Salute 21 Novembre 2016

FIMMG, Scotti nuovo Segretario Nazionale: «Per i medici di famiglia inizia una nuova fase»

Silvestro Scotti è il nuovo Segretario Generale Nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale. A eleggerlo il congresso straordinario del sindacato. Eletta anche la squadra che comporrà il prossimo esecutivo nazionale: Pier Luigi Bartoletti (Vice Segretario Vicario), Giacomo Caudo (Segretario Amministrativo), Malek Mediati (Segretario Organizzativo), Filippo Anelli, Vittorio Boscherini e Fiorenzo Corti vice segretari

Immagine articolo

È Silvestro Scotti il nuovo Segretario Generale Nazionale della Fimmg, la Federazione Italiana Medici di Medicina Generale. Eletta anche la squadra che comporrà il prossimo esecutivo nazionale del sindacato: Pier Luigi Bartoletti (Vice Segretario Vicario), Giacomo Caudo (Segretario Amministrativo), Malek Mediati (Segretario Organizzativo) Filippo Anelli, Vittorio Boscherini e Fiorenzo Corti vice segretari. Nominato Domenico Crisarà segretario del segretario.

«Per la Fimmg si apre oggi una nuova fase – ha detto Scotti – la ‘collegialità responsabile’ deve essere il punto di riferimento delle azioni del nostro sindacato, recuperando il ruolo fondamentale che svolgono i territori nei rapporti istituzionali e politici». Scotti ha poi parlato delle priorità da affrontare nel suo mandato: «Il primo impegno resta la ripresa delle trattative per il nuovo Acn. Bisogna fare presto e fare bene perché non è più rinviabile la definizione di una Convenzione che ci permetta di curare i nostri pazienti al meglio. Il nostro modello è chiaro: è necessario potenziare, anche a livello contrattuale, l’autonomia organizzativa e la responsabilità professionale per garantire una presa in carico globale del paziente mantenendo fermo il valore fondante della Medicina Generale, che è il rapporto di fiducia con i nostri pazienti. Dalla Legge di Bilancio di quest’anno, attraverso l’emendamento sostenuto dal Governo, ci aspettiamo le risorse minime per consentire di ripartire con il confronto in una maniera seria» ha aggiunto.

Ma il tema vero, per Scotti, «rimane il potenziamento della medicina generale con un forte sostegno al ricambio generazionale ormai alle porte. Secondo i nostri calcoli – ha sottolineato – per consentire continuità alla medicina di famiglia andrebbe raddoppiato il numero dei medici che accedono ai corsi di formazione specifica in medicina generale». Un’ultima riflessione sul dibattito aperto sulla possibile trasformazione del corso di formazione in medicina generale in specialità: «È un tema troppo rilevante per essere affrontato in una legge di bilancio. Il problema c’è, ma va affrontato nelle sedi opportune e con i tempi necessari».

Articoli correlati
Covid, le Regioni accelerano sui tamponi ma i Mmg denunciano criticità nella comunicazione dei risultati
L'allarme della Fimmg in Campania, Lazio e Liguria: con l'aumento dei tamponi ritardi e difficoltà nella certificazione si aggraveranno
Medicina generale, l’allarme di FISMU: «Intervenga Speranza o andremo in Tribunale»
In alcune Regioni il Decreto Calabria sarebbe stato applicato in «modo abusivo e a danno dei medici che hanno il diritto di iscriversi al corso di formazione specifica in medicina generale»
Rendicontazione screening scuola, FIMMG: «No a inutili lungaggini burocratiche»
«Sarebbe assurdo sottrarre tempo agli assistiti per rendicontare due volte lo stresso dato; se il Covid ci ha insegnato qualcosa è che il Sistema sanitario ha bisogno di procedure snelle e non di inutili e farraginosi cicli burocratici».
Tavolo sulla Medicina Generale, le priorità secondo Fnomceo e Fimmg
Riorganizzare il Ssn anche con le disponibilità del Recovery Fund, la formazione dei Mmg e il ruolo della sanità convenzionata tra gli highlights del tavolo sulla medicina generale
Medicina Generale, lunedì il Tavolo con il Ministro. Anelli (FNOMCeO): «Grande opportunità politica»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «I medici sono leva per il cambiamento»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 settembre, sono 31.032.045 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 960.729 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto