Salute 30 Novembre 2016 11:48

Epilessia, al Neuromed simposio sulla malattia che conta 30mila nuovi caso l’anno

All’Istituto Neurologico d’Isernia ‘EpInForma’ il simposio occasione di confronto fra medici per approfondire e aggiornarsi sulla diagnosi e sui trattamenti legati all’epilessia. Di Gennaro (Neuromed): «Una malattia neurologica che può colpire entrambi i sessi e a tutte le età»

L’epilessia affligge in Italia più di 500mila persone. Alla malattia neurologica maggiormente diffusa e purtroppo in aumento, è dedicata la due giorni presso l’I.R.C.C.S. Neuromed di Isernia. Ne hanno sofferto i più grandi, da Leonardo da Vinci a Michelangelo e il simposio, dal titolo ‘EpInForma’, è un’occasione di confronto fra i medici specialisti provenienti da tutta Italia. L’incontro infatti ha come scopo quello di fare chiarezza sulle differenti tipologie di epilessia e dunque le conseguenti diagnosi e i corretti trattamenti terapeutici. Particolare oggetto di confronto, le Epilessie Idiopatiche Generalizzate (IGE) che costituiscono quasi un terzo di tutte le epilessie.

«Sono geneticamente determinate e interessano pazienti di entrambi i sessi e di tutte le razze – spiega il dottor Giancarlo Di Gennaro, responsabile dell’Unità di Chirurgia dell’Epilessia dell’I.R.C.C.S. Neuromed e organizzatore del simposio –. Si possono manifestare con assenze tipiche, attacchi mioclonici e crisi generalizzate tonico-cloniche, talora in varie combinazioni e di varia gravità. La maggior parte delle crisi si verifica al risveglio, soprattutto dopo la deprivazione di sonno, e frequente è anche la fotosensibilità. Questa tipologia di Epilessia può nascere durante l’infanzia o l’adolescenza e generalmente accompagna tutta la vita».

L’epilessia conta circa 30 mila nuovi casi diagnosticati ogni anno solo in Italia e nei paesi industrializzati colpisce una persona su cento. La malattia si può manifestare nei primi anni di vita (entro i 12 anni nel 70% dei casi) con attacchi e crisi di vario tipo che rappresentano il campanello di allarme. Tuttavia la malattia si può manifestare a qualsiasi età non solo in età infantile ma anche in età adulta.

Articoli correlati
Chiaramonte: «Noi malati di Porpora Trombotica Trombocitopenica. Invisibili tra gli invisibili»
«Fermarci ad ascoltare chi soffre. Stabilire una relazione diretta con i malati. Accendere i riflettori su questa piccola comunità di persone. Ecco le nostre richieste». Così Massimo Chiaramonte, Presidente dell’Associazione Nazionale Porpora Trombotica Trombocitopenica Onlus a Sanità Informazione
Colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia
La Cassazione: colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia. Una diagnosi errata può infatti provocare danni seri al paziente
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
IRCCS Neuromed: placche aterosclerotiche “dialogano” con il cervello. La ricerca pubblicata su Nature
Sulla prestigiosa rivista scientifica i risultati di una collaborazione internazionale che vede in prima linea l'IRCCS Neuromed di Pozzilli
Alzheimer e Parkinson: arriva la diagnosi che “passa” dalla pelle
Da uno studio congiunto ISS, IRCCS San Raffaele e CNR una metodica innovativa per la diagnosi di malattie neurodegenerative, per testare strategie terapeutiche e identificare nuovi biomarcatori
Prima di morire si rivede davvero il film della propria vita, lo studio
Per la prima volta sono state trovate le prove che poco prima di morire tutta la vita ti passa davanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali