Salute 27 Ottobre 2020 11:35

«L’Europa sia pronta alle epidemie del futuro». L’appello degli scienziati guidati da Ippolito (Spallanzani)

Firmato da Giuseppe Ippolito, riunisce 15 esperti da Europa e Stati Uniti. Si chiede di riflettere sui fallimenti dell’epidemia e preparare un nuovo sistema di allerta precoce

«L’Europa sia pronta alle epidemie del futuro». L’appello degli scienziati guidati da Ippolito (Spallanzani)

Un appello alle Istituzioni europee firmato da 15 scienziati provenienti da Italia, Francia, Usa, Germania, Portogallo e Regno Unito, e pubblicato su Nature da Giuseppe Ippolito. Una richiesta ai leader politici di potenziare la risposta sanitaria per non farsi trovare impreparati alla prossima epidemia.

Il direttore scientifico dell’INMI Spallanzani di Roma scrive da parte di Istituzioni sanitarie, agenzie governative e non e università. Tra i firmatari, nomi del calibro di Franco Locatelli dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù, università Sapienza di Roma e presidente del Consiglio superiore di sanità; Nicola Magrini dell’Agenzia italiana del farmaco; Raffaella Sadun dell’Harvard University di Boston; Antoine Lafont, dell’Hôpital Européen Georges-Pompidou di Parigi; Markus Maeurer del Champalimaud Centre for the Unknown di Lisbona; Gino Strada di Emergency; Rainer Meillicke, del Public Health Department di Siegburg in Germania; Alimuddin Zumla, dell’University College di Londra, e Michel Pletschette, dell’università di Monaco.

«COVID HA EVIDENZIATO I FALLIMENTI DELL’UE»

«La pandemia Covid-19 – si legge – ha evidenziato i fallimenti nell’attuazione delle disposizioni del trattato dell’Unione Europea per salvaguardare il benessere dei suoi cittadini. I leader europei hanno ora annunciato piani per riformare i sistemi sanitari pubblici dell’UE attraverso un pacchetto di recupero da 750 miliardi».

«A nostro avviso, servirebbe una strategia transdisciplinare che affronti le esigenze individuali, locali, regionali e globali. Dovrebbe essere istituito un centro di riferimento a livello europeo per le malattie infettive che hanno un potenziale epidemico, da incorporare nei piani nazionali di protezione sanitaria», è la richiesta degli scienziati. Una collaborazione, dunque, che non si attivi dall’inizio di un’emergenza, ma lavori sempre per evitarne una nuova.

ALLERTA PRECOCE E COOPERAZIONE TRA ENTI SANITARI

«Le iniziative – si elenca nella lettera – includerebbero sorveglianza epidemiologica e sistemi di allerta precoce; cooperazione tra enti sanitari pubblici nazionali e internazionali; diffusione di linee guida tecniche e protocolli clinici per la gestione della malattia; coordinamento della ricerca; maggiore capacità di laboratorio per la rapida identificazione di nuovi patogeni; e funzionari della sanità pubblica formati e pronti a implementare test su larga scala, tracciamento dei contatti e misure di quarantena».

«Tali programmi dovrebbero collaborare con la proposta agenzia dell’UE per la ricerca e sviluppo biomedico avanzato e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Regimenti (eurodeputata): «Comitato scientifico tutto italiano a consulenza della Commissione Covid UE»
Un confronto con l'onorevole Luisa Regimenti, medico legale ed eurodeputata, sull'impronta della scienza italiana in Europa e su quanto ci aspetta in autunno con professionisti formati per quello che verrà
Parlamento Ue vara commissione su pandemia. Regimenti (FI): «Ora realizzare UE della Salute»
L’eurodeputata è uno dei 38 membri della commissione speciale che dovrà esaminare cosa ha funzionato e cosa è andato storto nella gestione del Covid a livello europeo. Entro 12 mesi sarà elaborata una relazione
di Francesco Torre
Speranza su quarta dose: «Ue assuma posizione unitaria su tempi e fasce d’età»
Il ministro Speranza, intervenendo al Consiglio dei ministri europei della Salute, si rivolge all’UE: «Fare in tempi stretti una proposta su quarta dose basata esclusivamente sull'evidenza scientifica»
Da dove viene Omicron? Le tre teorie più probabili spiegate bene dal prof. Rasi
Una "fuga invisibile" perché sviluppatasi in un Paese poco monitorato, una serie di mutazioni incubate da un soggetto con patologia cronica oppure un retropassaggio verso una specie animale tra le più pericolose per le malattie: quella di topi e ratti. Come si è sviluppata Omicron con le sue 55 mutazioni, lontanissima da Alpha e Delta che da sola ha contagiato più in due mesi di quanto le prime due abbiano fatto in anni? Lo abbiamo chiesto al prof. Rasi, consigliere di Figliuolo e direttore scientifico di Consulcesi
Draghi: «Chi non si è vaccinato lo faccia al più presto. Green pass strumento di libertà». E fa un appello a Paesi ricchi e Big Pharma
Il presidente del Consiglio è intervenuto in Aula alla Camera in vista del Consiglio Ue al via da domani: «Prudenza, ma ci avviamo al Natale più preparati e sicuri»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...