizi di genere e violenza sul posto di lavoro – dichiara Francesca Merzagora, Presidente Fondazione Onda – sono le dinamiche più comuni rilevate nei 6 ospedali lombardi partner di questo importante progetto regionale che vuole offrire indicazioni e suggerimenti per superare il bias di genere in sanità sensibilizzando le Direzioni ad attivare pratiche virtuose a tutela del proprio personale. La recente approvazione da parte del Senato del disegno di legge 867 costituisce un primo importante passo in avanti per salvaguardare la sicurezza degli operatori sanitari in prima linea più che mai in questo difficile periodo storico».

LA DIFFERENZA DI GENERE

Dalla survey, inoltre, è emerso che, anche in sanità, la differenza di genere nel mondo del lavoro è una tematica ricorrente e rimasta irrisolta. Uno degli aspetti più critici è saper conciliare famiglia e lavoro: se oltre la metà dei papà nel mondo sanitario non ha nessun timore di demansionamento a seguito della genitorialità, per le donne, medico, infermiera o comunque professioniste della salute che operano in ospedale, non si può dire lo stesso. Benché il 70% degli intervistati dichiari che il proprio sesso non li abbia penalizzati nella crescita professionale e nelle mansioni svolte, il 44% delle donne, nel momento in cui hanno deciso di avere figli, sono state assalite da ansie e paure temendo per il proprio posto di lavoro. Tornate al lavoro, a conferma di quei timori, il 40% ha ritenuto la propria situazione lavorativa mutata. Penalizzazione della crescita professionale, turni, mansioni svolte e salario, situazione percepita soltanto dal 14% dei papà.

«Ci colpiscono i dati emersi dall’indagine di Fondazione Onda – commenta Letizia Caccavale, Presidente del Consiglio per le Pari Opportunità di Regione Lombardia – in particolare rispetto a situazioni di violenza e discriminazione prevalentemente femminili soprattutto in un momento storico segnato da un’emergenza sanitaria che ha visto prime tra tutte le nostre donne, mamme, mogli e professioniste impegnare e investire la loro vita al servizio del prossimo. Ci complimentiamo per la qualità della ricerca e per la vision del progetto illustrata in maniera molto chiara nei dieci punti del Manifesto». «Oltre a complimentarmi per la qualità della indagine voglio soprattutto sottolineare la scelta dei soggetti da indagare – conclude Francesca Zajczyk, Vicepresidente del Consiglio per le Pari Opportunità di Regione Lombardia. In un periodo nel quale del mondo della sanità si parla quasi come se fosse composta da fattorini qualche modo neutro. L’indagine ha scelto di parlare della componente femminile nella sanità e dei tanti problemi, soggettivi e oggettivi, che queste donne si trovano ad affrontare, spesso da sole e rimanendo in silenzio».

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Gravissima carenza medici in discipline specialistiche, conseguenza di una scellerata incapacità di programmare il fabbisogno»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
“SM e gravidanza: Semplicemente Mamma”, la campagna di Onda per le donne con sclerosi
Posso diventare mamma anche con la sclerosi multipla? Posso trasmettere la malattia al mio bambino? La gravidanza può peggiorare il decorso della malattia? Posso allattare? Il periodo successivo al parto è a rischio ricadute? Come posso spiegare la malattia al mio bimbo? Queste sono solo alcune delle domande più frequenti che assillano le donne con […]
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
Al via sorveglianza epidemiologica delle sindromi simil influenzali. Ecco il nuovo protocollo alla luce del Covid
La partecipazione dei medici è volontaria ma è importante che i professionisti che decidono di aderire garantiscano la continuità della rilevazione dei dati per tutto il periodo della sorveglianza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...