Salute 23 settembre 2014

Fecondazione eterologa, basta scuse: stavolta si parte sul serio

Le strutture sono pronte, ma intanto continua il dibattito sui ticket

Immagine articolo

Il Lazio colma il suo ritardo e si pone ai blocchi di partenza sulla fecondazione eterologa. Le regole che d’ora in poi disciplineranno la procreazione assistita, omologa ed eterologa, sono state deliberate nei giorni scorsi dalla giunta regionale, e ricalcano fedelmente le linee guida approvate di recente dalla Conferenza Stato – Regioni.

Dal limite dei 43 anni d’età per la donna, al tetto massimo di tre cicli cui ci si potrà sottoporre in strutture pubbliche, che saranno 7 su un totale di 21 centri operativi.

A Roma è già attivo il Sant’Anna, mentre il San Filippo e il Pertini attendono dei certificati. Già definite le autorizzazioni di San Camillo, Gemelli, S. Maria Goretti di Latina e del Policlinico Umberto I di Roma, per arrivare a regime entro fine anno, nonostante il Gemelli abbia annunciato di non voler praticare l’eterologa. Il modello sarà simile a quello toscano, con la previsione di ticket di cui però non si conosce ancora il valore esatto: la cifra è infatti soggetta ad un gran numero di variabili, tenendo presente che la Regione Lazio è commissariata, e che per gli aspetti tecnici ci si dovrà confrontare con il governo, anche per trovare un accordo su una soluzione uniforme con le altre Regioni che hanno optato per lo stesso metodo.

Un intervento necessario per evitare l’emigrazione coatta dei pazienti verso Regioni più “economiche”. Per fare un confronto, in Liguria il ticket è calcolato su base reddituale, mentre nel Lazio il ticket per sottoporsi alla fecondazione omologa è di 1800 euro: non è escluso che questa cifra possa costituire una base di partenza per quella eterologa. E poi, la voce fuori dal coro – quella del Movimento per la Vita – contro il ticket per chi ricorre all’eterologa: una crociata ideologica secondo cui la sterilità non sarebbe una patologia, ma una condizione, e avere un figlio non sarebbe un diritto, ma un desiderio.

Articoli correlati
40 anni fa nasceva Louise Brown e iniziava l’era della Procreazione Medicalmente Assistita
25 luglio 1978: una data storica, rivoluzionaria, nel campo della Riproduzione Medicalmente Assistita. A Oldham, cittadina nel Nord dell’Inghilterra, nasce Louise Brown, la prima bambina concepita in provetta grazie alla fecondazione assistita, tecnica che risulterà fondamentale per affrontare con successo infertilità e sterilità. Da quel giorno di tempo ne è trascorso davvero molto e in […]
Fecondazione eterologa: finalmente il ticket, ma la Lombardia si chiama fuori
E la presidente della Commissione Igiene e Sanità, Emilia Grazia De Biasi, presenta un disegno di legge
Fecondazione eterologa, le Regioni adottano una linea comune
Tra i punti cardine la disciplina della donazione e l'inserimento nei Lea
Fecondazione eterologa: grazie a un decreto entrerà nei Lea e nei centri pubblici
Lorenzin: "Strumento necessario per una rapida e uniforme applicazione"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila