Salute 27 Ottobre 2020 11:35

«L’Europa sia pronta alle epidemie del futuro». L’appello degli scienziati guidati da Ippolito (Spallanzani)

Firmato da Giuseppe Ippolito, riunisce 15 esperti da Europa e Stati Uniti. Si chiede di riflettere sui fallimenti dell’epidemia e preparare un nuovo sistema di allerta precoce

«L’Europa sia pronta alle epidemie del futuro». L’appello degli scienziati guidati da Ippolito (Spallanzani)

Un appello alle Istituzioni europee firmato da 15 scienziati provenienti da Italia, Francia, Usa, Germania, Portogallo e Regno Unito, e pubblicato su Nature da Giuseppe Ippolito. Una richiesta ai leader politici di potenziare la risposta sanitaria per non farsi trovare impreparati alla prossima epidemia.

Il direttore scientifico dell’INMI Spallanzani di Roma scrive da parte di Istituzioni sanitarie, agenzie governative e non e università. Tra i firmatari, nomi del calibro di Franco Locatelli dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù, università Sapienza di Roma e presidente del Consiglio superiore di sanità; Nicola Magrini dell’Agenzia italiana del farmaco; Raffaella Sadun dell’Harvard University di Boston; Antoine Lafont, dell’Hôpital Européen Georges-Pompidou di Parigi; Markus Maeurer del Champalimaud Centre for the Unknown di Lisbona; Gino Strada di Emergency; Rainer Meillicke, del Public Health Department di Siegburg in Germania; Alimuddin Zumla, dell’University College di Londra, e Michel Pletschette, dell’università di Monaco.

«COVID HA EVIDENZIATO I FALLIMENTI DELL’UE»

«La pandemia Covid-19 – si legge – ha evidenziato i fallimenti nell’attuazione delle disposizioni del trattato dell’Unione Europea per salvaguardare il benessere dei suoi cittadini. I leader europei hanno ora annunciato piani per riformare i sistemi sanitari pubblici dell’UE attraverso un pacchetto di recupero da 750 miliardi».

«A nostro avviso, servirebbe una strategia transdisciplinare che affronti le esigenze individuali, locali, regionali e globali. Dovrebbe essere istituito un centro di riferimento a livello europeo per le malattie infettive che hanno un potenziale epidemico, da incorporare nei piani nazionali di protezione sanitaria», è la richiesta degli scienziati. Una collaborazione, dunque, che non si attivi dall’inizio di un’emergenza, ma lavori sempre per evitarne una nuova.

ALLERTA PRECOCE E COOPERAZIONE TRA ENTI SANITARI

«Le iniziative – si elenca nella lettera – includerebbero sorveglianza epidemiologica e sistemi di allerta precoce; cooperazione tra enti sanitari pubblici nazionali e internazionali; diffusione di linee guida tecniche e protocolli clinici per la gestione della malattia; coordinamento della ricerca; maggiore capacità di laboratorio per la rapida identificazione di nuovi patogeni; e funzionari della sanità pubblica formati e pronti a implementare test su larga scala, tracciamento dei contatti e misure di quarantena».

«Tali programmi dovrebbero collaborare con la proposta agenzia dell’UE per la ricerca e sviluppo biomedico avanzato e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini, Ippolito (Cts): «Rischi Covid maggiori di ipotetici eventi avversi. Tanto basta per decisioni razionali»
Dalle rare reazioni avverse di AstraZeneca e Johnson&Johnson ai dubbi sulla seconda dose, le risposte del direttore scientifico dello Spallanzani e membro del Cts Giuseppe Ippolito
di Peter D'Angelo
Vaccinare tutto il mondo e farlo velocemente: è davvero possibile?
Le proposte per aumentare la produzione di vaccini: licenza intellettuale sospesa temporaneamente, accordi tra aziende in competizione e formazione
Digital Green Pass, per tornare a viaggiare l’Ue punta sul certificato vaccinale. Gli eurodeputati: «Non sia discriminatorio»
L’idea della Commissione europea prevede un documento digitale che attesterà se una persona è stata vaccinata contro il Covid-19, ha ottenuto un risultato negativo al test oppure è guarito dal Covid-19. Pedicini (Verdi): «Non ne approveremo uso restrittivo». Baldassarre (Lega): «Bene ma deve essere strumento provvisorio»
Draghi al Senato: «Riaperture cominceranno dalle scuole dopo Pasqua, se si potrà»
Il presidente del Consiglio è intervenuto in Senato parlando di vaccini e Unione Europea. Dopo Pasqua, se ci saranno le condizioni, le scuole almeno per i più piccoli dovrebbero riaprire. Intanto il certificato vaccinale diventa concreto
Vaccino Covid, Regimenti (Lega): «Fondo indennizzo Ue e ‘scudo penale’ medici per gestire rischio»
L'europarlamentare della Lega, in una interrogazione presentata alla Commissione Ue, chiede di «allocare delle risorse per creare un meccanismo di rimborso per la tutela di pazienti e medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...