Salute 7 Gennaio 2020 11:52

Epilessia, causa di morte? Romeo (Fatebenefratelli Sacco): «No ad allarmismi, ma ecco cosa fare in caso di crisi»

Dopo le morti del Juice Wrld e dell’attore Cameron Boyce, il direttore del centro regionale di epilessia infantile del Fatebenefratelli Sacco di Milano fa chiarezza per evitare allarmismi: «Le crisi che durano poco non creano problemi. Ma attenzione a colori, suoni e calcoli matematici…»

di Federica Bosco

Al mondo sono 50 milioni le persone che soffrono di crisi epilettiche, e sono soprattutto i bambini ad esserne colpiti. Causate da malformazioni cerebrali, traumi, problematiche vascolari o neonatali, circa il 15% è farmaco-resistente. Ma si può morire di epilessia? A domandarselo sono in molti, in particolare dopo la morte del giovane rapper Juice Wrld e dell’attore Cameron Boyce, entrambi di 20 anni. Per il professor Antonino Romeo, direttore del centro regionale di epilessia infantile del Fatebenefratelli Sacco di Milano, che ha in carico 2mila pazienti, è importante fare chiarezza per non alimentare inutili allarmismi.

LEGGI ANCHE: EPILESSIA, GIANRICO CAROFIGLIO: «VI RACCONTO COME LA MALATTIA PUO’ TRASFORMARSI IN OPPORTUNITÀ»

Professore, si può morire di epilessia?

«La crisi di solito dura pochissimo e non è, di per sé, causa di morte. Mi riferisco alle crisi tonico cloniche generalizzate, le classiche crisi che se durano poco non creano problemi».

Cosa fare all’insorgere di una crisi?

«Noi raccomandiamo di mettere il paziente sul fianco, di non tentare di aprirgli la bocca, di slacciare la maglia, mettere un cuscino dietro al capo per evitare che sbatta la nuca sul pavimento, non cercare di immobilizzare gli arti, ma accompagnarlo nella sua crisi».

Ci sono novità dalla ricerca?

«Negli ultimi anni sono comparse molte molecole che ci consentono peraltro di controllare le crisi del bambino e dell’adolescente con epilessia. Poi c’è una quota di soggetti che può essere sottoposta alla chirurgia dell’epilessia: sono i bambini o  i ragazzi che hanno forme di epilessia focali, ovvero localizzate in una determinata zona, per cui si può procedere con la chirurgia».

Ci sono fattori scatenanti delle crisi epilettiche?

«C’è un gruppo di epilessie dell’adolescenza che sono scatenate dalla privazione di sonno, quindi quello che raccomandiamo è proprio un corretto stile di vita».

Quando si parla di epilessie riflesse?

«Sono epilessie abbastanza rare, che si scatenano a seguito di uno stimolo, che può essere luminoso, o qualcosa di particolare come il videogioco che può avere certi input che non sono solo legati al cambiamento di colore. Ci sono epilessie rarissime anche legate al calcolo, in seguito quindi ad un ragionamento di calcolo matematico, e poi ci sono epilessie da suoni».

Ci sono anche sostanze che possono scatenare una crisi epilettica?

«Certamente un abuso di droghe può essere un altro fattore scatenante».

Articoli correlati
Giornata Internazionale Epilessia: la Sin fa il punto alla luce dell’emergenza pandemica
L'epilessia è una malattia che interessa circa 50 milioni di persone in tutto il mondo e non meno di 500.000 in Italia. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la inserisce tra le malattie sociali
Epilessia, Oms: «Patologia globale dal forte impatto sociale»
Approvata dall’assemblea Oms risoluzione per contrastare gli effetti negativi su chi soffre di epilessia ed altri disturbi neurologici
Dalla telemedicina un aiuto ai malati di epilessia. Mecarelli (Lice) alle Istituzioni: «Serve formazione»
Il presidente Lice: «Un nuovo lockdown farebbe meno paura ai malati di epilessia con il supporto specialistico a distanza»
di Federica Bosco
43° congresso LICE: un paziente su due con epilessia escluso dal mondo del lavoro
Presentato oggi da LICE e Fondazione ISTUD, in chiusura del 43° Congresso delle Lega Italiana Contro l’Epilessia, il Position Paper sul rapporto tra occupazione ed epilessia
Epilessia e lockdown, problemi per il 40% dei pazienti. L’indagine LICE
Dal sondaggio condotto dalla lega italiana contro l’epilessia, emerge che su circa 1000 persone, di cui la metà affetti da epilessia, quasi 2 pazienti su 10 hanno manifestato il peggioramento dei propri sintomi durante la quarantena. Visite bloccate e difficoltà di gestire il follow-up della propria malattia per quasi 1 paziente su 2
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...