Salute 9 settembre 2014

Fecondazione eterologa, le Regioni adottano una linea comune

Tra i punti cardine la disciplina della donazione e l’inserimento nei Lea

Immagine articolo

Il rischio di un Far West  normativo sulla fecondazione eterologa sembra essere scongiurato. Così come sono destinate a scomparire tutte le perplessità nate dopo la pronuncia della Consulta, che aveva dichiarato illegittima la legge 40/2004 laddove vietava il ricorso a questo tipo di tecnica.

Per il presidente della Consulta, infatti, l’ordinamento avrebbe già in sé le indicazioni – e le limitazioni – necessarie affinché tutti i centri adibiti alla fecondazione assistita presenti in Italia possano procedere alla pratica dell’eterologa. Intanto, però la Conferenza delle Regioni ha approvato all’unanimità delle linee guida necessarie, al momento, per garantirne l’uniforme applicazione su tutto il territorio. Linee guida che, condivise dal Ministero della Salute, hanno tutte le carte in regola per diventare “legge” a loro volta.

Nello specifico sono stati definiti: la selezione del donatore e la sua età minima e massima; l’istituzione di un registro dei donatori; la garanzia della tracciabilità del percorso dal donatore al ricevente; l’anonimato e il consenso informato; gli esami genetici e infettivi. Per quanto riguarda i costi, la procedura sarà inserita nei Lea, e quindi gratuita, per le donne entro i 43 anni d’età. Intanto, la Toscana ha fatto da apripista in Italia per quanto riguarda l’applicazione della norma: già a fine luglio è stata approvata una delibera che permette ad ospedali e cliniche di iniziare a praticare l’eterologa: al Careggi è già boom di prenotazioni fino febbraio per accedere al percorso. A breve il via libera alle procedure anche in due centri marchigiani.

Le altre Regioni esaminano la questione da diversi punti di vista: c’è chi, come il governatore del Veneto Luca Zaia, pone l’accento sulla necessità di frenare l’emigrazione coatta delle coppie per sottoporsi all’eterologa e chi, come l’assessore alla Sanità del Piemonte, Antonio Saitta, ricorda che non è una competizione tra le Regioni ma anzi, ciò che conta è che queste garantiscano uniformità di applicazione. Su un punto sono tutti d’accordo: approvata la legge, nessuno resti indietro.

Articoli correlati
40 anni fa nasceva Louise Brown e iniziava l’era della Procreazione Medicalmente Assistita
25 luglio 1978: una data storica, rivoluzionaria, nel campo della Riproduzione Medicalmente Assistita. A Oldham, cittadina nel Nord dell’Inghilterra, nasce Louise Brown, la prima bambina concepita in provetta grazie alla fecondazione assistita, tecnica che risulterà fondamentale per affrontare con successo infertilità e sterilità. Da quel giorno di tempo ne è trascorso davvero molto e in […]
Fecondazione eterologa: finalmente il ticket, ma la Lombardia si chiama fuori
E la presidente della Commissione Igiene e Sanità, Emilia Grazia De Biasi, presenta un disegno di legge
Fecondazione eterologa, basta scuse: stavolta si parte sul serio
Le strutture sono pronte, ma intanto continua il dibattito sui ticket
Fecondazione eterologa: grazie a un decreto entrerà nei Lea e nei centri pubblici
Lorenzin: "Strumento necessario per una rapida e uniforme applicazione"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...