Salute 7 Gennaio 2020 11:52

Epilessia, causa di morte? Romeo (Fatebenefratelli Sacco): «No ad allarmismi, ma ecco cosa fare in caso di crisi»

Dopo le morti del Juice Wrld e dell’attore Cameron Boyce, il direttore del centro regionale di epilessia infantile del Fatebenefratelli Sacco di Milano fa chiarezza per evitare allarmismi: «Le crisi che durano poco non creano problemi. Ma attenzione a colori, suoni e calcoli matematici…»

di Federica Bosco

Al mondo sono 50 milioni le persone che soffrono di crisi epilettiche, e sono soprattutto i bambini ad esserne colpiti. Causate da malformazioni cerebrali, traumi, problematiche vascolari o neonatali, circa il 15% è farmaco-resistente. Ma si può morire di epilessia? A domandarselo sono in molti, in particolare dopo la morte del giovane rapper Juice Wrld e dell’attore Cameron Boyce, entrambi di 20 anni. Per il professor Antonino Romeo, direttore del centro regionale di epilessia infantile del Fatebenefratelli Sacco di Milano, che ha in carico 2mila pazienti, è importante fare chiarezza per non alimentare inutili allarmismi.

LEGGI ANCHE: EPILESSIA, GIANRICO CAROFIGLIO: «VI RACCONTO COME LA MALATTIA PUO’ TRASFORMARSI IN OPPORTUNITÀ»

Professore, si può morire di epilessia?

«La crisi di solito dura pochissimo e non è, di per sé, causa di morte. Mi riferisco alle crisi tonico cloniche generalizzate, le classiche crisi che se durano poco non creano problemi».

Cosa fare all’insorgere di una crisi?

«Noi raccomandiamo di mettere il paziente sul fianco, di non tentare di aprirgli la bocca, di slacciare la maglia, mettere un cuscino dietro al capo per evitare che sbatta la nuca sul pavimento, non cercare di immobilizzare gli arti, ma accompagnarlo nella sua crisi».

Ci sono novità dalla ricerca?

«Negli ultimi anni sono comparse molte molecole che ci consentono peraltro di controllare le crisi del bambino e dell’adolescente con epilessia. Poi c’è una quota di soggetti che può essere sottoposta alla chirurgia dell’epilessia: sono i bambini o  i ragazzi che hanno forme di epilessia focali, ovvero localizzate in una determinata zona, per cui si può procedere con la chirurgia».

Ci sono fattori scatenanti delle crisi epilettiche?

«C’è un gruppo di epilessie dell’adolescenza che sono scatenate dalla privazione di sonno, quindi quello che raccomandiamo è proprio un corretto stile di vita».

Quando si parla di epilessie riflesse?

«Sono epilessie abbastanza rare, che si scatenano a seguito di uno stimolo, che può essere luminoso, o qualcosa di particolare come il videogioco che può avere certi input che non sono solo legati al cambiamento di colore. Ci sono epilessie rarissime anche legate al calcolo, in seguito quindi ad un ragionamento di calcolo matematico, e poi ci sono epilessie da suoni».

Ci sono anche sostanze che possono scatenare una crisi epilettica?

«Certamente un abuso di droghe può essere un altro fattore scatenante».

Articoli correlati
Epilessia, LICE: «La famiglia è caregiver più prezioso»
La LICE, Lega Italiana Contro l’Epilessia, in occasione della Giornata dedicata alla Famiglia, accende i riflettori su tutte le mamme, papà, fratelli e parenti che si prendono cura ogni giorno di una persona che soffre, ricordando che la famiglia rappresenta il caregiver più prezioso, e a volte insostituibile, per le prsone con epilessia
Dalla dieta chetogenica alla gestione delle crisi, ecco come “vivere con l’epilessia”
Un manuale redatto dalla LICE, Lega italiana contro l’epilessia, spiega come affrontare i vari aspetti che circondano questa patologia. E affronta anche il tema delicato dello stigma, che colpisce sia bambini che adulti. Ben il 60% delle persone con epilessia non ha occupazione
Prima di morire si rivede davvero il film della propria vita, lo studio
Per la prima volta sono state trovate le prove che poco prima di morire tutta la vita ti passa davanti
In arrivo il primo Piano d’Azione Internazionale per la gestione dell’epilessia
Realizzato anche grazie al contributo di FIE e IBE. A maggio si vota la ratifica. Cervellione (FIE/ELO): «L’Italia non può farsi trovare impreparata, chiediamo un tavolo permanente presso il Ministero della Salute»
Epilessia, Bambino Gesù: «Circa 4mila insegnanti e ragazzi formati a gestire le crisi in classe»
Ridotte drasticamente le richieste di intervento al 112. Per la Giornata Mondiale dell’Epilessia del 14 febbraio, diretta social con gli esperti dell’Ospedale Pediatrico della Santa Sede.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...