Salute 27 Ottobre 2020

«L’Europa sia pronta alle epidemie del futuro». L’appello degli scienziati guidati da Ippolito (Spallanzani)

Firmato da Giuseppe Ippolito, riunisce 15 esperti da Europa e Stati Uniti. Si chiede di riflettere sui fallimenti dell’epidemia e preparare un nuovo sistema di allerta precoce

«L’Europa sia pronta alle epidemie del futuro». L’appello degli scienziati guidati da Ippolito (Spallanzani)

Un appello alle Istituzioni europee firmato da 15 scienziati provenienti da Italia, Francia, Usa, Germania, Portogallo e Regno Unito, e pubblicato su Nature da Giuseppe Ippolito. Una richiesta ai leader politici di potenziare la risposta sanitaria per non farsi trovare impreparati alla prossima epidemia.

Il direttore scientifico dell’INMI Spallanzani di Roma scrive da parte di Istituzioni sanitarie, agenzie governative e non e università. Tra i firmatari, nomi del calibro di Franco Locatelli dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù, università Sapienza di Roma e presidente del Consiglio superiore di sanità; Nicola Magrini dell’Agenzia italiana del farmaco; Raffaella Sadun dell’Harvard University di Boston; Antoine Lafont, dell’Hôpital Européen Georges-Pompidou di Parigi; Markus Maeurer del Champalimaud Centre for the Unknown di Lisbona; Gino Strada di Emergency; Rainer Meillicke, del Public Health Department di Siegburg in Germania; Alimuddin Zumla, dell’University College di Londra, e Michel Pletschette, dell’università di Monaco.

«COVID HA EVIDENZIATO I FALLIMENTI DELL’UE»

«La pandemia Covid-19 – si legge – ha evidenziato i fallimenti nell’attuazione delle disposizioni del trattato dell’Unione Europea per salvaguardare il benessere dei suoi cittadini. I leader europei hanno ora annunciato piani per riformare i sistemi sanitari pubblici dell’UE attraverso un pacchetto di recupero da 750 miliardi».

«A nostro avviso, servirebbe una strategia transdisciplinare che affronti le esigenze individuali, locali, regionali e globali. Dovrebbe essere istituito un centro di riferimento a livello europeo per le malattie infettive che hanno un potenziale epidemico, da incorporare nei piani nazionali di protezione sanitaria», è la richiesta degli scienziati. Una collaborazione, dunque, che non si attivi dall’inizio di un’emergenza, ma lavori sempre per evitarne una nuova.

ALLERTA PRECOCE E COOPERAZIONE TRA ENTI SANITARI

«Le iniziative – si elenca nella lettera – includerebbero sorveglianza epidemiologica e sistemi di allerta precoce; cooperazione tra enti sanitari pubblici nazionali e internazionali; diffusione di linee guida tecniche e protocolli clinici per la gestione della malattia; coordinamento della ricerca; maggiore capacità di laboratorio per la rapida identificazione di nuovi patogeni; e funzionari della sanità pubblica formati e pronti a implementare test su larga scala, tracciamento dei contatti e misure di quarantena».

«Tali programmi dovrebbero collaborare con la proposta agenzia dell’UE per la ricerca e sviluppo biomedico avanzato e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gallina (Ue): «Vaccini saranno gratuiti, obbligatorietà può ritorcersi contro. Sicurezza primo criterio»
Il Direttore generale per la salute e la sicurezza alimentare della Commissione europea, Sandra Gallina, in audizione al Senato, spiega: «Non ci sarà nessuno che farà da cavia: destineremo 12-15 milioni di euro al monitoraggio, a cura dell’EMA, di ogni evento avverso». E poi rassicura: «Non è vero che ci vogliono 10 anni per fare un vaccino»
Covid, Ippolito (Spallanzani): «Primi risultati vaccino italiano soddisfacenti»
Ippolito (Spallanzani): «A breve - prosegue - avremo anche i dati dei volontari di età superiore a 65 anni, e potremo così pianificare con ReiThera le fasi 2 e 3 della sperimentazione, in linea con i tempi stabiliti»
Ue concede più poteri a Ecdc e Ema, obbiettivo: rafforzare la sanità
Un nuovo pacchetto di leggi che permetterà all'Unione di dichiarare lo stato di emergenza sanitaria transfrontaliero, nel rispetto dei trattati con gli stati
Coronavirus, Bassi (Statale Milano): «Così la buona comunicazione giova a medico e a paziente»
Intervista alla docente di Comunicazione e relazione in medicina. La rivista Nature: «Si è aperto un nuovo canale fra clinico e pubblico, va conservato»
di Tommaso Caldarelli
La Ue ha firmato un contratto per 300 milioni di dosi del vaccino Sanofi/Gsk
Si tratta del secondo contratto dopo quello con AstraZeneca. L'Ue potrà scegliere di donare dosi del vaccino Sanofi/Gsk a Paesi con reddito medio-basso. Per Von der Leyen è un ulteriore passo all'accesso equo a vaccini sicuri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli