Salute 9 Dicembre 2015

«Esportiamo le nostre competenze». Un modello europeo contro le pandemie

Al Parlamento europeo arriva l’allerta di Ignazio Corrao, Presidente Commissione Sviluppo e Diritti Umani: «Formazione e informazione e sui vaccini campagne di consapevolezza e confronto»

Immagine articolo

Cooperazione e sviluppo. Un paradigma vincente nella gestione della più grande emergenza sanitaria dell’ultimo decennio, l’epidemia di Ebola, ma anche un modello applicabile a qualsiasi altra pandemia che il mondo si troverà a fronteggiare.


Tanto per cominciare, il virus Ebola muta continuamente e – secondo gli esperti – prima o poi tornerà a minacciarci. Lo stesso premier Renzi, alla conferenza degli ambasciatori dello scorso luglio, ha sottolineato il fatto che le pandemie ci sono e ci saranno.  Ciò che conta è se e quanto il mondo è preparato ad affrontarle. La formazione del personale è stata protagonista, oltre che sul campo, anche sul grande schermo, grazie al film “e-bola”, presentato alla recente Festa del cinema di Roma. Un progetto che ha messo in luce l’esigenza di un coordinamento internazionale e di una formazione tecnologicamente avanzata. Sanità informazione, sul tema, ha intervistato a Bruxelles Ignazio Corrao (M5S – EFDD), presidente della Commissione Sviluppo e Diritti Umani al Parlamento europeo.

«Questo approfondimento su Ebola arriva al momento giusto – commenta Corrao -. Durante una nostra recente missione in Sierra Leone abbiamo avuto modo di vedere come è stata affrontata la crisi durante il picco, come erano organizzate le strutture sanitarie, purtroppo molto carenti, e l’efficienza in cui le organizzazioni internazionali hanno contribuito a fronteggiare l’emergenza. La Sierra Leone, come gli altri Paesi in quella fascia, non hanno avuto solo Ebola ma sono costantemente in balìa di ogni emergenza igienico-sanitaria. La formazione è qualcosa di fondamentale. È vero che in Sierra Leone mancavano gli strumenti tecnici, strutture e infrastrutture – osserva Corrao – ma ciò di cui più si sentiva la carenza era una formazione adeguata. È questo il motivo per cui siamo in contatto con le autorità africane, per investire affinché il personale interno sia in grado di sopperire alla mancanza di fondi esterni e di affrontare emergenza come quella vissuta con l’Ebola».

La chiave di volta nella prevenzione, però, sembra risiedere proprio nel comune sentire della popolazione. Epidemie banali e a noi molto vicine rischiano di trasformarsi in qualcosa di grave a causa della recente diffidenza verso i vaccini, dovuta a un problema di informazione e comunicazione tra medico e paziente, nonostante il ministro Lorenzin e il presidente dell’Istituto Superiore della Sanità, Walter Ricciardi, abbiano sottolineato l’importanza dello strumento vaccinale…
«In Italia, paese industrializzato e occidentale, sulle vaccinazioni ancora non c’è sufficiente informazione e quindi consapevolezza. Da un lato c’è l’interesse delle grandi multinazionali del farmaco, dall’altro c’è la necessità di tutelare la salute. Il tema è stato lasciato all’organizzazione governativa e agli interessi economici di qualche colosso. Sarebbe giusto – conclude Corrao – prima di decidere cosa va fatto e cosa no, iniziare una campagna concreta di informazione e dibattito per una soluzione ragionevole e condivisa dai cittadini italiani ed europei».

Articoli correlati
Parkinson e Covid-19: quali aspettative? Il simposio al Virtual Congress 2020
Al Virtual International Congress of Parkinson's Disease and Movement Disorders 2020 si è parlato della gestione dei sintomi del Parkinson nel corso della pandemia di COVID-19
Farmaci e Covid-19, Aifa: «Boom idrossiclorochina, ansiolitici e vitamine»
A fare il punto il Rapporto OsMed presentato dall’Agenzia italiana del farmaco. Il direttore Magrini: «Sforzo di Aifa nella gestione delle carenze. Si è agito per evitare che i malati cronici dovessero andare in ospedale»
Giornata nazionale vittime Covid-19, la testimonianza di Mammì (M5S): «Ho dato alla luce una bambina mentre nella camera accanto si moriva»
La parlamentare M5S Stefania Mammì tra le prime a presentare un Ddl per l’istituzione della Giornata nazionale delle vittime racconta la sua esperienza: «I miei colleghi infermieri sono eroi perché solo gli eroi antepongono la vita degli altri alla propria». Ai ragazzi dice: «Non abbassiamo la guardia»
Covid-19, De Palma (Nursing Up): «Report Inail mette a nudo l’amara realtà. Noi infermieri come soldati allo sbaraglio»
«L’83 per cento dei casi denunciati di avvenuto contagio erano infermieri. Il 63 per cento delle vittime nel mondo sanitario erano infermieri. I dati non lasciano spazio a dubbi» così il presidente del Sindacato Infermieri Italiani
FederAnziani e Unilever insieme per i nonni in difficoltà: in arrivo duemila box solidali
Al via l'iniziativa “Consegniamo un sorriso” per gli over 65 di numerose città italiane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...